Vladislav Nikolaevič List'ev

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Vladislav Nikolaevič List’ev

Vladislav Nikolaevič List’ev in russo: Владислав Николаевич Листьев? (Mosca, 10 maggio 1956Mosca, 1º marzo 1995) è stato un giornalista russo.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Vlad Listyev è stato probabilmente il giornalista e conduttore televisivo più popolare in Russia (rimane ben ricordato anni dopo la sua morte avvenuta nel marzo 1995) ed è stato una forza chiave nel portare la voce della democrazia alla televisione russa.[non chiaro] Listyev è apparso per la prima volta in televisione come uno dei conduttori di uno spettacolo altamente progressivo e di successo Vzglyad ("Sguardo" o "Prospettiva") alla fine degli anni '80, un programma satirico visto settimanalmente da ben 100 milioni di persone[1]. Le altre ancore erano Alexander Lyubimov, Alexander Politkovsky , Dmitry Zaharov , Artyom Borovik ed Evgeny Dodolev[2].

Fu anche il primo conduttore di Pole Čudes (la versione russa de La ruota della fortuna), che divenne molto popolare. Dopo il successo di Vzglyad, Listyev e i suoi colleghi hanno fondato la famosissima società televisiva russa VID (Vzglyad i Drugiye - La vista e gli altri) che avrebbe prodotto la programmazione per il primo canale della televisione centrale, il principale canale televisivo dell'Unione Sovietica (in seguito chiamato Ostankino e ORT). Con VID, Listyev ha avviato una serie di nuovi progetti TV: Pole Čudes, Ugadai melodiu ("Indovina la melodia", la versione russa di Sarabanda, Tema ("Il tema") e Chas Pik ("L'ora di punta"). Nel 1995, Listyev è passato da VID all'ORT, dove è stato nominato direttore del canale. Una delle prime mosse di Listyev come regista è stata quella di ordinare una sospensione temporanea di tutta la pubblicità, in effetti escludendo tutti gli intermediari non autorizzati dal redditizio business della pubblicità e consolidando le future vendite di annunci nelle mani del canale[3].

Assassinio[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la sua nomina come direttore, la sera del 1 marzo 1995, di ritorno dalla trasmissione al vivo del suo programma serale Chas Pik, Listyev è stato ucciso da colpi di un'arma da fuoco[4] sulle scale del suo appartamento. Gli oggetti di valore e una grande somma di denaro che Listyev aveva con sè vennero lasciati intatti, portando gli investigatori alla conclusione che l'omicidio fosse legato alla politica o agli affari. Tuttavia, nonostante le affermazioni fatte dagli investigatori secondo i quali il caso fosse vicino ad essere risolto, né gli uomini armati né i mandanti dell'omicidio vennero trovati[5].

L'omicidio provocò un'enorme protesta pubblica. In una mossa senza precedenti, l'ORT e altri canali russi sospesero le trasmissioni per tutto il giorno il 2 marzo, mostrando solamente una foto di Listyev e la scritta "ЛАДИСЛАВ ЛИСТЬЕВ УБИТ" (VLADISLAV LIST'YEV UBIT, "Vladislav List'ev è stato ucciso")[6]. Giorni dopo, il canale venne riorganizzato e, dopo un numero di diverse incarnazioni, tornò come il Canale 1 controllato dal governo, con cui molti telespettatori russi erano familiarizzati. La veglia di List'ev fu frequentata da migliaia di persone, e il presidente Boris Eltsin arrivò allo studio del Canale 1 per fare un elogio emozionale lodando List'ev, piangendo la sua morte come una grande perdita per la Russia[7].

Ci furono molte speculazioni sulle ragioni per l'omicidio di List'ev, e due cause furono individuate come le più probabili: finanziarie e politiche. Quando List'ev mandò le agenzie pubblicitarie intermediarie in bancarotta, egli privò molti uomini d'affari corrotti di una fonte di enormi profitti. Dal punto di vista politico, List'ev godette di un enorme indice di popolarità tra i cittadini russi e avrebbe potuto influenzare il clima politico dell'intera nazione.

L'articolo di Paul Klebnikov Godfather of the Kremlin? su Forbes accusò Boris Berezovskij di aver ordinato l'omicidio[8]. Berezovskij fece causa la rivista per diffamazione in un tribunale britannico. Klebnikov espanse le accuse nel suo libro Godfather of the Kremlin: Boris Berezovsky and the looting of Russia". Forbes affermò nel tribunale che non potrebbe aver avuto prove della complicità di Berezovskij nell'omicidio di Vlad List'ev o in ogni altro omicidio[9][10].

Secondo Jurij Fel'štinskij e Vladimir Pribylovskij, gli agenti principali del KGB Aleksandr Koržakov e Aleksandr Komelkov potrebbero aver comissionato l'omicidio di List'ev per mano della Solncevskaja bratva. Gli autori implicarono che il movente fosse rubare il reddito della pubblicità in televisione e finanziare la candidatura di Oleg Soskovec alla presidenza della Russia. Gli autori credettero che Koržakov usò l'omicidio anche per incolpare Berezovskij e preparare il suo arresto[11].

Programmi televisivi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN72203480 · ISNI (EN0000 0000 4213 7436 · LCCN (ENno96001779 · GND (DE119411466 · WorldCat Identities (ENlccn-no96001779
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie