Vladimir Plahotniuc

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Vladimir Plahotniuc
Vladimir Plahotniuc.jpg

Membro del Parlamento della Moldavia
Durata mandato 30 dicembre 2010 –
15 ottobre 2013

Durata mandato 9 dicembre 2014 –
31 luglio 2015

Durata mandato 24 febbraio 2019 –
30 luglio 2019

Vicepresidente del Parlamento della Moldavia
Durata mandato 30 dicembre 2010 –
15 febbraio 2013
Presidente Marian Lupu (ad interim)
Nicolae Timofti
Capo del governo Vladimir Filat
Predecessore Serafim Urechean
Successore carica abolita

Dati generali
Partito politico Partito Democratico della Moldavia
Università Università Tecnica della Moldavia
Università degli studi europei di Moldavia
Professione Politico, uomo d'affari

Vladimir Plahotniuc, comunemente conosciuto come Vlad Plahotniuc (Pitușca, 1º gennaio 1966), è un politico, dirigente d'azienda, filantropo e oligarca moldavo[1].

Presidente del Partito Democratico Moldavo dal dicembre 2016 al giugno 2019, è stato membro del Parlamento della Moldavia per tre volte, dal dicembre 2010 all'ottobre 2013, dal dicembre 2014 al luglio 2015, dal febbraio 2019 al luglio 2019, e Vicepresidente del Parlamento della Moldavia, dal dicembre 2010 al febbraio 2013. Fu politico molto influente, ,[2] avendo controllato, in diversi periodi, la maggioranza parlamentare e il governo moldavo.[3][4][5] È tra gli uomini più ricchi della Moldavia,[6][7] se non il più ricco.[8][9][10] Si dichiara grande sostenitore dell'integrazione europea e dell'instaurazione di buoni rapporti con l'Occidente.[11] Tuttavia è costantemente criticato da parte di analisti ed editorialisti moldavi, come la giornalista Natalia Morari, la quale lo ha definito essere "pro-corruzione".[12]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nacque il 1º gennaio 1966 a Pitușca, nel Distretto di Calaraşi, allora parte della Republica Socialista Sovietica Moldava in Unione Sovietica (oggi Moldavia). Come da lui dichiarato in un'intervista, deve la sua formazione soprattutto grazie alla sua famiglia.[13] Ha frequentato la scuola secondaria nel villaggio di Grozești, nel Distretto di Nisporeni. Nel 1983 si è diplomato Cum Laude.[14] Nel 1991 si è laureato presso l'Università Tecnica della Moldavia conseguendo una laurea triennale in Ingegneria, presso la facoltà di Industria e Tecnologia Alimentare.[14] Nel 2002 ha conseguito una seconda laurea in Economia Aziendale presso la stessa università.[15] Nel 2006 ha ottenuto una terza in Diritto Civile presso l'Università degli studi europei della Moldavia.[14]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Tra il 1991 e il 1993, ha presieduto la carica di specialista presso il Centro "Minor" per la prevenzione e riabilitazione dei minori autori di reati, affiliato al Comune di Chișinău.[14] Ha lavorato come economista presso la Euro EstHundel Ltd Moldova e per la Voyage Ltd Moldova. Tra il 1995 e il 1998 ha fondato la Angels Moldovan-American Financial Group, che ha diretto fino al 2001.[15] Dal 2001 al 2010 è stato Direttore Commerciale e in seguito Direttore Generale della Petrom Moldova JSC, occupandosi di importazione e distribuzione di petrolio.[15] Agli inizi del 2005 venne nominato Vice Segretario del Consiglio presso la banca commerciale Victoriabank, una delle banche leader moldave. Nel 2006 ne è diventato Segretario, posizione mantenuta fino al gennaio del 2011.[14][16] Da allora, si è concentrato sulla sua carriera politica come membro del Partito Democratico Moldavo. Nel 2015, ha ufficialmente fondato la General Media Group e la Radio Media Group[17][18][19][20]

Attività politica[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2014, durante le elezioni parlamentari Moldave, Plahotniuc ha motivato la sua intenzione di entrare in politica: "Sono entrato in politica con i miei affari in corso. Ho voluto ridare qualcosa in cambio, non il contrario".[21] Il New York Times definisce Plahotniuc "un tycoon formalmente filo-occidentale con una reputazione così tossica che persino i suoi amici politici di solito cercano, in pubblco, di mantenergli le distanza"[12] Secondo il New York Times, Andrian Candu, il Presidente del Parlamento moldavo nonché stretto associato di Plahotniuc, ha affermato che, da quando i partiti filo-occidentali hanno preso il potere nel 2009, il tycoon è stato accusato per tutti gli scandali Moldavi. Questi includono la misteriosa scomparsa di circa un miliardo di dollari dal sistema bancario del Paese. "È stato l'uomo più odiato nel paese perché la gente aveva bisogno di trovare qualcuno da incolpare", ha dichiarato Candu.

In un'intervista con un ex deputato del Parlamento moldavo, Plahotniuc fu in grado di ottenere la fiducia di Vladimir Voronin, il leader filo-russo del Partito Comunista della Moldavia. L'ex deputato ha fatto notare che durante la presidenza di Voronin, tra il 2001 e il 2009, Plahotniuc "era conosciuto tra gli amici e i confidenti di Voronin come "il portafoglio del partito". Per i suoi servizi, riceveva trattamenti privilegiati negli affari, e presto, nessuno, tranne Plahotniuc stesso, poteva sapere dove finivano i suoi soldi e dove iniziava il portafoglio del partito."[21] In un'intervista per il giornale locale Timpul Plahotniuc ha affermato: "Con Voronin ho conosciuto il Vicepresidente della Romania Ion Iliescu, il quale mi ha riconosciuto essere un importante uomo d'affari, incaricato agli investimenti romeni nella Repubblica Moldava. Naturalmente, essendo il rappresentante di una grande compagnia che ha pagato per il 3% del bilancio statale, era per me obbligatorio avere un canale di comunicazione con l'istituzione presidenziale. Questo ha indotto la stampa ha considerarmi quale "controverso uomo d'affari".[22]

La sera del 19 novembre 2010, durante l'incontro dell'Ufficio Politico del Partito Democratico della Moldavia, venne deciso di includere Vladimir Plahotniuc al secondo posto nella lista elettorale di partito.[23] Questo ha imposto al tycoon di delegare l'amministrazione dei suoi affari ai suoi manager.[24] Divenne membro del Parlamento nel dicembre 2010,[25] carica mantenuta fino all' ottobre del 2013, quando fu sostituito.[26][27][28] Il 30 dicembre 2010, durante la sessione del consiglio politico nazionale del Partito Democratico, è stato nominato Segretario del Partito Democratico della Moldavia.[29] Nello stesso giorno è stato eletto Presidente del Parlamento della Repubblica della Moldavia.[14] Fu anche eletto membro della Commissione dell'Economia, Bilancio e Finanza all'interno del Parlamento moldavo. Il 19 maggio 2011, per decreto del presidente Marian Lupu, ha fondato il Consiglio Nazionale per la riforma giudiziaria, consiglio che includeva Vladimir Plahotniuc come Vice Segretario.[30] Nel giugno 2012, viene nominato Primo Vicepresidente del Partito Democratico Moldavo.[31] Il 15 febbraio 2013 ha ricevuto una mozione di sfiducia da diversi membri del PLDM e del PCRM: con i voti di 73 su 101 parlamentari la carica di Presidente del Parlamento della Moldavia venne abolita. In seguito, Plahotniuc, a sua volta, ha chiesto al Primo Ministro Vlad Filat di dimettersi.[32][33] Alla fine dell'ottobre 2013 si è dimesso dalla posizione di membro del Parlamento.[34]

Nel dicembre 2014, è stato rieletto membro del Parlamento, e, nel luglio 2015 si è nuovamente dimesso dalla sua carica,[35][36][37] "per concentrarsi sulle sue attività politiche sulla riforma del partito", come ha dichiarato.

Il 15 ottobre 2015, nel giorno in cui Vlad Filat venne arrestato nel corso di un'indagine riguardo allo scandalo di frode bancaria, Plahotniuc ha annunciato via Facebook di autosospendersi dalla carica di Primo Segretario del Partito Democratico Moldavo, ed anche dalla posizione di membro di questo partito, come ha dichiarato: "... per non creare insinuazioni secondo cui influenzerebbe l'indagine nel caso di frode bancaria, e per non causare danno all'immagine del partito (PDM)".[38][39]

Il 13 gennaio 2016 Plahotniuc fu proposto, dal Partito Democrativo, per la carica di Primo Ministro Moldavo, ma sua candidatura fu rifiutata dal Presidente Nicolae Timofti. In una dichiarazione ufficiale, Timofti ha dichiarato che "Plahotniuc non soddisfa i criteri di un candidato per la carica di Primo Ministro". Ha ulteriormente specificato che tra i requisiti di un Primo Ministro, "l'integrità dei candidati non dovrebbe causare dubbi".[40][41]

Nel 24 dicembre 2016, durante l'ottavo Congresso del Partito Democratico, Plahotniuc è stato eletto Segretario del Partito Democratico Moldavo.[42] Il 6 marzo 2017, ha annunciato che il suo partito avrebbe proposto il sistema di voto unimoninale.[43][44][45] Due mesi dopo, il 10 maggio 2017, ha annunciato la posizione del partito di supportare completamente il Governo nella sua riforma dell'amministrazione centrale.[46] In una conferenza stampa, ha dichiarato che avrebbero mantenuto la loro carica solo nove ministri su sedici.[45][47]

Tra il 2 e 4 marzo 2017 a Cartagena in Colombia, al XV° Congresso, venne eletto presidente dell'Internazionale Socialista. In seguito si è unito alla leadership dell'Internazionale Socialista, presieduta da Giōrgos Papandreou, il Presidente dell'Internazionale Socialista e Luis Ayala, il Segretario Generale dell'Internazionale Socialista, rieletti anche nei 4 anni successivi.[48]

Il 30 marzo 2017, la maggioranza del Parlamento moldavo, guidata dai Democratici, ha votato il disegno di legge sulla modifica della Costituzione Moldava sull'abolizione dell'immunità dei parlamentari, mentre i deputati Socialisti e Comunisti hanno criticato l'iniziativa.[49] Nel 2013, Plahotniuc ha dichiarato che "L'abolizione dell'immunità dei deputati non è populismo, è una prova che i politici dovrebbero dare alla società".[50]

Nel luglio 2017 al Congresso dell'Internazionale Socialista, nel suo discorso Plahotniuc ha richiesto il ritiro delle truppe russe dalla Moldavia orientale.[51]

Nel 2018 ha esortato il Governo a lanciare una campagna per promuovere un programma edilizio chiamato, Prima casă, progettato per facilitare l'acquisto immobiliare per i dipendenti pubblici.[52] All'inizio del 2018, ha anche annunciato il lancio del programma nazionale "Drumuri bune pentru Moldova", in italiano, "Buone strade per la Moldavia". Plahotniuc dichiarato che questo sarebbe stato il più grande progetto di infrastrutture dalla dichiarazione di Indipendenza,[53] nonostante alcuni esperti lo abbiano irrealizzabile.[54]

Secondo i precedenti sondaggi, Plahotniuc era il politico moldavo più impopolare, considerato dai cittadini come il politico che merita meno fiducia e con un'opinione sfavorevole.[55][56][57] Nei sondaggi del 2019 riferiti ai politici più rispettati della Repubblica di Moldavia, Vladimir Plahotniuc si è classificato al 3 ° e 5 ° posto nella classifica dei politici in cui i moldavi hanno la fiducia più alta.[58][59][60][61][62]

Alle elezioni parlamentari in Moldavia del 2019 è stato eletto membro del Parlamento della Moldavia per il Partito Democratico della Moldavia nel collegio uninominale n° 17 di Nisporeni.[63][64][65] Sconfitto nella formazione del governo da una coalizione tra il partito filorusso e quello pro-Europa, primo ministro è stata eletta Maia Sandu, il 24 giugno 2019 Vladimir Plahotniuc si è dimesso dalla carica di presidente del Partito Democratico della Moldavia.[66] Un mese più tardi, il 30 luglio 2019, ha rinunciato anche al mandato parlamentare.[67][68][69]

Diplomazia parlamentare[modifica | modifica wikitesto]

Vlad Plahotniuc con Victor Ponta

Come Presidente del Parlamento della Repubblica di Moldavia, Vladimir Plahotniuc ha partecipato ad alcune missioni estere.[70][71][72][73][74][75][76][77][78][79][80]

È anche membro dell'Assemblea Interparlamentare degli stati membri della CSI e del Gruppo di Amicizia Parlamentare con Svizzera, Grecia e Ungheria.[14]

Come Segretario del Partito Democratico di Moldavia, che è membro del Partito dei Socialisti Europei (PSE) e dell'Internazionale Socialista, ovvero l'organizzazione mondiale dei partiti socialdemocratici, socialisti e laburisti.[81] Vlad Plahotniuc ha incontrato in molte occasioni Luis Ayala,[82] Plahotniuc ha anche incontrato i leader e i rappresentanti del PSE, a Bruxelles.

Posizione sulla politica estera[modifica | modifica wikitesto]

Plahotniuc ha dichiarato in un'intervista esclusiva per il sito di notizie moldavo Deschide.md che la Repubblica di Moldavia non cancellerà o rinegozierà l'Accordo di Associazione con l'Unione Europea, e non firmerà un Accordo con l'Unione Euro-Asiatica, qualificando le dichiarazioni fatte da Igor Dodon a Mosca come pura retorica elettorale.[83] Riguardo alla visita ufficiale del Presidente Igor Dodon a Mosca, Plahotniuc ha impegnato il Partito Democratico a proseguire fortemente l'impegno della Moldavia nei confronti dell'Unione Europea e ha espresso che la relazione tra Moldavia e UE deve essere primaria per la politica estera.[84]

Il 7 gennaio 2017 Plahotniuc ha inviato un messaggio al neo presidente eletto Donald Trump; la dichiarazione riflette la visione del leader del partito: ″ La Moldavia è desiderosa di diventare un ponte tra Est e Ovest, non un campo di battaglia per le potenze mondiali″.[85]

Come Segretario del Partito Democratico della Moldavia, si è assolutamente dichiarato contro l'incombente possibilità di un'annessione della Moldavia alla Russia. Il Partito Democratico della Moldavia ha ripetutamente affermato la sua devozione alle dottrine occidentali come la democrazia.[86]

Durante la sua presidenza del Partito Democratico, ha incontrato molti rappresentanti statunitensi ed europei. uno dei suoi traguardi in questa direzione è stata la sottoscrizione di risoluzioni a favore della Moldavia nella Casa dei Rappresentanti del Congresso degli Stati Uniti da David Price e Pete Olson, dopo aver ottenuto numerosi incontri ufficiali con essi. La risoluzione ha ribadito il supporto americano per l'integrità territoriale della Moldavia e per la risoluzione del conflitto in Transnistria, così come la crescita della cooperazione tra Moldavia e Stati Uniti.[87][88]

Uomo d'affari[modifica | modifica wikitesto]

Vladimir Plahotniuc ha gestito aziende nei seguenti settori: petrolifero,[89] finanziario e bancario, affari alberghieri, media e immobiliare.[90][91]

In un'intervista TV nel 2010 Plahotniuc ha detto di aver avuto "il primo assaggio del successo degli affari" nel 1996, quando lui e alcuni collaboratori iniziarono a produrre vino da esportare in Russia. Cinque anni dopo è diventato direttore di vendite alla Petrom Moldova, una compagnia petrolifera. Dopo essersi laureato in gestione d'affari e in legge, è diventato direttore generale della compagnia. Simultaneamente è stato eletto segretario di una delle più grandi banche commerciali in Moldavia, la Victoriabank.[92]

Plahotniuc è l'unico proprietario della compagnia Prime Management SRL, fondata nel settembre 2010, i cui ricavi hanno ammontato a 34 milioni di lei (circa 7.8 milioni di euro) nel 2015.[93]

Il New York Times ha definito Plahotniuc il più temuto tycoon della Moldavia.[12] Nel report di Carnegie intitolato La struttura della corruzione in Moldavia, Plahotniuc è accusato di controllare la rete della Moldavia fuori dal governo e che un sospetto trasferimento di circa 1 miliardo di dollari rilevato da un report sulla banca centrale commissionata era visto come un movimento dalla rete di Plahotniuc per sconfiggere le concorrenza, la rete formata dal primo ministro Vladimir Filat, che era implicato nel report.[94]

Associazione delle persone d'affari della Moldavia[modifica | modifica wikitesto]

Il lancio dell' Associazione delle persone d'affari della Moldavia

Precedentemente alla sua entrata in politica a fianco del Partito Democratico della Moldavia, il 26 luglio 2010, Vladimir Plahotniuc ha fondato l'Associazione delle persone d'affari della Moldavia[95] e dopo due mesi ha lanciato la sua attività con un vertice economico internazionale, che vedeva Dominique de Villepin, politico e scrittore francese, Vice Ministro degli Affari Esteri nel Governo francese, ospite all'evento. La lista dei partecipanti includeva il Capo del Consiglio MBPA Vladimir Plahotniuc, il Direttore Generale del MBPA Andrian Candu, il Vice Primo Ministro e Ministro dell'Economia e del Commercio Valeriu Lazăr, il Governatore della Banca Nazionale di Moldavia Dorin Drăguțanu e molti altri ospiti onorevoli.[96]

Su iniziativa di Vladimir Plahotniuc, l'Associazione delle persone d'affari della Moldavia ha lanciato una collaborazione con l'Accademia delle Scienze della Moldavia, tenendo conto che la ricerca ha bisogno di supporto dall'ambiente degli affari.[97][98] Il 25 ottobre 2010, durante un evento festivo, l'Associazione delle persone d'affari della Moldavia ha rilasciato i diploma ai migliori 100 manager della Moldavia.[99]

Fondazione Edelweiss[modifica | modifica wikitesto]

Vladimir Plahotniuc è anche conosciuto per essere fondatore della Fondazione di Vlad Plahotniuc "EDELWEISS", che è impegnata nell'implementazione di vari progetti sociali in Moldavia.[100]

Fondata nel 2010, la fondazione ha avviato diversi progetti culturali, donazioni di libri, concerti di musica ed eventi artistici,[101][102][103][104][105] ha supportato personaggi dello sport moldavi,[106][107][108] ha provveduto al supporto finanziario per la gente bisognosa di cure mediche,[109][110][111] Inoltre, le vittime dell'inondazione del fiume Prut nell'estate 2010 hanno ricevuto aiuti finanziari e beni primari.[112][113][114] i bisognosi di tutto il Paese hanno beneficiato dello stesso tipo di assistenza e supporto.[115][116][117] Edelweiss ha ristrutturato il dormitorio dell'orfanotrofio "Grazioso Giuseppe" e ha donato vari regali.[118][119][120]

Nel 2014, Edelweiss ha avviato una campagna sociale su scala nazionale, chiamata "Rivivi Moldavia".[121] Ha iniziato a supportare e incoraggiare le madri dei neonati offrendo loro regali su misura, come l'assistenza all'infanzia e altre cose importanti di cui le madri potrebbero aver bisogno. La campagna fu lanciata nel luglio 2016 all'istituto Madre e Figlio di Chisinau e fu estesa nel 2017 a tre altri istituti materni: gli ospedali materni di Nisporeni, Cahul and Edineț.[122][123] La campagna raggiunse presto il suo obiettivo: raccogliere 1 milione di euro per i lavori di ricostruzione e rinnovare l'assortimento medico dell'Istituto Madre e Figlio di Chișinău.[124]

Inoltre, Edelweiss ha destinato moltissime risorse allo sviluppo dei parchi giochi per bambini e ha investito molto nelle località rurali. Sotto il progetto Parchi Edelweiss, sono stati costruiti più di 40 parchi giochi per bambini sicuri e moderni in diverse località del paese.[125][126][127]

Nel 2017, Edelweiss ha avviato il progetto "Rispetto per i Seniors" in collaborazione con l'ambasciatore austriaco e l'Associazione di Istruzione “Neoumanista”. Il progetto si prefissa di migliorare gli standard di vita di 40 anziani nel Distretto di Straseni provvedendo a servizi sociali e medici a domicilio.[128][129]

Nel 2017, la Fondazione avvia un progetto destinato agli studenti della scuola superiore della Repubblica di Moldavia con lo scopo di sostenere l'arricchimento dell'offerta formativa e di incoraggiare gli studenti che hanno raggiunto buoni risultati nell'istruzione offrendo loro 100 borse di studio mensili durante l'anno scolastico 2017-2018.[130][131]

Nel 2016 la fondazione è stata ufficialmente rinominata «Fundația lui Vlad Plahotniuc "EDELWEISS"» (Fondazione di Vlad Plahotniuc "EDELWEISS").

Controversie[modifica | modifica wikitesto]

Accusa dall'Interpol di legami con la Mafia Russa[modifica | modifica wikitesto]

L'Interpol ha aperto un caso sul coinvolgimento delle attività di Plahotniuc attraverso l'Europa Occidentale dal 2007 e si pensa che sia genericamente associato ad una delle più grandi mafie in Russia, la Fratellanza Solntsevskaya . Plahotniuc nega ciò.[132] La polizia italiana ha indagato su Plahotniuc per riciclaggio di denaro.[133] Plahotniuc giura di non aver nulla a che fare con la sparizione di denaro. Gofman afferma che milioni di dollari sono stati riciclati nelle banche russe e nelle agenzie di vendita off-shore intestate a nome di Ilan Shor.[133]

Accusa di omicidio[modifica | modifica wikitesto]

Secondo il quotidiano Kommersant, Plahotniuc è stato accusato da un assassino incaricato di uccidere il banchiere russo German Gorbuntsov a Londra.[134] Quest'ultimo rigetta l'informazione rilasciata dal killer Vitalie Proca e reclama che ci sono molte prove che portano a Renato Usatîi.[135] Questa accusa aggiunge evidenze ad una storia sviluppatasi in precedenza: Plahotniuc era stato a lungo accusato di avere legami con l' organizzazione del tentato omicidio del banchiere German Gorbuntsov.[136] L'assassino ingaggiato Vitaliy Proca (a volte scritto Proka), è stato consegnato alle autorità romene nel 2013 dalla Russia per un separato omicidio premeditato dopo le negoziazioni di un'estradizione attraverso l'Interpol.[137] Proca aveva precedentemente accusato Plahotniuc di aver organizzato l'assassinio.[138] Subito dopo aver fatto queste dichiarazioni, la moglie e il cognato di Proca furono arrestati, e sua moglie ha raccontato alla stampa che le era stato offerto un patto dai rappresentanti di Plahotniuc per liberarli se Proca avesse mantenuto il silenzio.[139]

Accuse di traffico di donne[modifica | modifica wikitesto]

Plahotniuc è stato largamente accusato di essere coinvolto in un affare di traffico di donne per la prostituzione.[12][140][141] Mentre questo non è stato provato nella corte di legge, le interviste con gli ufficiali hanno rivelato che "negli anni '90 era proprietario di una sauna, dove forniva giovani prostitute a uomini d'affari e diplomatici; Plahotniuc conservò una collezione di video per ricattare la gente e spingerla a patteggiare".[142]. Il New York Times riporta che "È stato accusato dai suoi avversari negli anni di molteplici crimini, come il traffico umano, ma mai formalmente condannato".[12][143]

Molteplici passaporti con nomi diversi[modifica | modifica wikitesto]

Agli inizi del 2011, poco dopo la sua elezione in Parlamento, il giornale romeno "Adevărul" rivelò che Plahotniuc aveva la cittadinanza romena, essendosi registrato con il nome di Vlad Ulinici, e in precedenza come Vladimir Ulinici.[144] Ha giustificato ciò per "voler proteggere i suoi figli contro la discriminazione durante i loro studi in Romania".[145] In seguito, ha annunciato di aver richiesto che il suo cognome fosse cambiato in Plahotniuc anche nei suoi documenti romeni.[146] Per l'uso della falsa identità Vlad Plahotniuc ha affrontato un'azione penale in Romania tre anni dopo che la sua doppia identità Ulinici/Plahotniuc fosse rivelata nel giornale "Adevărul Moldova". Come risulta dalla sentenza del procuratore di sospendere il caso, Vlad Plahotniuc non affrontò la responsabilità penale in Romania per l'uso di false identità solo perché nella Repubblica di Moldavia usare una falsa identità non costituisce reato.[147][148]

Accusa di frode dalla Banca Centrale[modifica | modifica wikitesto]

Plahotniuc è stato indicato come figura centrale nella frode di oltre un miliardo di dollari dalla Banca Centrale di Moldavia. Questa accusa fu riemessa dal vice Direttore dell'agenzia di anti-riciclaggio in Moldavia, Mihail Gofman.[149] Il principale ideatore, secondo il report di Kroll, è Ilan Shor, un cittadino moldo-israeliano che gestiva uno schema complesso per defraudare tre banche sotto il suo controllo, quali Unibank, Banca Socială e Banca de Economii.[150] Le indagini furono avviate, e alcuni presunti responsabili della frode furono arrestati, incluso il vice Primo Ministro Vlad Filat.[151] Ma nonostante le indagini, dopo due anni solo 1 di 14 miliardi di lei sono stati recuperati.[152]

Vladimir Plahotniuc agiva come Segretario di Victoriabank, una delle banche leader in Moldavia fino a gennaio 2011.[14][16] Tra il 2004 e il 2007 Plahotniuc fu l'ufficioso partner di affari di Viorel e Victor Țopa, con i quali ha ottenuto il controllo della banca Victoriabank e del canale Prime TV .[153] Nel settembre del 2010, Victor e Viorel Țopa inviarono un memorandum ad un certo numero di istituzioni nazionali ed internazionali (17), accusando Plahotniuc di "attacchi raider" tra luglio e agosto del 2011 su 4 banche e sulla compagnia di assicurazioni ASITO.[154][155] L'ex presidente di Victoriabank, Victor Ţurcan, affermò più tardi in un'intervista che i veri truffatori nel caso Victoriabank erano stati Victor e Viorel Ţopa, e che manipolarono l'opinione pubblica attraverso false dichiarazioni.[156] Più tardi, fu aperto un file criminale per ognuno dei Țopa, cosicché fuggirono in Germania, accusando Plahotniuc di persecuzione politica.[157] L'8 marzo 2017 Plahotniuc pubblicò sulla sua pagina Facebook la sentenza della Corte di Amsterdam dove fu confermato che le accuse dei Ţopa sull'"attacco raider" da Victoriabank erano infondate.[158][159][160]

Secondo i media, Plahotniuc avrebbe finanziato il Partito Comunista fino al 2009, e poi il Partito Democratico dal 2010.[161]

Secondo l'esperto di politica moldavo Bogdan Țîrdea, Plahotniuc avrebbe usato la sua carica di direttore generale presso la Petrom Moldova per avvicinarsi all'allora President Vladimir Voronin e avviare la sua carriera di affari. Plahotniuc ha negato di avere stretti rapporti con Voronin.[92]

Nell'estate del 2008, Plahotniuc fu definito "l'Abramovich di Moldavia", e, dopo le dimissioni di Vasile Tarlev dalla carica di Primo Ministro, Plahotniuc fu vicino a diventare Primo Ministro della Moldavia.[162]

Plahotniuc aveva un patrimonio di 300 milioni di dollari come dichiarato nella classifica delle persone più ricche pubblicata dalla rivista d'affari ucraina "Delo", ad agosto 2010.[16] Il denaro fu ricavato da entrambe le attività di "Victoriabank" e "Petrom Moldova", dove è stato segretario del Consiglio di Amministrazione e direttore generale.[16][92][163] Fu sospettato all'epoca di essere un agente del SIE.[164] Nonostante il suo nome non sia stato menzionato nei documenti trovati, c'è una diceria secondo cui Vlad Plahotniuc sia il proprietario dell'hotel più lussuoso di Chişinău, il “Nobil”.[16] È stato anche detto che possiede l'hotel “Codru” , la compagnia assicurativa “Asito” e il night club “Drive”.[16] Agroindbank Moldavia è l'attuale proprietario dell'hotel Codru,[165] ed è stato annunciato che l'hotel diventerà il quartier generale della banca.[166]

Nell'agosto 2010 Plahotniuc ha dichiarato: "Non sono coinvolto in politica. Non sono interessato a guidare una lista di partito." Tuttavia, pochi mesi dopo è diventato membro del Parlamento tra le file del PDM.[161]

Plahotniuc è visto come un oligarca in Moldavia,[167][168][169][170] ed è stato soprannominato "Il Burattinaio" (Romeno: Păpușarul),[93][171][172] essendo accusato per traffico di influenza su tutta la classe politica moldava.[173][174] Nel giugno del 2015, il vice Primo Ministro della Moldavia Ion Sturza, ha dichiarato in un talk-show che "[...] La Repubblica di Moldavia è uno stato prigioniero, ed è controllato da Plahotniuc [...]".[175] Nell'Ottobre del 2015 Petru Bogatu, un editorialista indipendente moldavo, scrisse una dura critica nei confronti di Plahotniuc, dichiarando che lui [Plahotniuc] "ha usurpato l'amministrazione centrale del paese", e "ha subordinato a lui i procuratori e i giudici, soggiogando in questo modo le istituzioni costituzionali del paese. Di conseguenza, ha trasformato lo stato in una ditta privata, e la giustizia in una gestapo per l'intimidazione e la sepoltura dei suoi avversari politici".[164][176]

Basato su varie perizie, per molti anni Plahotniuc è stato il politico moldavo con la più grande impopolarità, essendo visto dai cittadini moldavi come il politico in cui riservano la fiducia più bassa (fino al -87%).[177][178][57] È conosciuto come una figura politica chiave a cui non piace apparire in pubblico,[179] evitando dibattiti pubblici diretti con altre figure politiche,[180][181] ed evita di rilasciare interviste a media indipendenti o dell'opposizione, nonostante abbia preso parte in due trasmissioni biografiche nei suoi canali TV: "Seara târziu" con Dorin Scobioală su Prime TV a metà 2010 (la sua prima apparizione in TV),[182] e "O zi" con Cristian Tabără su Publika TV nel tardo 2016.[183]

Plahotniuc è stato accusato di violazione della legge moldava contro il monopolio dei media. Nonostante la proprietà mediatica sia difficile da definire in Moldavia, il gruppo di monitoraggio dei media AO Apollo ha seguito nel 2012 una prova cartacea che portava verso i Paesi Bassi e Cipro per provare l'evidenza che Plahotniuc controlla tre dei sei canali televisivi nazionali in Moldavia e due stazioni radio. L'organizzazione chiese al regolatore di diffusione del paese di revocare alcune delle licenze e di valutare sanzioni, ma non fu ricevuta risposta.[92] Più tardi, fu reso ufficiale in base a una dichiarazione formale del Corpo Generale Media Group, il quale include i canali TV Publika TV, Prime TV, Canal 2 and Canal 3,[184][185][186][187][188] e anche le stazioni radio Publika FM, Maestro FM and MUZ FM (ex Prime FM), che l'unico azionista della holding è Vladimir Plahotniuc.[184][189][190][191]

Agli inizi di maggio del 2016 Plahotniuc è andato in visita ufficiale a Washington, dove ha preso parte ad un evento dell'Atlantic Council, e ha incontrato l'assistente segretario di Stato degli Stati Uniti, Victoria Nuland presso il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti.[192][193] Non essendo ufficialmente incaricato dal governo,[12] secondo un comunicato stampa del Partito Democratico Plahotniuc è andato in visita come "Coordinatore Esecutivo del Consiglio della coalizione di Governo”, ma i media locali non erano a conoscenza dell'esistenza di questa funzione, così come alcuni parlamentari della coalizione di governo.[194] Chiesto da alcune istituzioni mediatiche, l'ambasciatore statunitense in Moldavia James Pettit ha confermato che Plahotniuc formalmente faceva parte della delegazione, ma che non sapeva ulteriori dettagli sull'esatto ruolo di Plahotniuc.[195]

Plahotniuc è stato indicato come figura centrale nella frode di oltre un miliardo di dollari dalla Banca Centrale di Moldavia. Questa accusa fu riemessa dal vice Direttore dell'agenzia di anti-riciclaggio in Moldavia Mihail Gofman.[149][150] Tuttavia, accadde un simil miracolo dal 2014, quando l'Unione Europea e gli altri tagliarono gli aiuti economici, di vitale importanza per le più povere nazioni d'Europa. Fu instaurato un nuovo governo e sotto severe pressioni, riuscì a spingere la Moldavia fuori dai debiti in un periodo di tempo molto breve. Furono avviate le indagini, arrestati gli ideatori della frode, incluso l'ex primo ministro, ed emanate alcune sentenze importanti.[151]

Nel contesto delle proteste in Moldavia tra il 2015 e il 2016, il Centro di affari Globale, fondo delle aziende di Plahotniuc, fu contestato dai protestanti per strada.[196][197][198][199][200] Nel gennaio del 2016, dopo la nomina di Plahotniuc dalla maggioranza del Parlamento per la carica di primo ministtro, la proposta fu immediatamente rifiutata dal Presidente Nicolae Timofti, invocando ragioni di integrità.[201] Due raduni si formarono a Chișinău, uno che supportava Vlad Plahotniuc per la carica di primo ministro e l'altro che si opponeva alla nomina. Il giorno dopo, le proteste continuarono, con dieci mila persone a protestare nel centro di Chișinău contro Plahotniuc.[202][203][204]

Il 7 aprile 2017 il capo della Polizia Ucraina Serhiy Knyazev e il Ministro degli Interni dell'Ucraina Arsen Avakov hanno annunciato il tentato omicidio del politico Vlad Plahotniuc.[205] Le autorità detenevano 8 persone in Moldavia e 9 in Ucraina.[206][207] Gli Ucraini trovarono legami tra gli assassini dell'Ucraina e le forze speciali della Federazione Russa.[5][208] L'8 aprile, secondo un comunicato stampa del Servizio di Guardia del Consiglio di Stato dell'Ucraina, il tentato omicidio sarebbe stato coordinato da agenti dei servizi segreti russi.[209] Lo stesso giorno, in una dichiarazione in conferenza stampa della polizia moldava e dei procuratori, fu dichiarato che il crimine era stato commissionato da due cittadini moldavi, di cui uno era a capo di un gruppo criminale con sede in Russia.[210] Tuttavia, alcuni analisti politici hanno dichiarato ad un canale dell'opposizione Jurnal TV, che questi eventi sono parte di una guerra ibrida.[211] I maggiori oppositori politici di Plahotniuc, come Maia Sandu, Andrei Năstase e Renato Usatîi, hanno ricevuto saltuariamente le notizie del tentato omicidio di Plahotniuc.[212][213] Usatîi,[214] e anche Bogdan Țîrdea, un parlamentare socialista moldavo, ha considerato troppo grande il numero di 17 uomini che presumibilmente hanno pianificato l'assassinio.[213] Il 27 aprile 2017 i procuratori moldavi dichiararono in una conferenza stampa che il disturbatore Grigore Caramalac (anche scritto Karamalak, alias "Bulgaru") era uno delle persone che aveva ordinato l'omicidio di Plahotniuc. Il secondo individuo sarebbe un detenuto in una prigione moldava.[5][215][216]

Dal 2017 Plahotniuc è conosciuto per il suo controllo su tutto il Governo, sulla branca giudiziaria, sistema dei procuratori e sui corpi anti corruzione tramite il Partito Democratico, "partiti-vassalli" e particolari persone nella gestione delle istituzioni moldave, nonostante ufficialmente non mantenga cariche politiche.[5]

Il 21 settembre 2017 il segretario del Partito di Azione e Solidarietà Maia Sandu ha sottoscritto presso l'Ufficio del Procuratore Generale della Repubblica di Moldova una denuncia criminale contro Vladimir Plahotniuc, accusandolo di usurpazione del potere statale tramite il sequestro di tutti i poteri statali del governo per mezzo di estorsione e corruzione.[217] L'11 ottobre 2017 il segretario del Partito Liberale Mihai Ghimpu ha riassunto presso l'Assemblea Parlamentare del Consiglio d'Europa alcune di queste accuse lamentando il fatto che Plahotniuc controlla la giustizia in Moldavia e abusandone intimida gli oppositori politici.[218]

Il 30 novembre 2017 un tribunale di Mosca ha sentenziato un arresto di garanzia per Plahotniuc, accusato di tentato omicidio[219][220][221]. Inoltre, Plahotniuc è stato inserito nella lista dei ricercati internazionali della Russia.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Vlad Plahotniuc è sposato con Oxana (nata Childescu) dalla quale ha avuto due figli: Timofei e Inochentie.[222] Sua moglie Oxana è la figlia dello scultore e pittore moldavo Emil Childescu.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Il 29 agosto 2007, Vlad Plahotniuc è stato insignito dell'Ordine della gloria del lavoro dal presidente della Repubblica della Moldavia Vladimir Voronin, "per il contributo alla ricostruzione del Complesso dei monasteri Curchi e per i meriti nella conservazione e nella diffusione del patrimonio storico-culturale”,[223] mentre il 24 luglio 2014 il presidente Nicolae Timofti gli ha conferito l’Ordine della Repubblica "per il valido apporto nell’adempimento dell’obiettivo maggiore della politica estera della Repubblica della Moldavia, quali l'associazione politica e l'integrazione economica con l'Unione europea[224][225][226]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Why forging bonds with Moldova is crucial, Mr. Plahotniuc is a philanthropist and is a powerhouse in Moldovan politics.
  2. ^ Powerful tycoon sees Moldova sticking to EU path regardless of election outcome, su uk.reuters.com, 11 novembre 2016. URL consultato il 21 agosto 2017.
  3. ^ (EN) The Washington Times https://www.washingtontimes.com/, Moldova secessionists increasing just as in Crimea, in The Washington Times. URL consultato il 29 novembre 2017.
  4. ^ Vladimir Socor, Moldova’s President in the Kremlin: A Snapshot of Moldova-Russia Relations, su jamestown.org, 26 gennaio 2017. URL consultato il 21 agosto 2017.
  5. ^ a b c d Ukraine and Moldova police prevented assassination of Democrat oligarch Vlad Plahotniuc, su moldova.org.
  6. ^ Cei mai bogați oameni din Republica Moldova
  7. ^ Cum a devenit Vladimir Plahotniuc milionar în euro
  8. ^ Moldova crisis: An elite power grab?. David Stern, BBC News, 27 January 2016
  9. ^ Financial Times, about the oligarchs from Eastern Europe: Plahotniuc, the richest man from Moldova, captured long time ago the power, su jurnal.md. URL consultato il 29 maggio 2018 (archiviato dall'url originale il 22 agosto 2017).
  10. ^ Ce avere are Vlad Plahotniuc? Între 2 și 2,5 miliarde de dolari. mold-street.com, 28 Oct. 2016
  11. ^ (EN) Vladimir Plahotniuc, A message for Trump and the US: Moldova wants to be a bridge, not a battleground, between East and West, in Fox News, 7 gennaio 2017. URL consultato il 29 novembre 2017.
  12. ^ a b c d e f (EN) Andrew Higgins, Moldova Is Rattled as Washington Welcomes a Feared Tycoon, in The New York Times, 3 giugno 2016, ISSN 0362-4331 (WC · ACNP). URL consultato il 13 novembre 2017.
  13. ^ Omul cu propria definiţie a Succesului, su vipmagazin.md. URL consultato il 14 gennaio 2016 (archiviato dall'url originale il 9 dicembre 2011).
  14. ^ a b c d e f g h Members of the Parliament, su parlament.md. URL consultato il 14 gennaio 2016.
  15. ^ a b c Asociația Oamenilor de Afaceri din Moldova, su aoam.md. URL consultato il 29 maggio 2018 (archiviato dall'url originale il 2 luglio 2015).
  16. ^ a b c d e f Cum a devenit Vladimir Plahotniuc milionar în euro, 27 ianuarie 2011, adevarul.ro, accesat la 6 mai 2011
  17. ^ Plahotniuc a devenit oficial mogul de presă: Deține 4 televiziuni și 3 posturi de radio, in AGORA, 20 aprile 2016.
  18. ^ Lista proprietarilor mai multor posturi TV, făcută publică, in PRIME.MD. URL consultato il 29 maggio 2018 (archiviato dall'url originale l'11 ottobre 2016).
  19. ^ Cine sunt proprietarii posturilor de televiziune și de radio din țara noastră, in Today.md. URL consultato il 23 aprile 2016.
  20. ^ Mai mulți politicieni și cunoscuți oameni de afaceri din Republica Moldova dețin posturi de radio și TV, in infoMOLDOVA.net. URL consultato il 23 aprile 2016.
  21. ^ a b Vlad Plahotniuc: Moldova’s man in the shadows | openDemocracy
  22. ^ Vlad Plahotniuc, om de afaceri, fost politician, O schiță de portret.
  23. ^ Unimedia.md, Vladimir Plahotniuc este candidatul la funcția de deputat numărul 2 pe lista Partidului Democrat, 20 nov 2010
  24. ^ Vladimir Plahotniuc şi-a transmis afacerile în administrarea managerilor, pentru a se ocupa de politică, su azi.md. URL consultato il 14 gennaio 2016.
  25. ^ Vlad Plahotniuc a renuntat la afaceri, in protv.md, 28 dicembre 2010.
  26. ^ UNIMEDIA, (video) Declarația lui Plahotniuc după VOT: Îmi dau demisia și îl îndemn pe Filat să facă la fel!, in UNIMEDIA.
  27. ^ "Imi dau demisia si il astept pe Filat sa-si anunte si el plecarea". Functia lui Plahotniuc, lichidata, in protv.md, 15 febbraio 2013.
  28. ^ Deputatul democrat Vlad Plahotniuc a demisionat din funcţia de prim-vicepreşedinte al Parlamentului și îi cere lui Vlad Filat să facă la fel, in PUBLIKA.MD, 13 aprile 2016.
  29. ^ Unimedia.md, PD a decis: Vladimir Plahotniuc, vicepreședinte al Partidului Democrat din Moldova, 30 nov 2010
  30. ^ Decret prezidential, su interlic.md. URL consultato il 14 gennaio 2016.
  31. ^ Lupu – reales, Plahotniuc – avansat, in Timpul - Ştiri din Moldova.
  32. ^ (RO) Vitalie Călugăreanu, Plahotniuc a fost demis. Mascaţii au năvălit în Guvern, Deutsche Welle, 15 febbraio 2013. URL consultato l'8 ottobre 2017.
  33. ^ (RO) Valeria Viţu, Chişinău: Prim-vicepreşedintele Parlamentului, Vlad Plahotniuc demis, RFI Romania, 15 febbraio 2013. URL consultato l'8 ottobre 2017.
  34. ^ (video) Ultimă oră! Vlad Plahotniuc anunță că se retrage din funcția de deputat! (RO)
  35. ^ Victoria Dumbravă, VIDEO. Plahotniuc pleacă din Parlament, in AGORA, 20 aprile 2016.
  36. ^ (RO) ULTIMA ORĂ! Vlad Plahotniuc RENUNȚĂ la mandatul de deputat (VIDEO), realitatea.md.
  37. ^ (RO) Ultima oră! Vladimir Plahotniuc se retrage din Parlament, UNIMEDIA.
  38. ^ Vladimir Plahotniuc se retrage din Partidul Democrat (RO)
  39. ^ Vladimir Plahotniuc și-a depus mandatul de deputat (RO)
  40. ^ Moldovan president rejects candidacy of Vladimir Plahotniuc for prime minister, su TASS Russian News Agency. URL consultato il 27 maggio 2016.
  41. ^ Președintele Nicolae Timofti respinge candidatura domnului Vladimir Plahotniuc la funcția de prim-ministru (RO)
  42. ^ Vlad Plahotniuc a fost ales președinte al Partidului Democrat din Republica Moldova, su agerpres.ro, 24 dicembre 2016. URL consultato il 3 gennaio 2017.
  43. ^ Democratic Party proposes uninominal voting system in Moldova, opposition and Liberals oppose it
  44. ^ Democratic Party of Moldova proposes UNINOMINAL VOTING SYSTEM. Vlad Plahotniuc: Citizens to be able to dismiss MPs
  45. ^ a b Democratic leader Vlad Plahotniuc announces Government’s reshape! Number of ministries, cut to 9, after decision in ruling coalition
  46. ^ Moldova Democrats propose to reduce number of Ministries from 16 to 9, insist on uninominal system after 2022
  47. ^ DPM announces reduction of ministries in the Government, su en.crimemoldova.com. URL consultato il 29 maggio 2018 (archiviato dall'url originale il 30 maggio 2018).
  48. ^ Vlad Plahotniuc, elected Vice-President of the Socialist International
  49. ^ Moldova Parliament votes lifting MP immunity in first lecture, Socialists and Communists oppose it
  50. ^ Vlad Plahotniuc: Lipsirea de imunitate a deputaţiilor nu este populism, este un test pe care clasa politică ar trebui să-l dea în fața societății
  51. ^ Vlad Plahotniuc a cerut în SUA retragerea trupelor ruse de pe territoriul R. Moldova, su timpul.md. URL consultato il 29 maggio 2018 (archiviato dall'url originale il 13 febbraio 2019).
  52. ^ Plahotniuc promite că programul „Prima Casă” va fi funcțional din luna martie. Agora
  53. ^ Proiectul lui Plahotniuc prinde contur. Primele licitații pentru Drumuri bune pentru Moldova
  54. ^ Expert-Grup, despre programul PDM: „Drumuri bune pentru Moldova”: Are caracter populist, electoral și nu este acoperit financiar. TV8, March 29, 2018
  55. ^ Public Opinion Survey: Residents of Moldova. September 29 – October 21, 2015. International Republican Institute
  56. ^ Barometrul opiniei publice – aprilie 2015. Soros Foundation-Moldova. (RO)
  57. ^ a b Plahotniuc, Ghimpu, Lupu și Voronin – politicienii cu cel mai mare anti-rating din RM Archiviato il 9 ottobre 2017 in Internet Archive. (RO)
  58. ^ Partidele care ar ajunge in legislativ daca duminica viitoare ar avea loc alegeri parlamentare. Top trei politicieni care se bucura de cea mai mare incredere. Sondaj iData, in protv.md. URL consultato il 13 febbraio 2019.
  59. ^ SONDAJ // Câte mandate de deputat ar obține PSRM, „ACUM” și PD în cricumscripția națională: Partidul Șor, la limită. Cei mai mulți respondenți optează pentru vectorul „Pro Moldova”, in Ziarulnational.md/sondaj-cate-mandate-de-deputat-ar-obtine-psrm-acum-si-pd-in-cricumscriptia-nationala-partidul-sor-la-limita/. URL consultato il 13 febbraio 2019.
  60. ^ Top trei politicieni în care moldovenii au cea mai mare încredere – sondaj, in noi.md. URL consultato il 13 febbraio 2019.
  61. ^ Sondaj BOP: Cei mai apreciați politicieni din Republica Moldova, in UNIMEDIA. URL consultato il 13 febbraio 2019.
  62. ^ Sondaj: Cine sunt politicienii în care moldovenii au cea mai mare încredere, in stiri.md. URL consultato il 13 febbraio 2019.
  63. ^ Curtea Constituțională a validat rezultatele alegerilor parlamentare din 24 februarie, in TRM. URL consultato il 31 marzo 2019.
  64. ^ (update) „Trei trandafiri” la Nisporeni. Vlad Plahotniuc, deputatul care va reprezenta circumscripția nr. 17 în Parlament, in UNIMEDIA. URL consultato il 31 marzo 2019.
  65. ^ Circumscripția uninominală nr. 17, Nisporeni la alegerile parlamentare din 2019 - alegeri.md, in Alegeri.md/w/circumscrip%c8%9bia_uninominal%c4%83_nr._17,_nisporeni_la_alegerile_parlamentare_din_2019. URL consultato il 10 aprile 2019.
  66. ^ (EN) Plakhotnyuk resigned as leader of the Democratic Party of Moldova, in Tellerreport.com. URL consultato il 24 giugno 2019.
  67. ^ De câte ori a lăsat Plahotniuc funcția de deputat, in stiri.md. URL consultato il 31 luglio 2019.
  68. ^ Ultima Oră! Vlad Plahotniuc renunță la mandatul de deputat, in Radio Chișinău. URL consultato il 31 luglio 2019.
  69. ^ Plahotniuc explică de ce renunță la mandatul de DEPUTAT, deși anterior nu se gândea să facă asta: "Nu am nevoie de imunitatea unui stat controlat astăzi de Moscova", in Ziarulnational.md/. URL consultato il 31 luglio 2019.
  70. ^ Marian Lupu pleacă la Strasbourg, însoţit de Plahotniuc şi Candu, in PUBLIKA.MD, 14 gennaio 2016. URL consultato il 14 gennaio 2016.
  71. ^ Демократическая партия Молдовы, su pdm.md. URL consultato il 14 gennaio 2016 (archiviato dall'url originale il 3 marzo 2016).
  72. ^ NoVisa.md, În Muntenegru, se desfășoară cea de-a 9-a Conferință a Președinților Parlamentelor statelor membre ale SEECP, 14 iunie 2011, su novisa.md. URL consultato il 29 maggio 2018 (archiviato dall'url originale il 26 aprile 2012).
  73. ^ Germania sprijină apropierea RM de structurile europene, su interlic.md. URL consultato il 14 gennaio 2016.
  74. ^ Vlad Plahotniuc: "Cred că Moldova poate învăţa de la Cipru câteva lecţii importante", su azi.md. URL consultato il 14 gennaio 2016.
  75. ^ Unimedia.md, Plahotniuc în Cehia, 20 sep 2011
  76. ^ Agentia Informationala de Stat "Moldpres", su portal.moldpres.md. URL consultato il 14 gennaio 2016 (archiviato dall'url originale il 14 maggio 2012).
  77. ^ Partidul Democrat din Moldova, su pdm.md. URL consultato il 14 gennaio 2016 (archiviato dall'url originale il 3 marzo 2016).
  78. ^ Vlad Plahotniuc, despre relaţiile moldo-române şi acordurile semnate între cele două ţări, in Timpul - Ştiri din Moldova. URL consultato il 14 gennaio 2016.
  79. ^ HotNews.md. URL consultato il 14 gennaio 2016 (archiviato dall'url originale il 21 febbraio 2014).
  80. ^ FLUX de stiri online, su flux.md. URL consultato il 14 gennaio 2016.
  81. ^ Socialist International - Progressive Politics For A Fairer World, su socialistinternational.org.
  82. ^ Socialist International, su socialistinternational.org.
  83. ^ Vadim Vasilu, Exclusiv: V.Plahotniuc regretă excesele lui Dodon, nu uită de Filat și are o ofertă pentru Jurnal TV, in Deschide.md, 24 gennaio 2017.
  84. ^ Moldova-EU relation remains pivotal for the foreign policy Archiviato il 5 febbraio 2017 in Internet Archive., pdm.md
  85. ^ A message for Trump and the US: Moldova wants to be a bridge, not a battleground, between East and West, in Fox News, 7 gennaio 2017.
  86. ^ Why forging bonds with Moldova is crucial, su washingtontimes.com.
  87. ^ (EN) Reps. Price and Olson Introduce Bipartisan Moldova Resolution, in Congressman David Price, 21 febbraio 2018. URL consultato il 26 aprile 2018.
  88. ^ Embassy of the Republic of Moldova to the United Sattes of America and Mexico, su www.sua.mfa.md. URL consultato il 26 aprile 2018 (archiviato dall'url originale il 26 aprile 2018).
  89. ^ Timpul.md, Petrom-Moldova anunţă reutilarea benzinăriilor la cele mai înalte standarde ale UE, 13 octombrie 2010
  90. ^ About Us - aoam.md
  91. ^ Members of the Parliament, su parlament.md.
  92. ^ a b c d Moldova’s Gray Cardinal. Transitions Online, 11 July 2013
  93. ^ a b Împărăţia Vlazilor. Cine este „păpuşarul” Plahotniuc, oligarhul care l-ar fi „executat” pe Filat
  94. ^ Sarah Chayes. The Structure of Corruption in Moldova. Carnegie Endowment for International Peace, June 2016
  95. ^ allmoldova [collegamento interrotto], su allmoldova.com. URL consultato il 14 gennaio 2016.
  96. ^ Asociaţia Oamenilor de Afaceri din Moldova şi-a lansat astăzi oficial activitatea printr-un summit economic internaţional, interlic.md. URL consultato il 14 gennaio 2016.
  97. ^ FLUX de stiri online, su flux.md. URL consultato il 14 gennaio 2016.
  98. ^ Unimedia.md, Asociația Oamenilor de Afaceri din Moldova va colabora cu Academia de Științe a Moldovei, 1 noiembrie 2010
  99. ^ Cei mai buni 100 manageri de top şi-au primit certificatele, in Timpul - Ştiri din Moldova. URL consultato il 14 gennaio 2016.
  100. ^ "About us" - edelweiss.md
  101. ^ FLUX de stiri online, su flux.md. URL consultato il 14 gennaio 2016.
  102. ^ Saptamina.md » Fundaţia Edelweiss a lansat Acţiunea…, in Saptamina.md. URL consultato il 14 gennaio 2016 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2016).
  103. ^ Fundaţia EDELWEISS va lansa acţiunea "Pentru Cartea Moldovei", in PUBLIKA.MD, 14 gennaio 2016. URL consultato il 14 gennaio 2016.
  104. ^ Unimedia.md, Fundația EDELWEISS - model de responsabilitatea socială activă, 24 noiembrie 2010
  105. ^ FLUX de stiri online, su flux.md. URL consultato il 14 gennaio 2016.
  106. ^ VIDEO. Vladimir Plahotniuc a primit centura neagra in aplauzele lui Vladimir Voronin, in PRO TV. URL consultato il 14 gennaio 2016.
  107. ^ FLUX de stiri online, su flux.md. URL consultato il 14 gennaio 2016.
  108. ^ Первая золотая медаль, завоеванная на Кубке Европы по дзюдо, результат поддержки, оказанной Фондом Эдельвейс и его основателем, Владом Плахотнюком, Федерации дзюдо Молдовы, in allmoldova.com. URL consultato il 2 luglio 2018.
  109. ^ Prime Stiri in Moldova, Noutati, Stiri TV, Stiri Online, Emisiuni, Video Stiri, in PRIME.MD. URL consultato il 14 gennaio 2016 (archiviato dall'url originale il 3 marzo 2016).
  110. ^ Vladimir Plahotniuc face campanile electorală la Ungheni, su expresul.com. URL consultato il 14 gennaio 2016 (archiviato dall'url originale il 3 agosto 2016).
  111. ^ Фонд "Эдельвайс" спасает ребенка с сердечной недостаточностью, in allmoldova.com. URL consultato il 2 luglio 2018.
  112. ^ Curierul de Hincesti, Curierul de Hîncești - "Moldova Business Week 2014" la Hînceşti, su curierul.md. URL consultato il 14 gennaio 2016 (archiviato dall'url originale il 3 marzo 2016).
  113. ^ Unimedia.md, Fundația EDELWEISS: În doar câteva săptămâni, peste 2,2 milioane lei au fost donați sinistraților, 20 August 2010
  114. ^ Фонд "Эдельвейс" пожертвовал пострадавшим от паводков более 2,2 млн. леев, in infotag.md. URL consultato il 2 luglio 2018 (archiviato dall'url originale il 9 settembre 2010).
  115. ^ Vlad Plahotniuc la Zâmbreni, in IaloveniOnline. URL consultato il 14 gennaio 2016.
  116. ^ Vlad Plahotniuc hrănit cu ciorbă la o cantină socială: Eu nu sunt glamuros VIDEO, in PUBLIKA.MD, 14 gennaio 2016. URL consultato il 14 gennaio 2016.
  117. ^ Vice-președintele parlamentului, Vladimir Plahotniuc la Zîmbreni, 19 iulie 2011, su zimbreni.md. URL consultato il 29 maggio 2018 (archiviato dall'url originale il 26 aprile 2012).
  118. ^ Монастырь Хынку, su eph.md. URL consultato il 14 gennaio 2016 (archiviato dall'url originale il 4 giugno 2010).
  119. ^ Unimedia.md, Vlad Plahotniuc a petrecut ziua de duminică alături de copiii de la Orfelinatul Preafericitul Iosif , 14 februarie 2011
  120. ^ allmoldova [collegamento interrotto], su allmoldova.com. URL consultato il 14 gennaio 2016.
  121. ^ FOTO // "Surprize, Surprize" cu Andreea Marin la Gala "Edelweiss Surprinde", su ziarulnational.md.
  122. ^ Vlad Plahotniuc anunță că Edelweiss extinde campania “O nouă viaţă”
  123. ^ Campania „O nouă viață”: Vlad Plahotniuc a vizitat Institutul Mamei și Copilului
  124. ^ Politicienii cu flori si cadouri la maternitate, in protv.md, 31 gennaio 2011.
  125. ^ Vlad Plahotniuc a participat la inaugurarea unui nou „Parc Edelweiss” deschis în sectorul Râșcani, su timpul.md. URL consultato il 29 maggio 2018 (archiviato dall'url originale il 13 agosto 2018).
  126. ^ ”Parcurile ”Edelweiss”, acum și la Rezina
  127. ^ Vlad Plahotniuc anunță deschiderea primelor două parcuri Edelweiss din cele 40 promise
  128. ^ VLAD PLAHOTNIUC ANUNȚĂ DESPRE LANSAREA PROIECTULUI „RESPECT PENTRU SENIORI”
  129. ^ Fundația ”Edelweiss” a demarat la Strășeni proiectul „Respect pentru seniori”
  130. ^ „Burse pentru 100 de tineri” în toate liceele din ţară. Concurs lansat de Fundatia Edelweiss
  131. ^ Veste bună penru elevii de la noi din țară. Fundația lui Vlad Plahotniuc Edelweiss oferă burse pentru 100 de elevi
  132. ^ Kenneth Rapoza, Billion Dollar Theft: In Moldova, One Rich Banker's 'Crime' Has A Nation Doing Time, su forbes.com.
  133. ^ a b How The Russians Helped Turn Moldova Into A Hotbed For Money Laundering
  134. ^ https://www.kommersant.ru/doc/3459034
  135. ^ Gorbunţov: Plahotniuc nu avea nevoie de uciderea mea, dar vă pot spune de ce-i trebuia asta lui Usatîi
  136. ^ https://www.indybay.org/newsitems/2017/02/06/18796202.php
  137. ^ https://sputniknews.com/russia/20131118184776946-Russia-Extradites-Murder-Suspect-to-Romania/
  138. ^ Copia archiviata, su jurnal.md. URL consultato il 29 maggio 2018 (archiviato dall'url originale il 13 giugno 2017).
  139. ^ https://intpolicydigest.org/2017/04/28/the-master-and-moldova/
  140. ^ https://www.thedailybeast.com/inside-the-uprising-against-moldovas-donald-trump
  141. ^ http://carnegieendowment.org/files/10_Moldova_Full_Web1.pdf
  142. ^ Anna Nemtsova, Inside the Uprising Against Moldova’s Donald Trump, Daily Beast, 27 gennaio 2016. URL consultato il 17 giugno 2016.
  143. ^ Copia archiviata, su en.crimemoldova.com. URL consultato il 29 maggio 2018 (archiviato dall'url originale il 22 giugno 2018).
  144. ^ Alina Țurcanu, Oana Balan, Anastasia Nani e Valentina Basiul, Vladimir Plahotniuc, oligarh și al treilea om în stat, are dublă identitate: una în Moldova, una în România, Adevărul, 27 gennaio 2011. URL consultato il 21 novembre 2011.
  145. ^ Svetlana Catana, Dublă identitate pentru milionarul Vladimir Plahotniuc: în România el este Vlad Ulinici, Publika.md.
  146. ^ M.A., Plahotniuc renunță la Ulinici, Ziua Veche, 31 gennaio 2011. URL consultato il 21 novembre 2011.
  147. ^ Justiția română respinge recursul lui Plahotniuc, su www.vremeanoua.ro. URL consultato il 15 gennaio 2016.
  148. ^ Vlad Plahotniuc este cercetat penal în România pentru utilizarea identităţii false, dezvăluită de "Adevărul" Moldova. Politicianul: "E o manipulare", su adevarul.ro. URL consultato il 15 gennaio 2016.
  149. ^ a b https://www.forbes.com/sites/kenrapoza/2016/08/01/billion-dollar-theft-in-moldova-one-rich-bankers-crime-has-a-nation-doing-time/#5fb73bdc4f7e
  150. ^ a b Billion Dollar Theft: In Moldova, One Rich Banker's 'Crime' Has A Nation Doing Time
  151. ^ a b A small country fights a big war against Russian hybrid warfare, su washingtontimes.com.
  152. ^ Un miliard a fost recuperat în doi ani şi ceva. Au mai rămas 13 miliarde de lei
  153. ^ Adevarul: Cine este Vlad Plahotniuc? Un extraterestru sau Abramovici de Moldova (RO)
  154. ^ (doc) Victor și Viorel Țopa descriu schema RAIDER de la ASITO, VB și BEM
  155. ^ Noi dezvăluiri despre Mafia din RM
  156. ^ Viorel și Victor Țopa sunt niște bandiți, care acum 4 ani, prin escrocherie ș-au însușit 14% din acțiunile VictoriaBank
  157. ^ Plahotniuc: Judecătoria din Amsterdam a confirmat că acuzaţiile lui Ţopa în legătură cu aşa-zisul „atac raider” de la Victoriabank sunt neîntemeiate
  158. ^ Plahotniuc publică decizia Curții din Amsterdam în cauza Victor și Viorel Țopa VS Otiv Prime Holding, su agora.md.
  159. ^ Judecătoria din Amsterdam a confirmat că acuzaţiile lui Ţopa în legătură cu aşa-zisul "atac raider" de la Victoriabank sunt neîntemeiate, su adevarul.ro.
  160. ^ Victor and Viorel Topa lost the lawsuit against Plahotniuc, su en.crimemoldova.com. URL consultato il 29 maggio 2018 (archiviato dall'url originale il 14 agosto 2017).
  161. ^ a b EXCLUSIV: Vladimir Plahotniuc este „fantoma“ cu dublă identitate din Republica Moldova. Demnitarul apare în documentele oficiale ale României cu o altă identitate, Vlad Ulinici, 27 ianuarie 2011, adevarul.ro. Accessed on 6 May 2011
  162. ^ Известный бизнесмен Владимир Плахотнюк был в шаге от кресла премьер-министра Молдовы Archiviato il 6 agosto 2015 in Archive.is. (RU)
  163. ^ Circa 250 de mii de lei a cheltuit Vlad Plahotniuc pentru reparatia birourilor sale, in protv.md, 1º febbraio 2011.
  164. ^ a b Vladimir Plahotniuc – stăpânul Moldovei
  165. ^ Noul sediu central MAIB va fi amplasat pe locul complexului hotelier Codru, care urmează a fi reconstruit conform cerințelor băncii
  166. ^ Moldova Agroindbank îşi consolidează infrastructura pentru a-şi valorifica pe deplin potenţialul de dezvoltare
  167. ^ De când s-a făcut politician, oligarhul Plahotniuc și-a cumpărat un bloc de locuit Archiviato il 23 aprile 2016 in Internet Archive., 24 septembrie 2013 (RO)
  168. ^ Vladimir Plahotniuc, oligarh şi al treilea om în stat, are dublă identitate: una în Moldova, una în România, in adevarul.ro. URL consultato il 14 gennaio 2016.
  169. ^ Oligarhul cu dublă identitate, Vladimir Plahotniuc a speculat o breșă din lege / Vezi aici cum poate scăpa cu basmaua curată, 28 January 2011, adevarul.ro. Retrieved at 6 May 2011
  170. ^ Vladimir Plahotniuc, oligarh şi al treilea om în stat, are dublă identitate: una în Moldova, una în România - Mediafax (RO)
  171. ^ UNIMEDIA, (video) Filat:, in UNIMEDIA. URL consultato il 23 aprile 2016.
  172. ^ UNIMEDIA, Plahotniuc în VIP Magazin: Este onorabil să fii păpușar!, in UNIMEDIA. URL consultato il 23 aprile 2016.
  173. ^ Plahotniuc’s Power Base in Moldova, su jamestown.org.
  174. ^ Plahotniuc’s Power Base in Moldova, su jamestown.org.
  175. ^ VIDEO. Sturza: Moldova este controlată de Plahotniuc (RO)
  176. ^ Câte divizii are Plahotniuc?. Petru Bogatu, ziarulnational.md, 30.10.2015
  177. ^ Public Opinion Survey: Residents of Moldova. September 29 - October 21, 2015. International Republican Institute
  178. ^ Barometrul opiniei publice - aprilie 2015. Soros Foundation-Moldova. (RO)
  179. ^ Kamil Całus. "Moldova’s odd couple: Plahotniuc and Dodon Archiviato il 9 ottobre 2017 in Internet Archive."
  180. ^ Năstase îl provoacă din nou pe Plahotniuc: Să iasă o dată la o dezbatere, chiar și la posturile sale de televiziune (RO)
  181. ^ Maia Sandu îl acuză pe Plahotniuc că i-a fost frică să vină la dezbateri. Replica lui Candu (RO)
  182. ^ PrimeTV a relansat emisiunea „Seara Târziu”
  183. ^ (video) Cum arată o zi din viața lui Vlad Plahotniuc: Casa de lux și programul zilnic al democratului
  184. ^ a b Vlad Plahotniuc, oficial, proprietar a patru televiziuni si trei posturi de radio din Republica Moldova
  185. ^ Moldtelecom a rearanjat canalele în grila TV: Pe primele 4 poziții sunt cele ale lui Plahotniuc
  186. ^ Cum Moldtelecom a rearanjat lista canalelor TV: Posturile din holdingul lui Plahotniuc au primele patru poziții
  187. ^ Canalele lui Plahotniuc, favorizate
  188. ^ CCA amendează televiziunile lui Plahotniuc cu 1800 de lei
  189. ^ CINE SUNT PROPRIETARII principalelor grupuri media din Moldova, su publika.md.
  190. ^ V.Plahotniuc este beneficiarul final al 5 radiodifuzori contrar prevederilor legale Archiviato il 12 settembre 2017 in Internet Archive. – Asociatia pentru Dezvoltarea Culturii si Protectiei Drepturilor de Autor si Conexe «AO APOLLO»
  191. ^ AFACERI SUBTERANE: PlahotniucLeaks
  192. ^ Controversatul om de afaceri Vlad Plahotniuc s-a întâlnit la Washington cu Victoria Nuland
  193. ^ Vlad Plahotniuc a avut o întrevedere la Departamentul de Stat al SUA cu Victoria Nuland, asistentul Secretarului de Stat american, su pdm.md. URL consultato il 29 maggio 2018 (archiviato dall'url originale il 27 aprile 2017).
  194. ^ Cum a ajuns, de fapt, Plahotniuc în SUA și cum a fost ales în funcția de "coordonator executiv al Consiliului coaliției", Ziarulnational.md. URL consultato il 14 luglio 2017.
  195. ^ Jurnal de Chișinău, James Pettit despre vizita lui Plahotniuc în SUA: "Am primit cererea pe căi oficiale, prin intermediul Ministerului de Externe" – Jurnal de Chişinău, Jc.md, 3 giugno 2016. URL consultato il 14 luglio 2017.
  196. ^ Global Business Center, sediul firmelor lui Vlad Plahotniuc, înconjurat de protestatari, in AGORA, 23 aprile 2016. URL consultato il 23 aprile 2016.
  197. ^ VIDEO - Imbranceli dintre manifestantii din PMAN si fortele de ordine in fata GBC, cladire in care se afla firme ce ar apartine lui Vlad Plahotniuc. Atmosfera, destul de TENSIONATA: "La puscarie!", in protv.md, 4 ottobre 2015. URL consultato il 23 aprile 2016.
  198. ^ Ana Sîrbu, VIDEO. Altercații în fața sediului lui Plahotniuc. Poliția de la Guvern s-a mutat la GBC, in AGORA, 23 aprile 2016. URL consultato il 23 aprile 2016.
  199. ^ Îmbrânceli la firma lui Plahotniuc, in adevarul.ro. URL consultato il 23 aprile 2016.
  200. ^ FLASH // Manifestație de protest la sediul firmelor lui Plahotniuc, in Deschide.md. URL consultato il 23 aprile 2016.
  201. ^ Chișinău. Președintele Nicolae Timofti a desemnat un nou premier, in Digi24, 14 gennaio 2016.
  202. ^ Corneliu Rusnac, Moldova: Thousands Protest Against Proposed PM Candidate, in ABC News, 14 gennaio 2016. URL consultato il 5 maggio 2019 (archiviato dall'url originale il 16 gennaio 2016).
  203. ^ Moldovan President Moves To End Political Crisis, in Radio Free Europe/Radio Liberty, 14 gennaio 2016.
  204. ^ Moldova opposition protests against Plahotniuc nomination for prime minister, in TASS, 14 gennaio 2016.
  205. ^ Нацполиция предотвратила убийство экс-вице-премьера Молдовы Плахотнюка, su ukranews.com.
  206. ^ Moldova: 17 detained in alleged plot to kill politician, su washingtonpost.com.
  207. ^ IGP confirmă că ținta tentativei de omor era Vlad Plahotniuc. Sunt implicați și doi moldoveni, su unimedia.info.
  208. ^ Plahotniuc a fost ținta unui omor la comandă: Reacția IGP, su independent.md.
  209. ^ Scenariu „de nisip” în tentativa de asasinare a lui Plahotniuc. Ziarul de Gardă, 13 April 2017 (RO)
  210. ^ Detalii despre tentativa eșuată de asasinare a lui Vlad Plahotniuc. Comanditarul ar fi liderul unei grupări criminale, stabilit la Moscova. anticoruptie.md, 8 April 2017 (RO)
  211. ^ Aşa-zisa tentativă de omor asupra lui Plahotniuc - parte din războiul hibrid care ni se prezintă la TV; Cum oligarhul s-a văzut nevoit să joace o singură carte şi să devină „editorialist” // EXPERŢI
  212. ^ Cei 8 barbati suspectati ca ar fi incercat sa-l asasineze pe Plahotniuc au fost arestati pentru 30 de zile
  213. ^ a b Opozitia pune la indoiala veridicitatea presupusei tentative de omor asupra lui Plahotniuc: "Se iau 2 killeri, unul omoara persoana data si al doilea omoara killerul" "Unul de 70 de ani, bolnav de diabet zaharat, altul nici majoratul nu are"
  214. ^ Atenționarea lui Usatîi pentru Plahotniuc: „Voi veni eu și vom începe jocul pe care ți l-am promis”
  215. ^ Prosecutors confirm that Grigore Caramalac ordered Plahotniuc's assassination Archiviato il 22 giugno 2018 in Internet Archive.. crimemoldova.com, 27 April 2017
  216. ^ VIDEO from probe. KILLERS TELL SCENARIO of assassinating Vlad Plahotniuc. publika.md, 27 April 2017
  217. ^ /VIDEO/ Denunț penal la Procuratură. PAS îl acuză pe Plahotniuc de uzurparea puterii în stat. tv8.md. 21 settembre 2017 (RO)
  218. ^ (VIDEO) Ghimpu îl denunță pe Plahotniuc, la Consiliul Europei: „Foloseşte Procuratura pentru a intimida oponenţii politici”. independent.md. 12 October 2017. (RO)
  219. ^ Moscow court reportedly issues arrest warrant for Moldovan oligarch and political heavyweight Plahotniuc, su intellinews.com.
  220. ^ Главу Демпартии Молдавии заочно арестовали в Москве по делу о покушении на убийство, ТАСС, 6 dicembre 2017. URL consultato il 6 dicembre 2017.
  221. ^ Председателя Демпартии Молдавии заочно арестовали в РФ, Интерфакс, 6 dicembre 2017. URL consultato il 6 dicembre 2017.
  222. ^ Vezi cum arată familia lui Vlad Plahotniuc. Cine e femeia din spatele omului de afaceri. Archiviato il 26 novembre 2014 in Internet Archive. (RO)
  223. ^ http://lex.justice.md/index.php?action=view&view=doc&lang=1&id=325098 DECRET Nr. 1298 din 29.08.2007 privind conferirea de distincții de stat, accesat la 02 octombrie 2018
  224. ^ Timofti împarte distincții de stat pentru lideri de partid, deputați și miniștri
  225. ^ Timofti a ÎMPĂRȚIT distincții IMPORTANTE pentru deputați, miniștri și funcționari publici. Plahotniuc e printre ei
  226. ^ Timofti împarte distincții de stat pentru lideri de partid, deputați și miniștri, Unimedia.info. URL consultato il 24 luglio 2014.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN36146095287100371978 · GND (DE1190890097 · WorldCat Identities (ENviaf-36146095287100371978