Volejbol'nyj klub Samotlor

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Volejbol'nyj Klub Samotlor
Pallavolo Volleyball (indoor) pictogram.svg
Segni distintivi
Colori sociali 600px vertical HEX-F0CC02 HEX-A6A6A6 Black.svg Giallo-grigio-nero
Dati societari
Città Nižnevartovsk
Nazione Russia Russia
Confederazione CEV
Federazione BØB
Campionato Superliga
Fondazione 1987
Presidente Russia Aleksej Berezin
Allenatore Russia Jurij Mel'ničuk
Impianto Zal Meždunarodnyh Vstreč
(1 000 posti)
Sito web ugra-samotlor.ru
Palmarès
Trofei nazionali 1 Coppa di Russia
Altri titoli 7 Coppe della Siberia e dell'Estremo oriente
Si invita a seguire le direttive del Progetto Pallavolo

Il Volejbol'nyj Klub Samotlor è una società pallavolistica maschile russa con sede a Nižnevartovsk: milita nel campionato di Superliga.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il Volejbol'nyj Klub Samotlor nasce il 1º luglio 1987 su iniziativa di Leonida Filimonova, presidente dell'associazione Nižnevartovskneftegaz, e partecipa prima a tornei di carattere promozionale contro altre formazioni sovietiche, poi a una competizione internazionale che vede la partecipazione di squadre provenienti da Iraq, Giappone e Arabia Saudita; il primo successo in competizioni ufficiali arriva nel 1990, quando conquista la Coppa della Siberia e dell'Estremo Oriente. Nella stagione 1991-92 vince la 1-ja Liga della Comunità degli Stati Indipendenti, entrando così di diritto nel primo livello del neonato campionato russo, la Visšaja Liga 1992, e ottenendo alcuni buoni piazzamenti, fra cui due terzi posti, che qualificano la squadra per la prima volta alle coppe europee: nella Coppa CEV 1993-94 viene sconfitta in finale dalla Pallavolo Padova, mentre nell'edizione successiva esce in semifinale contro un'altra squadra italiana, la Pallavolo Parma. In ambito nazionale la squadra ottiene la vittoria della Coppa di Russia 1993 e una nuova affermazione nella Coppa della Siberia e dell'Estremo Oriente; dopo pochi anni arriva però la prima retrocessione in Visšaja Liga A, avvenuta nel 1996-97[1].

Dopo una sola annata nel campionato cadetto il club torna in Superliga, dove rimane per diverse stagioni senza mai andare oltre il quinto posto in classifica, ma qualificandosi ancora una volta per la Coppa CEV: stavolta il cammino si arresta agli ottavi di finale; la quattordicesima posizione del campionato 2003-04 porta a una nuova retrocessione, e sono necessari tre anni per il ritorno nella massima serie, dalla quale viene nuovamente estromessa nel 2008-09: stavolta il periodo di anonimato nella seconda divisione del campionato è molto più lungo, ma grazie alla vittoria della Visšaja Liga A 2013-14 la squadra viene promossa nella Superliga 2014-15[1].

Cronistoria[modifica | modifica wikitesto]

Cronistoria del Volejbol'nyj Klub Samotlor

|}

Rosa 2014-2015[modifica | modifica wikitesto]

Nome Ruolo Data di nascita Nazionalità sportiva
1 Aleksandr Platonov S 22 dicembre 1983 Russia Russia
2 Dmitrij Berezin L 13 luglio 1987 Russia Russia
4 Roman Chandrolin P 10 aprile 1982 Ucraina Ucraina
8 Anton Karpuchov S 23 aprile 1988 Russia Russia
9 Dmitrij Poljakov C 5 aprile 1984 Russia Russia
10 Dmitrij Leont'ev Captain sports.svg S 8 gennaio 1989 Russia Russia
11 Valentin Krotkov L 1º settembre 1991 Russia Russia
12 Sergej Anojkin C 29 novembre 1988 Russia Russia
13 Artëm Abašin S 23 febbraio 1994 Russia Russia
14 Sergej Tjutin S/O 3 agosto 1989 Ucraina Ucraina
15 Sergej Šul'ga P 24 aprile 1981 Russia Russia
16 Vladimir Šumkin P 11 ottobre 1993 Russia Russia
17 Aleksej Safonov C 6 settembre 1989 Russia Russia
18 Vjačesalv Tarasov S/O 2 febbraio 1988 Russia Russia
20 Nikolaj Čepura S 4 agosto 1996 Russia Russia

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

1993
1990, 1993, 1996, 1997, 1999, 2001, 2005

Pallavolisti[modifica | modifica wikitesto]

Arrows-folder-categorize.svg Le singole voci sono elencate nella Categoria:Pallavolisti del V.k. Samotlor

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (RU) Cenni storici sul sito ufficiale., su ugra-samotlor.ru. URL consultato il 4 febbraio 2015.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]