Vladimir Rudol'fovič Fogel'

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Vladimir Rudol'fovič Fogel', in russo: Владимир Рудольфович Фогель[?], noto anche come Vladimir o Wladimir Vogel (Mosca, 29 febbraio 1896Zurigo, 19 giugno 1984), è stato un compositore russo naturalizzato svizzero.

Biografia e opere[modifica | modifica sorgente]

Iniziò i suoi studi a Mosca presso il locale Conservatorio sotto la guida di Alexander Scriabin per poi approfondirli a Berlino sotto la guida di Ferruccio Busoni per quanto riguarda la composizione e da Heinz Tiessen all'Accademia delle Belle Arti. L'influenza di Busoni lo portò ad appassionarsi all'espressionismo che proprio negli anni venti del secolo scorso in Germania si stava rapidamente diffondendo.

Ha insegnato composizione al Conservatorio di Berlino dal 1929 al 1933, e successivamente si è dedicato soprattutto alla composizione.

AI tempi del regime nazista, venne perseguitato e fu costretto ad abbandonare la Germania, per rifugiarsi dapprima a Strasburgo, poi a Bruxelles, a Parigi, a Londra, e dal 1939 in Svizzera, ad Ascona, e dal 1964 a Zurigo.

Ha dovuto attendere l'ottenimento della cittadinanza svizzera (1954) per poter lavorare in quella nazione; durante questo periodo fu attivo a Strasburgo, partecipando alle '‘Sessions d’études musicales et dramatiques’' ed organizzando la International Twelve-Tone Music pre-conference svolta a Orselina nel 1949.

Ha frequentato circoli artistici espressionisti ruotanti attorno alla figura di Herwarth Walden, ed è stato attivo, assieme a Philipp Jarnach e a Kurt Weill nell'ambito della sezione musicale del "Gruppo di Novembre" di Max Butting e Hans Heinz Stuckenschmidt.

Tra le sue composizioni, annoveriamo : sinfonie, pezzi per orchestra, concerti per violino e per cello, lavori corali, solisti ed orchestra, musica da camera.[1]

Nelle opere sinfoniche riuscì ad interessarsi a molte e variegate tematiche, riuscendo a profondervi un grande respiro ed un appropriato linguaggio.

Nelle opere corali riuscì a porre in rilievo un'espressività potente e di ampio respiro.

Fra le sue opere, notevoli sono i due oratori Wagadu's Unteregang durch die Eitelkeit (La caduta di Wagadu per orgoglio, del 1926-1929) e il Thyl Claes, di tema epico, con coro parlato, composto in due parti, la prima fra il 1937 e il 1938 e la seconda fra il 1944 e il 1945.

Nel dopoguerra orientò la sua passione verso la dodecafonia ottenendo un buon successo con Sette aspetti di una serie dodecafonica, del 1951 e con il Concerto per violoncello e orchestra, del 1955.

Da ricordare anche l'oratorio Die Flucht (La fuga, del 1962-1964) basato su testi di Robert Walser

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ "Dizionario di musica", di A.Della Corte e G.M.Gatti, Paravia, 1956,

Controllo di autorità VIAF: 61614899 LCCN: n81125425