Volodymyr Pryjma

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Beato Volodymyr Pryjma

laico e martire

 
Nascita17 luglio 1906
Morte26 giugno 1941
Venerato daChiesa cattolica
Beatificazione27 giugno 2001

Volodymyr Pryjma (in ucraino: Володимир Прийма?) (Javorov, 17 luglio 1906Javorov, 26 giugno 1941) è stato un sacrista ucraino appartenente alla Chiesa greco-cattolica ucraina, vittima della persecuzione dei cristiani in URSS. Papa Giovanni Paolo II lo dichiarò martire e lo proclamò beato nel 2001.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Fu lettore e capo-coro nella parrocchia della Dormizione di Maria a Stradč, distretto di Javorov, arcieparchia di Leopoli degli Ucraini. Terminata la scuola per direttori di coro patrocinata dal metropolita Andrej Szeptycki, il 10 novembre 1931 si sposò con Marija Stojkaja, dalla quale ebbe due figli. Di ritorno dalla visita a una parrocchiana malata, venne torturato e ucciso dagli agenti dell'NKVD assieme al parroco Mykola Konrad il 26 giugno 1941.

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]