Vladimir Efimovič Semičastnyj

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Vladimir Semičastny)
Jump to navigation Jump to search
Vladimir Efimovič Semičastnyj
Влади́мир Ефи́мович Семича́стный
Vladimir Semichastny.jpg

Deputato del Soviet dell'Unione del Soviet Supremo dell'URSS
Legislature V, VI, VII
Circoscrizione RSS Kazaka (V), Oblast' di Kalinin (VI), Oblast' di Doneck (VII)

Primo segretario del Komsomol
Durata mandato 18 aprile 1958 –
25 marzo 1959
Predecessore Aleksandr Šelepin
Successore Sergej Pavlov

Presidente del Comitato per la Sicurezza dello Stato (KGB)
Durata mandato 13 novembre 1961 –
18 maggio 1967
Predecessore Aleksandr Šelepin
Successore Jurij Vladimirovič Andropov

Dati generali
Partito politico Partito Comunista dell'Unione Sovietica
Firma Firma di Vladimir Efimovič Semičastnyj Влади́мир Ефи́мович Семича́стный

Vladimir Efimovič Semičastnyj (in russo: Влади́мир Ефи́мович Семича́стный?; Grigor'evka, 15 gennaio 1924Mosca, 12 gennaio 2001) è stato un politico sovietico, direttore del KGB dal 13 novembre 1961 al 18 maggio 1967.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato nel Governatorato di Ekaterinoslav, nella RSS Ucraina, all'inizio degli anni quaranta frequentò l'Istituto chimico-tecnologico di Kemerovo, in Siberia, senza tuttavia riuscire a completare gli studi a causa della guerra (si sarebbe laureato in storia nel 1973 presso l'Università di Kiev). Da Kemerovo, dove fu attivo nel Komsomol, rientrò in Ucraina nel 1943 e nel 1947 divenne Primo segretario della sezione repubblicana del Komsomol (fino al 1950), mentre dal 1958 al 1959 guidò l'organizzazione a livello centrale. Dal 1961 al 1967 fu Presidente del KGB e dal 1964 al 1971 fece parte del Comitato Centrale del PCUS.[1]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Ordine di Lenin - nastrino per uniforme ordinaria Ordine di Lenin
— 1948
Ordine della Bandiera rossa del lavoro (3) - nastrino per uniforme ordinaria Ordine della Bandiera rossa del lavoro (3)

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN30485562 · ISNI (EN0000 0000 8214 4390 · LCCN (ENn99258505 · GND (DE124995586 · WorldCat Identities (ENn99-258505