Volo Flydubai 981

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
volo Flydubai 981
Flydubai Boeing 737-800 (A6-FDN).jpg
A6-FDN durante un decollo dall'Aeroporto Internazionale di Dubai nel 2011.
Tipo di eventoIncidente
Data19 marzo 2016
TipoIn fase di accertamento
Luogoaeroporto di Rostov sul Don, Rostov sul Don
StatoRUS W
Coordinate47°15′54.7″N 39°49′43.8″E / 47.265194°N 39.828833°E47.265194; 39.828833Coordinate: 47°15′54.7″N 39°49′43.8″E / 47.265194°N 39.828833°E47.265194; 39.828833
Tipo di aeromobileBoeing 737-800
Operatoreflydubai
Numero di registrazioneA6-FDN
PartenzaAeroporto Internazionale di Dubai
DestinazioneAeroporto di Rostov sul Don
Passeggeri55
Equipaggio7
Vittime62
Feriti0
Sopravvissuti0
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Russia europea
Volo Flydubai 981
voci di incidenti aerei presenti su Wikipedia

Il volo flydubai 981 era un volo di linea di flydubai che il 19 marzo 2016 era operato da un Boeing 737-800 in servizio dall'Aeroporto Internazionale di Dubai all'Aeroporto di Rostov sul Don, in Russia. Durante la fase di atterraggio si è schiantato al suolo subito dopo un go-around, causando la morte dei 55 passeggeri e dei 7 membri dell'equipaggio.

All'aeroporto di Rostov le pessime condizioni meteo hanno costretto i piloti ad interrompere un primo tentativo di atterraggio e ad entrare in un circuito di attesa per quasi due ore prima di effettuare un secondo tentativo, ma dopo aver interrotto anche questo, l'aereo è salito a 1.200 m di quota per poi scendere rapidamente schiantandosi nei pressi della pista 22.[1][2]

Antefatto[modifica | modifica wikitesto]

La compagnia aerea[modifica | modifica wikitesto]

Flydubai è una compagnia aerea low-cost di proprietà statale con base a Dubai; il suo presidente, lo sceicco Ahmed bin Saeed Al Maktoum, è anche il presidente di Emirates.[3] Flydubai ha iniziato l'attività nel 2009 ed è in rapida espansione, infatti già nel 2015 ha raggiunto le 95 destinazioni, di cui 11 in Russia; la sua flotta è composta interamente da Boeing 737-800.[4]

In precedenza la compagnia non aveva mai registrato incidenti mortali e poteva vantare un "eccellente record di sicurezza".[5] Nel 2015 Flydubai aveva superato le ispezioni effettuate della IATA e pochi giorni prima dell'incidente ne era diventato un membro ufficiale.[6]

Dopo l'incidente, alcuni piloti di Flydubai hanno sollevato preoccupazioni circa la fatica da loro accumulata a causa dei pesanti turni di lavoro a cui sono sottoposti[7] e uno di loro ha dichiarato alla BBC di non aver tempo sufficiente per riposare tra un turno e l'altro. Un dipendente della compagnia ha dichiarato che era convinzione diffusa che i 25 piloti che avevano rassegnato le dimissioni nel 2015 lo avevano fatto a causa "della fatica nei turni di lavoro e della scarsa qualità della vita" e che, a giudizio dei piloti, un incidente era inevitabile. In risposta alle accuse, Flydubai ha dichiarato alla BBC "non possiamo rivelare informazioni riservate relative ai nostri dipendenti."[8]

L'aereo[modifica | modifica wikitesto]

Il velivolo coinvolto nell'incidente era un Boeing 737-800 costruito nel 2010 e consegnato a Flydubai il 24 gennaio 2011, il suo codice di registrazione era A6-FDN, il numero di serie 40241, era spinto da due motori turboventola CFM56;[9] ed era stato sottoposto il 21 gennaio 2016 ad un controllo di manutenzione di tipo C.[10] Prima del decollo da Dubai i piloti avevano fatto rifornimento di carburante per 8,5 ore di volo; al momento dello schianto ne avevano ancora a disposizione per ulteriori 2,5 ore.[11]

I piloti[modifica | modifica wikitesto]

Il comandante del volo 981 era il trentottenne cipriota Aristos Sokratous; promosso al grado di capitano un anno e mezzo prima dell'incidente, aveva maturato 5.965 ore di volo[12] e a breve avrebbe lasciato Flydubai per lavorare con Ryanair in modo da poter essere più vicino alla famiglia, in quanto la moglie avrebbe dato alla luce il loro primogenito nel mese di aprile[12]. Secondo quanto dichiarato da alcuni suoi colleghi, Sokratous avrebbe deciso di lasciare la compagnia anche a causa dei turni di lavoro troppo faticosi.[8]

Il primo ufficiale, il trentasettenne Alejandro Cruz Álava, era spagnolo ed aveva alle spalle oltre 5700 ore di volo. Ha cominciato a volare con Flydubai nel 2014, dopo aver pilotato per Binter e Naysa, due compagnie aeree regionali delle Isole Canarie.[13] Entrambi i piloti erano esperti di atterraggi a Rostov.[14]

Le condizioni meteorologiche[modifica | modifica wikitesto]

Nel rapporto preliminare dell'Interstate Aviation Committee si legge che al momento dell'incidente le condizioni meteorologiche all'aeroporto di Rostov sul Don erano "avverse" [15] a causa di foschia, piovaschi e base delle nubi posta a 630 metri di altitudine; la velocità del vento era di 13 m/s con raffiche fino a 18 m/s provenienti da 230 gradi e wind shear nei pressi della testata della pista.[15]

Il volo[modifica | modifica wikitesto]

Vista laterale dell'avvicinamento alla pista del volo 981

Il Boeing 737 decollò dall'Aeroporto Internazionale di Dubai alle 18:20 UTC del 18 marzo 2016, con 35 minuti di ritardo[16]. Poco prima delle 22:30 UTC due altri aerei di linea erano riusciti ad atterrare a Rostov sul don senza problemi.[11] Alle 22:39 UTC l'equipaggio iniziò l'avvicinamento alla pista 22 ma a 6,7 km di distanza dovette interrompere la manovra a causa dell'attivazione dell'allarme di presenza di wind shear. Dopo il tentativo fallito il Boeing iniziò a circuitare per due ore a nord dell'aeroporto in attesa di condizioni meteo migliori.[11] Alle 00:28 i piloti cominciarono il secondo avvicinamento. Alle 00:36, a 19 km dalla pista, il Boeing intercettò il localizzatore, ma quattro minuti più tardi, a 5 km dalla pista, l'equipaggio comunicò alla torre di controllo la volontà di interrompere nuovamente l'atterraggio[16]. Il velivolo iniziò quindi a risalire raggiungendo i 1 200 piedi di altitudine prima di iniziare a perdere rapidamente quota[17]. Pochi secondi dopo il Boeing impattò la pista 22 dell'Aeroporto di Rostov sul Don con un angolo di discesa di 60° alla velocità di 600 km/h.[18] Alle ore 03:42 la torre di controllo ha avvisato i servizi di emergenza locali che un aereo aveva avuto un incidente. [19]

Le indagini[modifica | modifica wikitesto]

Per accertare le cause dell'incidente l'Interstate Aviation Committee (IAC) ha costituito una commissione d'inchiesta di cui fanno parte investigatori russi esperti in incidenti aerei, rappresentanti dell'autorità per l'aviazione civile degli Emirati Arabi Uniti, esperti statunitensi (tra i quali investigatori dell'NTSB, tecnici della Boeing e rappresentanti della FAA) ed ingegneri della CFM International, l'azienda costruttrice dei motori del velivolo.[15]

Tra il 20 ed il 21 marzo sono stati recuperati sia il Cockpit Voice Recorder che il Flight Data Recorder, i quali sono stati inviati per essere analizzati alla sede dell'IAC a Mosca.[15]

Il 21 marzo tutti i resti dell'aereo sono stati recuperati e trasferiti in un hangar dove si sarebbe tentata la ricostruzione della fusoliera.[15]

Il 23 marzo una squadra di investigatori ha cominciato ad analizzare le apparecchiature radio dell'aeroporto di Rostov e le registrazioni delle comunicazioni tra la torre di controllo e gli altri aerei per valutare il lavoro dei controllori di volo e del servizio meteo; un'altra squadra invece, utilizzando i dati recuperati dai registratori di volo e le informazioni ottenute dal registro di manutenzione dell'aereo, ha cominciato a verificare il funzionamento di tutti i sistemi di controllo bordo del volo 981 (barra di comando, ipersostentatori e motori) e le azioni compiute dai piloti durante il volo.[15]

Il 29 marzo un portavoce dell'IAC ha dichiarato che l'analisi preliminare delle informazioni provenienti dai registratori di volo non aveva evidenziato avarie a bordo, e che i registri di manutenzione dell'aereo dimostravano che tutti gli interventi di controllo obbligatori erano stati regolarmente effettuati.[15]

Primo rapporto preliminare[modifica | modifica wikitesto]

Il 20 aprile IAC ha pubblicato un rapporto preliminare nel quale si attesta che:[20]

  • Entrambi gli avvicinamenti sono stati condotti utilizzando il Flight Director, con il pilota automatico e l'automanetta disinseriti. Non ci sono state significative deviazioni dalla traiettoria o dall'altitudine prescritte.
  • Alle 22:42, durante il primo avvicinamento, i piloti hanno deciso di effettuare una riattaccata in seguito all'attivazione dell'allarme di wind shear. Dopo essere risaliti prima a FL 50 e poi a FL 80, sono entrati nel circuito di attesa. Durante l'attesa, i piloti hanno chiesto di poter ulteriormente salire fino a FL 150 a causa delle condizioni meteo.
  • Durante il secondo avvicinamento, ad una quota di 220 metri e ad una distanza di 4,5 km dalla soglia della pista, i piloti hanno interrotto nuovamente la discesa ed hanno effettuato una riattaccata con un rateo di salita di 20 m/s e con il massimo della spinta dei motori.
  • La seconda riattaccata potrebbe essere stata provocata da un improvviso aumento di 20 nodi della velocità dell'aereo, probabilmente provocata da wind shear
  • Durante la seconda riattaccata, i flap sono stati posizionati a 15° ed il carrello di atterraggio è stato retratto. A 600 m di quota, quando l'angolo di cabrata ha raggiunto i 18°, il pilota ai comandi ha spinto la cloche in avanti, causando la diminuzione del rateo di salita ed il contemporaneo aumento della velocità del velivolo fino a 200 nodi; a questo punto l'inclinazione dei flap è passata in automatico da 15° a 10°.
  • Il pilota ai comandi ha tirato indietro la cloche, aumentando il rateo di salita a 16 m/s.
  • Alla quota di 900 metri si è registrato un nuovo abbassamento del muso dell'aereo, causato dall'azionamento simultaneo della cloche e dello stabilizzatore orizzontale da parte del pilota; ciò ha provocato una rapida discesa con un'accelerazione verticale negativa di -1 g, che l'equipaggio non è più riuscito a correggere causando l'impatto con il terreno.
  • Alle 00:41:49 l'aereo si è schiantato sulla pista alla velocità di oltre 600 km/h e con un'inclinazione del muso di 50°. L'impatto ha completamente distrutto l'aereo, uccidendo istantaneamente tutte le persone a bordo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Russia, aereo da Dubai si schianta in atterraggio a Rostov: 62 morti, su repubblica.it, 19 marzo 2016. URL consultato il 12 maggio 2016.
  2. ^ Tragico incidente in Russia, precipita aereo FlyDubai: 62 morti, su meteoweb.eu, 19 marzo 2016. URL consultato il 12 giugno 2016.
  3. ^ (EN) Flydubai to resume flights to Rostov-on-Don on Tuesday, su gulfnews.com, 21 marzo 2016. URL consultato il 12 maggio 2016.
  4. ^ (EN) flydubai Fleet Details and History, su planespotters.net. URL consultato il 12 maggio 2016.
  5. ^ (EN) Flydubai crash surprising as airline has excellent safety record, Dubai-based analyst says, su gulfnews.com, 19 marzo 2016. URL consultato il 12 maggio 2016.
  6. ^ (EN) Flydubai becomes latest IATA member from MENA, su arabnews.com, 12 marzo 2016. URL consultato il 12 maggio 2016.
  7. ^ «No, non farlo!» poi le urla strazianti Le fasi finali del jet caduto in Russia, su corriere.it, 27 marzo 2016. URL consultato il 12 giugno 2016.
  8. ^ a b (EN) FlyDubai crash pilot 'was due to leave job over fatigue', su bbc.com, 24 marzo 2016. URL consultato il 12 maggio 2016.
  9. ^ (EN) A6-FDN flydubai Boeing 737-8KN(WL) - cn 40241 / 3517, su planespotters.net. URL consultato il 13 maggio 2016 (archiviato dall'url originale il 2 aprile 2016).
  10. ^ (EN) Airline CEO: Plane passed safety check, su CNN.com, 19 marzo 2016. URL consultato il 16 maggio 2016.
  11. ^ a b c (EN) Crash: Flydubai B738 at Rostov on Don on Mar 19th 2016, lost height on go around after stabilizer moved nose down following holding for 2 hours, su avherald.com. URL consultato il 16 maggio 2016.
  12. ^ a b (EN) Cyprus pilot of crashed FlyDubai jet had a new job elsewhere, su Associated Press, 19 marzo 2016. URL consultato il 18 maggio 2016.
  13. ^ (EN) Flydubai plane crash: Two Spaniards were from Canary Islands, su gulfnews.com, 19 marzo 2016. URL consultato il 18 maggio 2016.
  14. ^ (EN) Flydubai chief executive: 'Airport was good enough to land', su gulfnews.com, 20 marzo 2016. URL consultato il 18 giugno 2016.
  15. ^ a b c d e f g (EN) Boeing 737-800 А6-FDN 19.03.2016, su mak-iac.org, 19 marzo 2016. URL consultato il 19 maggio 2016.
  16. ^ a b Flydubai plane crashes in Russia; 62 dead, su CNN. URL consultato il 21 marzo 2016.
  17. ^ (EN) A6-FDN - Boeing 737-8KN [40241] - Flightradar24, su www.flightradar24.com. URL consultato il 21 marzo 2016..
  18. ^ (EN) Accident description, su aviation-safety.net. URL consultato il 19 maggio 2016.
  19. ^ (RU) Происшествие с самолетом Боинг в г.Ростове-н/Д, su 61.mchs.gov.ru, 19 marzo 2016. URL consultato il 19 maggio 2016.
  20. ^ (EN) Interim report (PDF), su mak-iac.org. URL consultato il 20 maggio 2016.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]