Volkswagen ID.3

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Volkswagen ID.3
Volkswagen ID.3 at IAA 2019 IMG 0212.jpg
Descrizione generale
Costruttore Germania  Volkswagen
Tipo principale auto elettrica
Produzione dal 2019
Sostituisce la Volkswagen Golf VII
Altre caratteristiche
Dimensioni e massa
Lunghezza 4261 mm
Larghezza 1809 mm
Altezza 1552 mm
Passo 2765 mm
Massa 1719 kg
Altro
Assemblaggio Zwickau, Germania
Stessa famiglia Auto realizzate su piattaforma Volkswagen MEB
Auto simili Nissan Leaf, Kia Niro EV, Seat el-Born
Volkswagen ID.3 at IAA 2019 IMG 0232.jpg

La Volkswagen ID.3 è un'autovettura compatta prodotta dalla casa automobilistica tedesca Volkswagen a partire dal novembre 2019.

Rappresenta la capostipite della famiglia di automobili esclusivamente elettriche del marchio tedesco, nota con il marchio ID e basata sulla piattaforma modulare MEB. Oltre alla ID.3, la gamma ID si espanderà verso il basso offrendo delle utilitarie (che dovrebbero chiamarsi ID.2 e ID.1), e dei veicoli più grandi (i cui nomi dovrebbero andare da ID.4 a ID.9). Volkswagen ha anche richiesto la protezione del marchio con una "X" aggiuntiva, che dovrebbe essere usato per i SUV della famiglia (ad esempio, ID.4X).

Contesto[modifica | modifica wikitesto]

Il concept Volkswagen I.D. (in alto), presentato al Salone dell'automobile di Parigi nel 2016, ha ispirato la compatta ID.3 presentata tre anni dopo (in basso un prototipo pressoché definitivo)

Al Salone dell'automobile di Parigi del settembre 2016 Volkswagen presenta il prototipo di una berlina compatta e a guida autonoma ad alimentazione elettrica basata su un pianale modulare, noto con il nome MEB, destinato esclusivamente ad una gamma di modelli elettrici. Questo prototipo, che prende il nome di I.D. (il cui acronimo è sconosciuto), è il primo di una serie di prototipi che anticipa una futura gamma di auto elettriche e connesse prodotta dal marchio di Wolfsburg. Il prototipo nei piani della casa madre doveva entrare in commercio nel 2020, con lo scopo di realizzare un'auto elettrica dal prezzo di attacco fissato a circa 30.000 Euro, il prezzo medio di una Golf TDI ben equipaggiata. Le previsioni saranno riviste l'anno seguente, perché Volkswagen annuncia la produzione della versione di serie del prototipo per la fine del 2019[1].

I primi muletti con la carrozzeria definitiva (comunque camuffata) della ID.3 vengono avvistati alla fine del 2018 in Sud Africa[2], mentre il nome definitivo della vettura viene ufficializzato l'8 maggio seguente[3], giorno in cui sono partite le prenotazioni (con un acconto di 1000 €) per il modello di lancio della vettura, prodotto in 30.000 esemplari e noto come ID.3 1st, che sarà consegnato nella metà del 2020. Le prenotazioni si sono esaurite subito prima del Salone di Francoforte[4], e 10.000 auto sono state prenotate nelle 24 ore successive all'apertura dei preordini[5].

Durante il Salone dell'automobile di Ginevra del 2019 Seat presenta il concept di una berlina compatta elettrica, la el-Born, che anticipa esteticamente numerosi dettagli della versione definitiva della sorella Volkswagen, su tutti l'impostazione generale della fiancata e degli interni: la berlina spagnola, infatti, è basata sul pianale MEB ed è, a tutti gli effetti, un ricarrozzamento secondo gli stilemi del marchio spagnolo (infatti verrà prodotta a Zwickau sulle stesse linee) della ID.3.

Per assemblare la ID.3 e le altre vetture elettriche del marchio è stato scelto lo stabilimento di Zwickau, nella Germania orientale, le cui linee produttive sono state modificate per produrre 330.000 auto elettriche all'anno soppiantando gradualmente la produzione di auto con motore a combustione[6].

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

La ID.3 è la prima Volkswagen a fare uso del nuovo logo, introdotto il 9 settembre 2019 e caratterizzato dalla medesima impostazione di base dei loghi precedenti, guadagnando un'aspetto bidimensionale e più semplice: le lettere V e W sono più sottili e di colore bianco come il cerchio che le racchiude, mentre lo sfondo è caratterizzato da un'inedita tonalità di blu più scura rispetto a prima.[7]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ it.motor1.com, https://it.motor1.com/news/224500/volkswagen-id-la-vedremo-a-fine-2019/.
  2. ^ Volkswagen ID: eccola su strada, su www.alvolante.it. URL consultato l'11 settembre 2019.
  3. ^ Nuovi Modelli, Volkswagen - L'elettrica si chiamerà ID.3, su Quattroruote.it, 8 maggio 2019. URL consultato l'11 settembre 2019.
  4. ^ Volkswagen ID.3: raggiunte le 30.000 prenotazioni, su www.alvolante.it. URL consultato l'11 settembre 2019.
  5. ^ Volkswagen ID.3: già 10.000 le prenotazioni, su www.alvolante.it. URL consultato l'11 settembre 2019.
  6. ^ insideevs.it, https://insideevs.it/news/359307/volkswagen-dove-nasce-la-id3/.
  7. ^ Industria e Finanza, Volkswagen - Ecco il nuovo logo, su Quattroruote.it, 9 settembre 2019. URL consultato il 10 settembre 2019.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Automobili Portale Automobili: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di automobili