Volo Qantas 32

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Volo Qantas 32
Qantas a380 vh-oqa takeoff heathrow arp.jpg
L'A380 della Qantas VH-OQA protagonista dell'incidente
Tipo di eventoAtterraggio di emergenza
Data4 novembre 2010
TipoEsplosione e distruzione del motore 2, causata dalla rottura di un condotto da cui successivamente è uscito olio fino a dirigersi alla spinta che ha causato l'esplosione
LuogoIsola di Batam
StatoIndonesia Indonesia
Coordinate1°04′00″N 104°01′00″E / 1.066667°N 104.016667°E1.066667; 104.016667Coordinate: 1°04′00″N 104°01′00″E / 1.066667°N 104.016667°E1.066667; 104.016667
Tipo di aeromobileAirbus A380
Nome dell'aeromobileNancy Bird Walton
OperatoreQantas
Numero di registrazioneVH-OQA
PartenzaAeroporto di Londra
DestinazioneAeroporto di Sidney
Passeggeri433
Equipaggio26
Vittime0
Feriti0
Sopravvissuti459
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Indonesia
Volo Qantas 32
Dati estratti da atsb.gov.au[1]
voci di incidenti aerei presenti su Wikipedia

Il volo Qantas 32 (QF32) era un volo di linea, operato con un Airbus A380, dall'aeroporto di Londra-Heathrow all'aeroporto di Sydney via aeroporto internazionale di Singapore del 4 novembre 2010.

L'aereo[modifica | modifica wikitesto]

L'aereo interessato era un Airbus A380, numero di registrazione VH-OQA, numero di serie 014.[2][3] costruito nel 2006 e dotato di 4 motori Trent 972 prodotti dalla Rolls-Royce[4]. Quest'aereo (chiamato Nancy Bird Walton in onore della pioniera dell'aviazione australiana) è stato il primo A380 consegnato alla Qantas.

La vicenda[modifica | modifica wikitesto]

L'aereo, partito dall'aeroporto di Londra-Heathrow e diretto all'aeroporto di Sydney, ha fatto scalo a Singapore. Sei minuti dopo il decollo da Singapore ha avuto un'avaria al motore 2 (un Trent 900) che è esploso e i cui detriti sono caduti sull'isola che l'aereo stava sorvolando. Non ci sono stati, fortunatamente, né morti né feriti. L'aereo ha effettuato un atterraggio d'emergenza all'aeroporto di Singapore e la Qantas ha dichiarato che avrebbe pagato la notte in un hotel della città a tutti i 433 passeggeri.

Le conseguenze[modifica | modifica wikitesto]

Pur avendo avuto alcuni incidenti seri in anni recenti, vedasi ad esempio l'atterraggio di emergenza del 25 luglio 2008, conclusosi fortunatamente con esito positivo, dove il volo QF30 operato tramite un Boeing 747-400 VH-OJK sperimentò una rapida decompressione dovuta all'esplosione di una bombola d'ossigeno, la Qantas è ritenuta la compagnia aerea più sicura del mondo, non avendo mai sperimentato un incidente fatale a suoi velivoli nell'era jet. A seguito di quanto accaduto al volo QF32, la compagnia australiana decise di sospendere i voli dei propri Airbus A380. Lufthansa, Air France e Emirates (queste ultime due usano motori GP7270) dichiararono che i loro A380 avrebbero continuato a volare. Singapore Airlines decise di ritardare i voli che erano operati con A380 equipaggiati con lo stesso motore del VH-OQA Qantas per controlli tecnici. Venne appurato che l'avaria al secondo motore dell'A380 fu causata da un trafilamento di olio nelle turbine della turboventola, che causò un surriscaldamento e quindi l'esplosione. Il trafilamento fu causato da un tubo difettoso che, come venne poi dimostrato da successive indagini, poteva fessurarsi e causare perdite di lubrificante, mettendo a rischio molti aerei equipaggiati con il Rolls Royce Trent.

Il volo Qantas 32 nei media[modifica | modifica wikitesto]

Il volo Qantas 32 è stato analizzato nella puntata Mistero A380 della tredicesima stagione del documentario Indagini ad alta quota trasmesso da National Geographic Channel.

Note[modifica | modifica wikitesto]