Vladimir Petrovič Demichov

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
L'ultimo trapianto di testa di cane eseguito da Demikhov, il 13 gennaio 1959.

Vladimir Petrovič Demichov (in russo: Владимир Петрович Демихов?; Kulikovskij, 18 luglio 1916Mosca, 22 novembre 1998) è stato uno scienziato, chirurgo e inventore sovietico, poi russo.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Demichov fu un pioniere del trapianto degli organi. Eseguì numerosi trapianti (principalmente tra gli anni trenta e cinquanta), come il trapianto di un cuore in un animale. Egli è anche noto per i suoi esperimenti sul trapianto di teste di cani[1][2], creando conseguentemente cani a due teste; questo ha portato al trapianto di testa nelle scimmie dal dottor Robert J. White, che è stato ispirato dal lavoro di Demichov.

Il primo trapianto di testa di cane venne eseguito di fortuna dal professor A.G. Konevskiy[2] del Operative Surgery and Topographical Anatomy Department of Volgograd State Medical University. Konevskiy aveva programmato un trapianto di cuore sperimentale, ma il cucciolo venne coinvolto in un incidente automobilistico. Non volendo "sprecare il tavolo operatorio sterilizzato", il chirurgo procedette con il trapianto di testa.

Demichov coniò il termine "trapiantologia", e la sua monografia del 1960 Experimental transplantation of vital organs (poi pubblicata nel 1962 a New York, Berlino e Madrid), per cui ricevette il suo diploma di dottorato, è diventata la prima al mondo incentrata sulla trapiantologia, ed è stata per molto tempo la sola nel campo del trapianto di organi e tessuti. Christiaan Barnard, che ha eseguito la prima operazione di trapianto di cuore da una persona ad un'altra persona nel 1967, ha visitato due volte il laboratorio di Demikhov, nel 1960 e 1963. Per tutta la sua vita lo considerò come un maestro.

Experimental transplantation of vital organs uscì in Italia col titolo È possibile il trapianto di organi vitali? nel 1959 sull'Avanti! (trad. Alfeo Bertin).

Demichov morì il 22 novembre 1998, in circostanze misteriose non ancora chiarite. Poco prima era stato nominato Cavaliere dell'Ordine al merito per la Patria.

Cultura di massa[modifica | modifica wikitesto]

  • Gli esperimenti chirurgici di Demichov appaiono nel film La rabbia del 1959 realizzato a due mani da Pier Paolo Pasolini e Giovannino Guareschi, dove vengono presentate separatamente in due episodi di un'ora ognuno le rispettive posizioni politiche di sinistra e di destra. Nella seconda parte, diretta da Guareschi, compaiono gli esperimenti più cruenti di Demichov, ferocemente condannati da Guareschi.
  • Il cantante, compositore e chitarrista statunitense Roky Erickson, noto per essere il membro fondatore dei The 13th Floor Elevators, nel disco The Evil One (Restless Records) del 1981 ha dedicato allo scienziato sovietico la canzone Two Headed Dog.
  • La band italiana noise-core Demikhov presenta fin dalla scelta del proprio moniker espliciti riferimenti a Vladimir Demichov, intitolando inoltre il primo full-lenght Experimental transplantation of vital organs (Brigante Records, Dio Drone, Koe Records, Toten Schwan - 2016).

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Premio di Stato dell'Unione Sovietica - nastrino per uniforme ordinaria Premio di Stato dell'Unione Sovietica
Ordine al merito per la Patria di III Classe - nastrino per uniforme ordinaria Ordine al merito per la Patria di III Classe
— 1998

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Shumacker HB. A surgeon to remember: notes about Vladimir Demikhov / The Annals of Thoracic Surgery, Vol 58, 1196—1198,
  • Cooper DKC. Vladimir Demikhov / Ann Thorac Surg 1995;59:1628
  • Konstantinov IE. A Mystery of Vladimir P. Demikhov: The 50th Anniversary of the First Intrathoracic Transplantation / Ann Thorac Surg 1998;65:1171-1177

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN60068953 · ISNI (EN0000 0000 1453 1276 · LCCN (ENno2012035210 · GND (DE126187932 · WorldCat Identities (ENlccn-no2002073751