Vulcani della Sardegna

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Il monte Cujaru, nella Sardegna settentrionale

In Sardegna non sono presenti vulcani attivi. Una analisi delle caratteristiche geologiche e morfologiche svolta dal Dipartimento di Scienze chimiche e geologiche dell'Università degli Studi di Cagliari ha tuttavia permesso di identificare 32 antichi edifici vulcanici. Tale studio è parte integrante del piano paesistico regionale della regione Sardegna.

Storia del vulcanismo in Sardegna[modifica | modifica wikitesto]

Le più antiche testimonianze di attività vulcanica in Sardegna risalgono al Paleozoico. In tempi più recenti, nel Cenozoico, si distinguono due diversi cicli di attività vulcanica: uno oligo-miocenico, più effusivo, e uno plio-pleistocenico, più esplosivo. Si ritiene che quest'ultimo ciclo sia stato innescato dalla distensione dovuta all'apertura del Tirreno meridionale alla fine del Miocene.[1]

L'estrazione di ossidiana dal Monte Arci (oggi ricoperto da un parco eolico), ha costituito uno dei primi capitoli della storia mineraria della Sardegna. Tale merce veniva esportata anche fuori Sardegna

Elenco[modifica | modifica wikitesto]

codice  denominazione  comune provincia altezza composizione
VL1 Monte Cujaru Bonorva Sassari 486,30 basalti debolmente alcalini
VL2 Monte Annaru Giave Sassari 494,50 basalti transizionali/alcalibasalti
VL3 Monte Aurtidu Torralba Sassari 417,40 basalti subalcalini
VL4 Conca de Janas Dorgali Nuoro 397,70 alcalibasalti
VL5 Nuraghe Cungiadu Oliena Nuoro 231,00 trachibasalti
VL6 Nuraghe Sortei Dorgali Nuoro 250,00 alcalibasalti
VL7 Monte Massa Ploaghe Sassari 676,90 trachibasalti
VL8 Monte Lisiri Ittireddu Sassari 377,20 trachibasalti
VL9 Monte Pelau Thiesi Sassari 724,60 basaniti ad analcime
VL10 Monte Oes Torralba Sassari 491,40 trachibasalti
VL11 Monte Cuccuruddu Cheremule Sassari 678,20 trachibasalti
VL12 Punta Su Nurtale Onifai Nuoro 197,30 trachibasalti
VL13 Zeppara Manna Genoni Sud Sardegna 580,30 alcalibasalti
VL14 Zepparedda Tuili Sud Sardegna 607,70 basalti subalcalini
VL15 Pizziogu Nurri Sud Sardegna 761,50 basalti debolmente alcalini
VL16 Ibba Manna Bari Sardo Nuoro 194,80 basalto
VL17 Monte Ferru Muravera Sud Sardegna 307,00 trachiti
VL18 Monte Truxionis Decimomannu Cagliari 126,00 daciti
VL19 Acquafredda Siliqua Sud Sardegna 256,00 andesiti
VL20 Monte Exi Villamassargia Sud Sardegna 369,00 andesiti
VL21 Monte Arci Ales, Marrubiu, Masullas, Morgongiori, Oristano, Palmas Arborea, Pau, Santa Giusta, Siris, Uras, Usellus, Villa Verde, Villaurbana Oristano, Sud Sardegna 812,00 rioliti-daciti/basalti/trachiti
VL22 Monte Santu Miali Furtei Sud Sardegna 336,10 rioliti-daciti
VL23 Monte Mannu Serrenti Sud Sardegna 307,10 andesiti
VL24 Monte Larenta Mara Sassari 398,30 andesiti basaltiche
VL25 Monte Pubulena Ploaghe Sassari 458,60 basalti debolmente alcalini
VL26 Monte Zara Monastir Sud Sardegna 226,00 andesiti
VL27 Nasca e Ravenna Carloforte Sud Sardegna 192,50 comendite
VL28 Pedra Mendalza Giave Sassari 551,40 basalti
VL29 Montiferru Cuglieri, Scano di Montiferro, Santu Lussurgiu, Bonarcado Oristano 1050,00 trachiti fonolitiche/fonoliti / Basalto
VL30 Monte Arcuentu Guspini, Arbus, Gonnosfanadiga Sud Sardegna 785,00 basalto/andesite
VL31 Monte Ruju Siligo Sassari 535,50 basalti alcalini
VL32 Monte Percia Siligo Sassari 501,50 basalti alcalini

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Filippo Mundula, Raffaello Cioni, Francesco Dessì, Antonio Funedda, Maria Teresa Melis, Danila Elisabetta Patta, 2.1 L'attività vulcanica in Sardegna nel Cenozoico (PDF), in Gli edifici vulcanici cenozoici della Sardegna, Rubbettino Editore, 2015.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Piano paesaggistico regionale, atlante dei vulcani (PDF), Regione Autonoma della Sardegna.
  • Filippo Mundula, Raffaello Cioni, Francesco Dessì, Antonio Funedda, Maria Teresa Melis, Danila Elisabetta Patta, Gli edifici vulcanici cenozoici della Sardegna (PDF), Rubbettino Editore, 2015.
  • Beccaluva L, Derieu M, Macciotta G, Savelli C, Venturelli G, 1977. Geochronology and magmatic character of the Pliocene-Pleistocene volcanism in Sardinia (Italy). Bull Volcanol, 40: 153-168.
  • Peccerillo A, 2005. Plio-Quaternary Volcanism in Italy. Berlin: Springer, 365 p.
  • Petteruti Lieberknecht A M, Fedele L, d Amelio F, Lustrino M, Melluso L, Morra V, 2003. Plio-Pleistocene igneous activity in Sardinia (Italy). Geophy Res Abstr, 5: 07260.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]