Volo National Airlines 102

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Volo National Airlines 102
Cargo Boeing 747-428(BCF) of National Airlines cropped.jpg
L'aereomobile coinvolto nell'incidente, fotografato nel 2012
Tipo di eventoIncidente
Data29 aprile 2013
TipoStallo causato dal carico non assicurato
LuogoAeroporto di Bagram, provincia di Parvan
StatoAfghanistan Afghanistan
Coordinate34°57′37″N 69°16′37″E / 34.960278°N 69.276944°E34.960278; 69.276944Coordinate: 34°57′37″N 69°16′37″E / 34.960278°N 69.276944°E34.960278; 69.276944
Tipo di aeromobileBoeing 747-428BCF
Nome dell'aeromobileLori
OperatoreNational Airlines
Numero di registrazioneN949CA
PartenzaCamp Bastion, provincia di Helmand, Afghanistan
Scalo intermedioAeroporto di Bagram, Parwan Province, Afghanistan
DestinazioneAeroporto Internazionale di Dubai-Al Maktum, Dubai, Emirati Arabi Uniti
Occupanti7
Passeggeri0
Equipaggio7
Vittime7
Feriti0
Sopravvissuti0
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Afghanistan
Volo National Airlines 102
Dati estratti da Aviation Safety Network[1]
voci di incidenti aerei presenti su Wikipedia

Il volo National Airlines 102 era un volo cargo operato dalla National Airlines tra la base militare britannica Camp Bastion, in Afghanistan, e l'Aeroporto di Al Maktoum a Dubai, con una sosta per effettuare rifornimento di carburante all'aeroporto di Bagram, in Afghanistan. Il 29 aprile 2013, il Boeing 747-400 che stava operando il volo si è schiantato subito dopo essere decollato da Bagram, uccidendo tutte e sette le persone a bordo.[1][2]

L'inchiesta è stata chiusa concludendo che il carico non era stato assicurato correttamente e si è quindi liberato durante il decollo, spostandosi verso retro della stiva. Il cambiamento della distribuzione dei pesi nella stiva ha causato lo stallo dell'aeromobile. Inoltre lo spostamento del carico ha causato il danneggiamento dei sistemi di controllo di coda, rendendo incontrollabile l'aereo.

L'aereo[modifica | modifica wikitesto]

Il velivolo coinvolto era un Boeing 747-428BCF, con numero di registrazione N949CA[3][4], S/N 25630. Venne fabbricato nel 1993 come aereo passeggeri e successivamente modificato per il servizio come aereo cargo.

Al momento dello schianto, l'aereo stava volando per conto del Air Mobility Command dell'Aeronautica degli Stati Uniti.[5]

L'equipaggio[modifica | modifica wikitesto]

L'equipaggio era composto da 7 membri, tutti statunitensi.[6][7]

l capitano era il 34enne Brad Hasler, in servizio con la compagnia aerea dal 2004. Aveva alle sue spalle 6.000 ore di volo, di cui 440 sul Boeing 747. Il primo ufficiale era il 33enne Jamie Lee Brokaw, in servizio con la compagnia aerea dal 2009. Aveva alle sue spalle 1.100 ore di volo, di cui 209 ore sul Boeing 747. Altri membri dell'equipaggio di comando erano il 37enne Jeremy Lipka, ed il 32enne Rinku Shumman.

Il responsabile di carico era Michael Sheets, 36 anni, che lavorava con la compagnia aerea dal 2010, i due meccanici erano Gary Stockdale e Tim Garrett, entrambi 51 anni.

Nessun membro dell'equipaggio è sopravvissuto allo schianto.

L'incidente[modifica | modifica wikitesto]

Al momento dello schianto, la compagnia aerea stava operando un volo per conto del Air Mobility Command tra Camp Bastion e Dubai. L'aereo era decollato da Camp Bastion e si era fermato all'aeroporto di Bagram per fare rifornimento. Terminate le operazioni a terra l''aereo è quindi decollato dalla pista 03 di Bagram alle 15:30 ora locale. All'altezza di circa 370m il muso dell'aereo si alzò bruscamente, facendo perdere velocità e portanza al velivolo, creando una situazione di stallo. In pochi secondi l'aereo si è schiantato ed è esploso a poche decine di metri dalla pista 03 da cui era decollato.[8] Tutti i membri dell'equipaggio, cittadini statunitensi, sono morti: quattro piloti, due meccanici ed un responsabile di carico

Una dashcam installata su un'auto che transitava in prossimità della pista ha registrato l'incidente, che mostra il velivolo inclinarsi pericolosamente, fino ad andare in stallo ed a schiantarsi al suolo, esplodendo. Fortunatamente l'aereo non è caduto sulla strada adiacente la pista, dove transitavano diversi veicoli civili.

Le indagini[modifica | modifica wikitesto]

Un MRAP viene caricato sull'aeromobile a Camp Bastion il giorno dell'incidente.

Sull'incidente hanno indagato il National Transport Safety Board (NTSB) e l'Afghanistan Civil Aviation Authority. L'NTSB ha riferito in un comunicato stampa del 30 aprile 2013 che anche i rappresentanti della Federal Aviation Administration e della Boeing Company avrebbero fornito competenze tecniche e aiuti nelle indagini.

Il 2 giugno 2013, gli investigatori del Ministero dei Trasporti e dell'Aviazione Civile dell'Afghanistan hanno confermato l'ipotesi di spostamento del carico come causa scatenante del disastro. Nello specifico tre veicoli blindati e due veicoli spazzatori di mine, per un totale di circa 80 tonnellate di peso, non erano stati adeguatamente assicurati in fase di carico. I supporti che assicuravano un veicolo blindato MRAP hanno ceduto causandone uno slittamento di 3,5 metri verso la coda dell'aereo, fino a far scontrare la ruota di scorta fissata sul retro del veicolo contro la paratia posteriore, danneggiandola e scheggiando la vernice delle scatole nere poste sul retro dell'aereo. Ciò ha danneggiato anche i principali sistemi idraulici rendendo impossibile controllare gli stabilizzatori orizzontali, in particolare la vite di arresto che risultava recisa. Ciò ha reso incontrollabile l'aereo, rendendo inutile qualsiasi tentativo di recupero da parte dell'equipaggio ai comandi.

L'NTSB ha stabilito che la probabile causa di questo incidente sono state le "inadeguate procedure di National Airlines per la messa in sicurezza dei carichi speciali, il che ha comportato un movimento improprio del carico"[9]. Nello specifico erano state utilizzate meno cinghie del dovuto per ancorare il veicolo ai supporti, e le stesse erano state ancorate con un'inclinazione di 45° rispetto alle specifiche di carico orizzontali, il che ha causato una notevole diminuzione della tenuta delle stesse.[10]

Una delle raccomandazioni chiave, successive alla tragedia, è stata quella di imporre un addestramento specializzato per tutti i responsabili di carico ed un percorso formativo atto a responsabilizzare gli addetti.

Cultura di massa[modifica | modifica wikitesto]

La serie televisiva canadese Mayday (nota in Italia anche come Indagini ad alta quota) ha esaminato il caso del volo National Airlines 102 nell'episodio 10 della serie 16, chiamato "Inferno Afghano", trasmesso per la prima volta nel 2017.[11]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Harro Ranter, ASN Aircraft accident Boeing 747-428BCF N949CA Bagram Air Base (BPM), su aviation-safety.net. URL consultato il 1º marzo 2020.
  2. ^ (EN) US cargo plane crash at Afghan base, in BBC News, 29 aprile 2013. URL consultato il 1º marzo 2020.
  3. ^ (EN) N949CA | Boeing 747-428(BCF) | 25630, su JetPhotos. URL consultato il 1º marzo 2020.
  4. ^ (EN) N949CA National Airlines Boeing 747-400(F), su www.planespotters.net. URL consultato il 1º marzo 2020.
  5. ^ By Holly Yan and Dave Alsup CNN, Afghanistan plane crash kills 7 Americans, su CNN. URL consultato il 1º marzo 2020.
  6. ^ (EN) Yankee Air Museum ceremony honors 7 crew members killed in Afghanistan 747 plane crash, su mlive, 15 giugno 2014. URL consultato il 1º marzo 2020.
  7. ^ (EN) Crew information National Airlines 102 (PDF), su dms.ntsb.gov.
  8. ^ By Mike Ahlers CNN, Video of Bagram plane crash legitimate, U.S. official says, su CNN. URL consultato il 1º marzo 2020.
  9. ^ Crash: National Air Cargo B744 at Bagram on Apr 29th 2013, lost height shortly after takeoff following load shift and stall, su avherald.com. URL consultato il 1º marzo 2020.
  10. ^ NTSB Finds Damage From Inadequately Secured Cargo Caused Boeing 747 Crash in Bagram, Afghanistan, su www.ntsb.gov. URL consultato il 1º marzo 2020.
  11. ^ Air Crash Investigation - National Geographic - Your favourite shows, su web.archive.org, 11 febbraio 2017. URL consultato il 1º marzo 2020 (archiviato dall'url originale l'11 febbraio 2017).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]