WTA Finals 2018

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
WTA Finals 2018
Sport Tennis pictogram.svg Tennis
Data 21 ottobre - 28 ottobre
Edizione 48ª (singolare) / 43ª (doppio)
Superficie Cemento indoor
Località Singapore Singapore
Campioni
Singolare
Ucraina Elina Svitolina
Doppio
Ungheria Tímea Babos / Francia Kristina Mladenovic
Left arrow.svg 2017 2019 Right arrow.svg

Le WTA Finals 2018 (conosciute anche come BNP Paribas WTA Finals Singapore presented by SCglobal) sono state un torneo di tennis che si è giocato a Singapore dal 21 al 28 ottobre. Il torneo si è disputato al Singapore Indoor Stadium. Il Masters femminile, dotato di un montepremi di 7.000.000 dollari, ha visto in campo le migliori otto giocatrici di singolare della stagione, divise in due gironi (con la formula del round robin), e le migliori otto coppie di doppio della stagione.

Qualificate[modifica | modifica wikitesto]

Singolare[modifica | modifica wikitesto]

Ranking Giocatrice Punti Tornei Data qualificazione
inj Romania Simona Halep 6 921 15 13 agosto
1 Germania Angelique Kerber 5 375 18 10 settembre
2 Danimarca Caroline Wozniacki 5 086 18 4 ottobre
3 Giappone Naomi Ōsaka 4 740 19 2 ottobre
4 Rep. Ceca Petra Kvitová 4 255 20 4 ottobre
5 Stati Uniti Sloane Stephens 3 943 19 14 ottobre
6 Ucraina Elina Svitolina 3 850 18 17 ottobre
7 Rep. Ceca Karolína Plíšková 3 840 23 17 ottobre
8 Paesi Bassi Kiki Bertens 3 710 24 18 ottobre

Il 13 agosto, Simona Halep è la prima a qualificarsi per il singolare.[1]

Simona Halep vince, a Parigi, il suo primo torneo del Grande Slam.

Simona Halep ha iniziato la stagione con la vittoria del torneo di Shenzhen, sconfiggendo in finale Kateřina Siniaková in tre set. Ha poi preso parte all'Australian Open, dove ha raggiunto la finale dopo aver salvato tre match point nella sfida al terzo turno contro Lauren Davis e due in semifinale contro Angelique Kerber. Tuttavia, perde nell'ultimo atto contro Caroline Wozniacki in tre set, perdendo anche il primo posto nel ranking proprio a favore della tennista danese. Ha poi dato forfait in semifinale a Doha e perso sempre in semifinale a Indian Wells, rispettivamente contro Garbiñe Muguruza e Naomi Ōsaka. Al Miami Open, cede al terzo turno per mano di Agnieszka Radwańska. All'inizio della stagione sulla terra, Halep non ottiene buoni risultati, raggiungendo solo i quarti di finale del Porsche Tennis Grand Prix e del Mutua Madrid Open, perdendo rispettivamente contro Coco Vandeweghe e Karolína Plíšková. Si riprende agli Internazionali BNL d'Italia, raggiungendo la finale persa per il secondo anno consecutivo contro Elina Svitolina. All'Open di Francia, Simona vince il suo primo torneo del Grande Slam, sconfiggendo la campionessa in carica degli US Open Sloane Stephens, dopo essere stata sotto di un set. Dopo il trionfo del Roland Garros, partecipa direttamente al torneo di Wimbledon, dove viene eliminata al terzo turno da Hsieh Su-wei. Sul cemento americano, Halep raggiunge due finali consecutve. Vince a Montréal, battendo nuovamente Sloane Stephens in finale. Nella finale successiva, al Western & Southern Open di Cincinnati, soccombe per mano di Kiki Bertens. Dopo questa sconfitta, inizia per la tennista rumena un periodo di crisi che la porta all'uscita prematura al primo turno dagli US Open. Perde all'esordio anche ai successivi tornei di Wuhan e Pechino. Successivamente, a causa di un infortunio alla schiena, termina anzitempo la stagione. Nonostante ciò, finisce per il secondo anno consecutivo la stagione al primo posto nel ranking.

Il 10 settembre, Angelique Kerber diventa la seconda giocatrice a qualificarsi.[2]

Angelique Kerber trionfa per la prima volta a Wimbledon.

Angelique Kerber ha iniziato la sua stagione giocando la Hopman Cup in coppia con Alexander Zverev, dove perde in finale contro la Svizzera. Prende successivamente parte al torneo di Sydney, che vince dopo aver battuto in finale Ashleigh Barty. Si tratta del primo titolo dagli US Open del 2016. Agli Australian Open, Kerber si spinge fino alla semifinale dove viene sconfitta da Simona Halep in tre set, dopo essersi vista annullare due match point. Nei successivi tornei mediorientali di Doha e Dubai, perde rispettivamente ai quarti di finale contro Caroline Wozniacki e in semifinale contro Elina Svitolina. Viene sconfitta nei quarti di finale anche ai tornei di Indian Wells e Miami, per mano di Daria Kasatkina e Sloane Stephens. La stagione su terra inizia con altre due sconfitte ai quarti di finale: a Roma, nuovamente contro Elina Svitolina, e al Roland Garros, contro Simona Halep. La stagione su erba, la vede eliminata prematuramente al primo turno del Mallorca Open per mano di Alison Riske. Successivamente giunge fino in semifinale a Eastbourne, sconfitta da Wozniacki. A Wimbledon, Kerber vince il suo terzo Slam in carriera, battendo in due set Serena Williams. Successivamente alla vittoria di Wimbledon, Angelique ottiene solo sei vittorie nei successivi undici match, uscendo di scena prematuramente nei tornei di Montréal, Cincinnati, New York, Wuhan e Pechino.

Il 2 ottobre, Naomi Ōsaka è la terza a qualificarsi per il singolare.[3]

Naomi Osaka vince il suo primo Slam.

Naomi Osaka inizia la stagione con una sconfitta al primo turno a Hobart per mano di Yulia Putintseva. Agli Australian Open viene eliminata al quarto turno da Simona Halep. Nei successivi tornei di Doha e Dubai, la tennista nipponica esce di scena rispettivamente al secondo turno e ai quarti di finale. Sui campi di Indian Wells, Osaka vince il suo primo titolo ai danni della russa Daria Kasatkina. La settimana successiva, al Miami Open, si ferma al secondo turno, dopo aver battuto nel turno precedente Serena Williams. La stagione sulla terra si rivela avara di vittorie, con un terzo turno raggiunto sia a Charleston che al Roland Garros. Sull'erba, invece, arriva in semifinale al torneo di Nottingham, mentre a Wimbledon cade al terzo turno per mano di Angelique Kerber, futura vincitrice del torneo. Di ritorno sul cemento americano, arriva al secondo turno del torneo di Washington, mentre ai tornei di Montréal e Cincinnati, non va oltre il primo turno. Tuttavia, sui campi di Flushing Meadow, Naomi Osaka vince il suo primo torneo dello Slam, battendo per la seconda volta in stagione Serena Williams, in una controversa finale finita in due set. Termina la stagione con una finale persa a Tokyo contro Karolína Plíšková e una semifinale raggiunta e persa a Pechino contro Anastasija Sevastova.

Il 4 ottobre, Petra Kvitová e Caroline Wozniacki guadagnano un posto nelle WTA Finals.[4]

Con cinque titoli stagionali, Petra Kvitová è la tennista con più tornei vinti durante l'anno.

Petra Kvitová ha iniziato la stagione al Sydney International, dove viene eliminata al secondo turno da Camila Giorgi. Agli Australian Open, viene eliminata all'esordio da Andrea Petković. Successivamente, al torneo di San Pietroburgo, vince il primo titolo stagionale sconfiggendo in finale Kristina Mladenovic. Nel successivo torneo di Doha, vince il suo secondo titolo dell'anno imponendosi in finale su Garbiñe Muguruza. Seguono un secondo turno a Indian Wells e un quarto turno a Miami. Anche la stagione su terra inizia in sordina per la tennista ceca, perdendo al primo turno sulla terra verde di Charleston e sulla terra rossa di Stoccarda. Tuttavia, vince successivamente a Praga e Madrid, rispettivamente contro Mihaela Buzărnescu e Kiki Bertens. Cede al terzo turno del Roland Garros, battuta da Anett Kontaveit. Su erba, ottiene il suo quinto titolo stagionale sui campi di Birmingham, sconfiggendo Magdaléna Rybáriková in finale, mentre a Wimbledon esce di scena al primo turno per mano della bielorussa Aliaksandra Sasnovich. I successivi tornei nordamericani di Montréal e Cincinnati, la vedono arrestarsi dapprima al terzo turno, poi in semifinale, per mano di Kiki Bertens. Ha partecipato al Connecticut Open, terminato ai quarti di finale, prima di disputare gli US Open, dove viene sconfitta al terzo turno per mano di Aryna Sabalenka. Ha infine partecipato al Premier 5 di Wuhan, e al Premier Mandatory di Pechino, rimediando rispettivamente un terzo e un primo turno.

Caroline Wozniacki vince a Melbourne il suo primo Slam.

Caroline Wozniacki ha iniziato la stagione rimediando una sconfitta in finale al torneo di Auckland, per mano di Julia Görges. Ha poi vinto il suo primo torneo dello Slam a Melbourne, imponendosi in finale su Simona Halep. Con questo trionfo, la tennista danese ritorna al primo posto nel ranking a distanza di sei anni. Dopo aver raggiunto i quarti di finale a San Pietroburgo e le semifinali a Doha, la tennista danese non arriva oltre il quarto turno a Indian Wells e il secondo turno a Miami. Su terra, viene sconfitta ai quarti di finale a Istanbul e Roma, mentre non va oltre il terzo turno a Madrid. Agli Open di Francia, cede al quarto turno contro Daria Kasatkina: si tratta della terza sconfitta stagionale contro la tennista russa, dopo San Pietroburgo e Indian Wells. Sull'erba di Eastbourne, arriva il suo secondo titolo stagionale, imponendosi su Aryna Sabalenka. A Wimbledon, invece, non arriva oltre il secondo turno, battuta da Ekaterina Makarova. Dopo due sconfitte all'esordio a Montréal e Cincinnati, arriva un'altra uscita di scena prematura agli US Open, al secondo turno per mano di Lesia Tsurenko. La serie negativa continua a Tokyo e Wuhan: in ambedue i tornei, esce di scena al secondo turno, sconfitta dapprima da Camila Giorgi, poi da Mónica Puig. Successivamente, a Pechino, vince il primo torneo Premier Mandatory dopo sette anni dall'ultima volta, sconfiggendo in finale Anastasija Sevastova.

Il 14 ottobre Sloane Stephens si qualifica per il torneo di fine anno.[5]

Sloane Stephens si qualifica per la prima volta alle WTA FInals.

Sloane Stephens non è stata subito in grado di trovare la sua forma ottimale, perdendo al primo turno sia a Sydney che a Melbourne. Dopo un quarto di finale ad Acapulco e un terzo turno a Indian Wells, vince a Miami il suo primo torneo di categoria Premier Mandatory e sesto in carriera, imponendosi in due set su Jeļena Ostapenko. Dopo aver giocato e vinto ambedue i match di Fed Cup contro la Francia, perde all'esordio sia al torneo di Stoccarda che a quello di Norimberga. Agli Internazionali d'Italia, colleziona invece un terzo turno, prima di giocare gli Open di Francia, persi in finale contro Simona Halep, dopo essere stata avanti di un set. Gioca su erba il solo torneo di Wimbledon, perdendo al primo turno contro Donna Vekić. Di ritorno sul cemento nordamericano, colleziona un secondo turno a Washington. Ritorna in finale a Montréal, dove perde nuovamente contro Simona Halep. Il successivo torneo di Cincinnati la vede uscire di scena al terzo turno, per mano di Elise Mertens. Non le riesce di difendere il titolo agli US Open, perdendo ai quarti finale contro Anastasija Sevastova. Successivamente, a Tokyo e Wuhan, esce nuovamente di scena al primo turno, prima di essere eliminata agli ottavi di finale del torneo di Pechino da Dominika Cibulková. Partecipa infine alla Kremlin Cup, dove viene eliminata al secondo turno dalla tunisina Ons Jabeur.

Il 17 ottobre, Elina Svitolina e Karolína Plíšková completano il quadro delle qualificate.[6]

Elina Svitolina si qualifica per il secondo anno consecutivo.

Elina Svitolina inizia bene la stagione, vincendo il torneo di Brisbane ai danni di Aliaksandra Sasnovich. Agli Australian Open arriva fino ai quarti di finale, uscendo di scena contro Elise Mertens. Alla sconfitta al terzo turno del torneo di Doha segue la vittoria per il secondo anno di fila al torneo di Dubai, imponendosi su Daria Kasatkina. In seguito soccombe dapprima al terzo turno di Indian Wells, poi ai quarti di finale di Miami. Inizia la stagione sulla terra battuta a Stoccarda, dove arriva fino ai quarti di finale prima di arrendersi a Caroline Garcia; al torneo di Madrid cade al secondo turno per mano di Carla Suárez Navarro. Successivamente, a Roma, si impone campionessa per la seconda volta consecutiva, battendo in finale Simona Halep. A Parigi, esce di scena al terzo turno per mano di Mihaela Buzărnescu. Su erba, esordisce a Birmingham, perdendo ai quarti di finale nuovamente contro Buzărnescu. Perde successivamente, contro Tatjana Maria, al primo turno di Wimbledon. Migliora i suoi risultati nel corso della US Open Series, raggiungendo dapprima la semifinale a Montréal, poi i quarti di finale a Cincinnati, perdendo rispettivamente contro Sloane Stephens e Kiki Bertens. Si ferma agli ottavi di finale negli US Open, sconfitta in tre set da Anastasija Sevastova. Sul cemento asiatico, esce di scena all'esordio sia Wuhan, sconfitta da Aryna Sabalenka, che a Pechino, per mano ancora di Sevastova. Disputa il suo ultimo torneo a Hong Kong, dove esce di scena ai quarti di finale per mano di Wang Qiang.

Karolína Plíšková vince due titoli e si qualifica per il terzo anno consecutivo.

Karolína Plíšková inizia la stagione disputando una semifinale a Brisbane, persa contro Elina Svitolina. Agli Australian Open ripete i quarti di finale dell'anno precedente, cedendo a Simona Halep. Dopo esser stata sorpresa al terzo turno di Doha da CiCi Bellis, viene sconfitta ai quarti di finale di Dubai da Angelique Kerber. In entrambi i Premier Mandatory di Indian Wells e Miami viene fermata nei quarti di finale, rispettivamente da Naomi Ōsaka e Victoria Azarenka. Successivamente disputa e vince il torneo su terra di Stoccarda e continua la striscia di risultati positivi spingendosi fino alla semifinale del successivo torneo di Madrid. Al secondo turno del Premier 5 di Internazionali BNL d'Italia 2018 si fa rimontare in un controverso match contro la greca Maria Sakkarī. Agli Open di Francia viene annichilita al terzo turno da Maria Sharapova. Dopo un primo turno a Birmingham e un quarto di finale a Eastbourne, raggiunge per la prima volta gli ottavi di finale a Wimbledon, prima di cedere a Kiki Bertens. Nonostante gli scarsi risultati ottenuti nei tornei di Montréal, Cincinnati e New Heaven, si spinge fino ai quarti di finale agli US Open, perdendo contro una rientrante Serena Williams. Vince poi il torneo Premier di Tokyo, imponendosi in finale sulla padrona di casa Naomi Osaka e racimola un secondo e terzo turno rispettivamente nei tornei cinesi di Wuhan e Pechino, prima di essere battuta da Vera Zvonarëva nel match dell'esordio a Mosca.

Il 18 ottobre Simona Halep si ritira, lasciando libero un altro posto che viene conquistato da Kiki Bertens.[7]

Kiki Bertens vince tre tornei su quattro finali disputate.

Kiki Bertens, dopo una sconfitta al primo turno a Brisbane e al secondo a Sydney, cede al terzo turno degli Australian Open alla futura vincitrice Caroline Wozniacki. Dopodiché racimola sconfitte al primo turno nei tornei di San Pietroburgo, Dubai e Indian Wells, mentre a Miami esce di scena al terzo turno contro Venus Williams. La settimana seguente vince il torneo Premier di Charleston battendo in finale Julia Görges e, dopo aver perso all'esordio a Stoccarda, centra la finale nel prestigioso torneo Premier Mandatory di Madrid, sconfitta in tre set da Petra Kvitová. Nonostante ciò, la settimana successiva viene eliminata al primo turno da Maria Sakkarī a Roma. Chiude la stagione su terra collezionando un quarto di finale a Norimberga e un terzo turno a Parigi. Pur essendo stata sconfitta al secondo turno e all'esordio rispettivamente dai tornei di s'Hertogenbosch e Eastbourne, si spinge fino ai quarti di finale a Wimbledon, prima di perdere contro Julia Görges. Sul cemento nordamericano, oltre a a un quarto di finale a Montréal e un terzo turno agli US Open, colleziona un'importante vittoria nel torneo di Cincinnati, battendo in finale la numero uno al mondo Simona Halep. Torna in campo a Seul, portando a casa il terzo titolo stagionale avendo battuto in finale Ajla Tomljanović. Affronta poi una fase caratterizzata da risultati negativi perdendo prematuramente nei successivi tornei di Wuhan, Pechino, Linz e Mosca.

Doppio[modifica | modifica wikitesto]

Ranking Giocatrici Punti Tornei Data qualificazione
1 Rep. Ceca Barbora Krejčíková
Rep. Ceca Kateřina Siniaková
6 815 14 9 agosto
2 Ungheria Tímea Babos
Francia Kristina Mladenovic
6 445 14 20 agosto
3 Rep. Ceca Andrea Sestini Hlaváčková
Rep. Ceca Barbora Strýcová
4 445 14 29 settembre
4 Canada Gabriela Dabrowski
Cina Xu Yifan
4 180 17 4 ottobre
5 Belgio Elise Mertens
Paesi Bassi Demi Schuurs
4 025 14 29 settembre
inj Russia Ekaterina Makarova
Russia Elena Vesnina
3 715 6 -
6 Stati Uniti Nicole Melichar
Rep. Ceca Květa Peschke
3 545 21 4 ottobre
7 Slovenia Andreja Klepač
Spagna María José Martínez Sánchez
3 505 20 4 ottobre
8 Australia Ashleigh Barty
Stati Uniti Coco Vandeweghe
3 237 7 4 ottobre

Il 9 agosto la prima coppia a qualificarsi è quella formata da Barbora Krejčíková e Kateřina Siniaková.

Krejčíková e Siniaková vincono due tornei Slam insieme e si qualificano per la prima volta.

Barbora Krejčíková e Kateřina Siniaková iniziano la stagione raggiungendo la finale al torneo di Shenzhen, dove vengono sconfitte dalle rumene Irina-Camelia Begu e Simona Halep. Centrano una nuova finale a oltre due mesi di distanza, nell'ambito del prestigioso Miami Open, perdendo anche in questo caso da Ashleigh Barty e Coco Vandeweghe. A Parigi, secondo appuntamento Slam stagionale, riescono a vincere il titolo battendo in finale le giapponesi Eri Hozumi e Makoto Ninomiya in due set. Si aggiudicano anche il successivo torneo Slam di Wimbledon battendo Nicole Melichar e Květa Peschke nell'ultimo atto. Dopo una serie di risultati pressoché negativi nei tornei nordamericani, centrano la semifinale agli US Open, fermate ancora una volta da Barty e Vandeweghe.

Il 20 agosto si qualificano Tímea Babos e Kristina Mladenovic.

Babos e Mladenovic vincono un titolo Slam insieme.

Tímea Babos e Kristina Mladenovic iniziano la loro collaborazione prendendo parte agli Australian Open, torneo che vincono dopo aver sconfitto in finale il duo russo formato da Ekaterina Makarova ed Elena Vesnina in due set. Disputano una nuova finale solo nel mese di maggio, nell'ambito del Premier Mandatory di Madrid, dove affrontano ancora una volta Makarova e Vesnina che in questo caso hanno però la meglio. Si fermano invece nei quarti di finale a Parigi. Sull'erba, vincono il torneo di Birmingham battendo Elise Mertens e Demi Schuurs in finale. A Wimbledon cedono ancora una volta ai quarti di finale. Dopo una serie di risultati negativi, centrano la finale agli US Open, ma vengono superate al terzo set da Ashleigh Barty e Coco Vandeweghe.

Il 29 settembre Andrea Sestini Hlaváčková e Barbora Strýcová e Elise Mertens e Demi Schuurs ottengono la qualificazione.

Sestini Hlaváčková e Strýcová si aggiudicano due titoli insieme.

Andrea Sestini Hlaváčková e Barbora Strýcová iniziano la loro collaborazione a Miami, dove escono di scena all'esordio. Raggiungono poi la finale a Roma, prima di cedere contro Ashleigh Barty e Demi Schuurs, e la semifinale a Parigi, sconfitte dalle connazionali Barbora Krejčíková e Kateřina Siniaková. Dopo un terzo turno a Wimbledon, si aggiudicano il loro primo titolo dell'anno insieme a New Heaven e ancora una volta vengono eliminate a New York al terzo turno. Ottengono ottimi risultati nei tornei asiatici, centrando la finale in tutti e tre i principali tornei, ovvero Tokyo, Wuhan e Pechino. Pur avendo perso le prime due, si rifanno a Pechino vincendo il prestigioso torneo contro Gabriela Dabrowski e Xu Yifan.

Elise Mertens e Demi Schuurs giocano cinque finali insieme.

Elise Mertens e Demi Schuurs iniziano la stagione a Hobart, riuscendo ad aggiudicarsi il titolo. Ottengono di nuovo importanti risultati solo a Miami, dove centrano la semifinale. Dopo una stagione su terra deludente, vincono il torneo di 's-Hertogenbosch e raggiungo la finale nel successivo torneo di Birmingham. Si spingono fino alla finale anche a Cincinnati, persa contro Lucie Hradecká ed Ekaterina Makarova. A settembre, vincono il prestigioso torneo di Wuhan, avendo la meglio su Andrea Sestini Hlaváčková e Barbora Strýcová.

Il 4 ottobre, gli ultimi quattro posti vengono occupati da Gabriela Dabrowski e Xu Yifan, Nicole Melichar e Květa Peschke, Andreja Klepač e María José Martínez Sánchez e Ashleigh Barty e Coco Vandeweghe.

Gabriela Dabrowski e Xu Yifan vincono due titoli insieme.

Gabriela Dabrowski e Xu Yifan inaugurano la stagione con la vittoria del torneo di Sydney. Centrano successivamente la semifinale agli Australian Open, prima di cedere a Ekaterina Makarova ed Elena Vesnina. Raggiungono una nuova finale solo due mesi dopo, a Indian Wells. Dopo una deludente stagione sulla terra, si aggiudicano il secondo titolo stagionale a Eastbourne, dove battono le rumene Irina-Camelia Begu e Mihaela Buzărnescu e ottengono una nuova semifinale a Wimbledon. Sul cemento americano non ottengono grandi risultati, ma riescono a portarsi fino alla finale nell'ambito del Premier Mandatory di Pechino, perdendo contro Andrea Sestini Hlaváčková e Barbora Strýcová.

Melichar e Peschke giocano tre finali insieme.

Nicole Melichar e Květa Peschke ottengono i primi significativi risultati sulla terra, dove dapprima perdono in finale a Stoccarda per poi aggiudicarsi il torneo di Praga. Successivamente si spingono fino alla finale nel torneo di Wimbledon, perdendo contro la coppia formata da Barbora Krejčíková e Kateřina Siniaková. Raggiungono poi una semifinale a Montréal e due quarti di finale nei tornei asiatici di Wuhan e Pechino.

Andreja Klepač e María José Martínez Sánchez giocano quattri finali insieme e vincono un titolo.

Andreja Klepač e María José Martínez Sánchez ottengono il primo risultati di rilievo della stagione a Doha, dove si spingono fino alla finale. Dopo due mesi, ottengono una nuova finale sulla terra verde di Charleston, ma ancora una volta vengono sconfitte. Centrano poi la semifinale a Madrid. Sull'erba di Maiorca si aggiudicano il loro primo titolo stagionale andando a battere Lucie Šafářová e Barbora Štefková. Ottengono dunque una semifinale a Montréal.

Ashleigh Barty e Coco Vandeweghe vincono un titolo Slam insieme.

Ashleigh Barty e Coco Vandeweghe giocano insieme solo sette tornei nel corso della stagione. Nonostante ciò ottengono ottimi risultati, aggiudicandosi il torneo di Miami, sconfiggendo in finale Barbora Krejčíková e Kateřina Siniaková. Nel mese di settembre, entrambe vincono il loro primo torneo dello Slam, a New York, superando nell'ultimo atto Tímea Babos e Kristina Mladenovic in un match conclusosi al terzo set.

Makarova e Vesnina vincono un titolo insieme.

Ekaterina Makarova e Elena Vesnina si sarebbero qualificate per le Finals, ma sono state costrette a rinunciare al torneo a causa della concomitante gravidanza di Vesnina. La coppia ha giocato insieme fino a Madrid, torneo vinto a discapito di Tímea Babos e Kristina Mladenovic. Ancora prima avevano centrato la finale sia agli Australian Open che al torneo di Indian Wells.

Gruppi[modifica | modifica wikitesto]

Nel gruppo rosso sono state inserite Angelique Kerber, Naomi Ōsaka, Sloane Stephens e Kiki Bertens. Nel gruppo bianco si affrontano invece Caroline Wozniacki, Petra Kvitová, Elina Svitolina e Karolína Plíšková.

Calendario[modifica | modifica wikitesto]

Giorno 1 (21 Ottobre)[modifica | modifica wikitesto]

Incontri
Evento Gruppo Vincitrice Perdente Punteggio
Singolare round robin Gruppo bianco Ucraina Elina Svitolina [6] Rep. Ceca Petra Kvitová [4] 6-3, 6-3
Singolare round robin Gruppo bianco Rep. Ceca Karolína Plíšková [7] Danimarca Caroline Wozniacki [2] 6-2, 6-4

Giorno 2 (22 Ottobre)[modifica | modifica wikitesto]

Incontri
Evento Gruppo Vincitrice Perdente Punteggio
Singolare round robin Gruppo rosso Stati Uniti Sloane Stephens [5] Giappone Naomi Ōsaka [3] 7-5, 4-6, 6-1
Singolare round robin Gruppo rosso Paesi Bassi Kiki Bertens [8] Germania Angelique Kerber [1] 1-6, 6-3, 6-4

Giorno 3 (23 Ottobre)[modifica | modifica wikitesto]

Incontri
Evento Gruppo Vincitrice Perdente Punteggio
Singolare round robin Gruppo bianco Danimarca Caroline Wozniacki [2] Rep. Ceca Petra Kvitová [4] 7-5, 3-6, 6-2
Singolare round robin Gruppo bianco Ucraina Elina Svitolina [6] Rep. Ceca Karolína Plíšková [7] 6-3, 2-6, 6-3

Giorno 4 (24 Ottobre)[modifica | modifica wikitesto]

Incontri
Evento Gruppo Vincitrice Perdente Punteggio
Singolare round robin Gruppo rosso Germania Angelique Kerber [1] Giappone Naomi Ōsaka [3] 6-4, 5-7, 6-4
Singolare round robin Gruppo rosso Stati Uniti Sloane Stephens [5] Paesi Bassi Kiki Bertens [8] 7-64, 2-6, 6-3

Giorno 5 (25 Ottobre)[modifica | modifica wikitesto]

Incontri
Evento Gruppo Vincitrice Perdente Punteggio
Sessione diurna
Quarti di finale doppio Rep. Ceca Andrea Sestini Hlaváčková
Rep. Ceca Barbora Strýcová [3]
Slovenia Andreja Klepač
Spagna María José Martínez Sánchez
6-1, 6-2
Singolare round robin Gruppo bianco Rep. Ceca Karolína Plíšková [7] Rep. Ceca Petra Kvitová [4] 6-3, 6-4
Sessione serale
Singolare round robin Gruppo bianco Ucraina Elina Svitolina [6] Danimarca Caroline Wozniacki [2] 5-7, 7-5, 6-3
Quarti di finale doppio Rep. Ceca Barbora Krejčíková
Rep. Ceca Kateřina Siniaková [1]
Stati Uniti Nicole Melichar
Rep. Ceca Květa Peschke
6-1, 6-4

Giorno 6 (26 Ottobre)[modifica | modifica wikitesto]

Incontri
Evento Gruppo Vincitrice Perdente Punteggio
Sessione diurna
Quarti di finale doppio Ungheria Tímea Babos
Francia Kristina Mladenovic [2]
Canada Gabriela Dabrowski
Cina Xu Yifan [3]
6-0, 6-2
Singolare round robin Gruppo rosso Paesi Bassi Kiki Bertens [8] Giappone Naomi Ōsaka [3] 6-3, rit.
Sessione serale
Singolare round robin Gruppo rosso Stati Uniti Sloane Stephens [5] Germania Angelique Kerber [1] 6-3, 6-3
Quarti di finale doppio Australia Ashleigh Barty
Stati Uniti Coco Vandeweghe
Belgio Elise Mertens
Paesi Bassi Demi Schuurs [4]
6-1, 6-4

Giorno 7 (27 Ottobre)[modifica | modifica wikitesto]

Incontri
Evento Vincitrice Perdente Punteggio
Sessione diurna
Semifinali doppio Rep. Ceca Barbora Krejčíková
Rep. Ceca Kateřina Siniaková [1]
Rep. Ceca Andrea Sestini Hlaváčková
Barbora Strýcová [3]
6-3, 6-2
Semifinali singolare Ucraina Elina Svitolina [6] Paesi Bassi Kiki Bertens [8] 7-5, 65-7, 6-4
Sessione serale
Semifinali singolare Stati Uniti Sloane Stephens [5] Rep. Ceca Karolína Plíšková [7] 0-6, 6-4, 6-1
Semifinali doppio Ungheria Tímea Babos
Francia Kristina Mladenovic [2]
Australia Ashleigh Barty
Stati Uniti Coco Vandeweghe
65-7, 6-3, [10-8]

Giorno 8 (28 Ottobre)[modifica | modifica wikitesto]

Incontri
Evento Vincitrice Perdente Punteggio
Finale doppio Ungheria Tímea Babos
Francia Kristina Mladenovic [2]
Rep. Ceca Barbora Krejčíková
Rep. Ceca Kateřina Siniaková [1]
6–4, 7–5
Finale singolare Ucraina Elina Svitolina [6] Stati Uniti Sloane Stephens [5] 3–6, 6–2, 6–2

Campionesse[modifica | modifica wikitesto]

Singolare[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: WTA Finals 2018 - Singolare.

Ucraina Elina Svitolina ha sconfitto in finale Stati Uniti Sloane Stephens col punteggio di 3-6, 6-2, 6-2.

  • È il quattordicesimo titolo in carriera per la Svitolina, il quarto della stagione.

Doppio[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: WTA Finals 2018 - Doppio.

Ungheria Tímea Babos / Francia Kristina Mladenovic hanno sconfitto in finale Rep. Ceca Barbora Krejčíková / Rep. Ceca Kateřina Siniaková col punteggio di 6-4, 7-5.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Tennis Portale Tennis: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di tennis