Vladko Maček

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Vladko Maček
Vladko Maček crop.jpg
Vladko Maček tiene il giuramento per diventare Vicepresidente del Governo jugoslavo in esilio

Presidente del Partito Rurale Croato
Durata mandato 8 agosto 1928 –
15 maggio 1964
Predecessore Stjepan Radić
Successore Juraj Krnjević

Vice-primo ministro del Regno di Jugoslavia
Durata mandato 26 agosto 1939 –
aprile 1941
Predecessore carica istituita
Successore Juraj Krnjević

Leader dell'opposizione
Durata mandato 8 agosto 1928 –
26 agosto 1939

Dati generali
Partito politico Partito Rurale Croato

Vladimir Maček (più noto con il diminutivo di Vladko) (Jastrebarsko, 20 luglio 1879Washington, 15 maggio 1964) è stato un politico jugoslavo.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Maček fu giornalista, avvocato e deputato in rappresentanza dei contadini croati. Nel 1928, dopo la morte di Radic, divenne presidente del partito. Fautore della trasformazione della Jugoslavia in stato federale e sostenitore di una forte autonomia della Croazia dal centralismo serbo, tra il 1929 ed il 1934, durante il regno dispostico di Alessandro I, fu più volte arrestato e trascorre diversi anni in prigione. Alla vigilia della seconda guerra mondiale venne nominato vicepresidente del Consiglio al termine di una serie di trattative con Dragiša Cvetković, che portarono al riconoscimento di una certa autonomia dei croati e alla creazione della banovina di Croazia.

Nel marzo 1941 rifiutò l'offerta tedesca per la creazione di uno stato indipendente croato e si ritirò a vita privata, mentre Ante Pavelić si stava riavviciando all'Italia e alla Germania. Negli anni successivi fu ancora arrestato più volte e confinato; il 6 maggio 1945 lasciò Zagabria e si consegnò agli anglo-americani; si trasferì in Occidente e soggiornò a Parigi, Londra e Washington. Condusse una accanita lotta politica contro il titoismo e fu un sostenitore del ritorno dei Karageorgevic e dell'autonomia della Croazia nell'ambito di una monarchia jugoslava. Morì a Washington il 15 maggio 1964.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere di Gran Croce del Grand'Ordine del Re Dmitar Zvonimir - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce del Grand'Ordine del Re Dmitar Zvonimir
«Per l'eccezionale contributo alla lotta per l'indipendenza e l'integrità della Croazia e per i meriti e le sofferenze dei diritti nazionali e sociali del popolo croato.»
— Zagabria, 20 dicembre 2004[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (HR) Odluka kojom se odlikuje posmrtno dr. Vladko Maček, Narodne novine, 27 dicembre 2004. URL consultato il 12 luglio 2008.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • B.P. Boschesi, Il chi è della Seconda Guerra Mondiale - Vol. II, Mondadori Editore, 1975 – pag. 6

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN15573776 · ISNI (EN0000 0000 8200 5032 · LCCN (ENn92117028 · GND (DE119168286 · BNF (FRcb14503274d (data)