Vittorio Jahyn Parrinello

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Vittorio Jahyn Parrinello
Nazionalità Italia Italia
Altezza 169 cm
Peso 56 kg
Pugilato Boxing pictogram.svg
Categoria Pesi gallo
Società Esercito
Carriera
Incontri disputati
Totali 158
Vinti (KO) 98
Persi (KO) 47
Pareggiati 13
Palmarès
Transparent.png Campionati EU
Bronzo Pécs 2006 gallo
Gold medal mediterranean.svg Giochi del Mediterraneo
Oro Pescara 2009 gallo
Transparent.png Giochi mondiali militari
Bronzo Rio de Janeiro 2011 gallo
Transparent.png Campionati mondiali militari
Argento Baku 2008 gallo
 

Vittorio Jahyn Parrinello (Alife, 8 agosto 1983) è un pugile italiano, nella categoria dei pesi gallo.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Sposato con Mirella Mazzarelli il 08/07/2017,diventa papà per la seconda volta di Jasmine Vittoria il 22/12/2017 (prima figlia Francesca parrinello)

Carriera pugilistica[modifica | modifica wikitesto]

Cresciuto nella società "Matesina" di Piedimonte Matese, allenato da Geppino Corbo, è poi entrato a far parte della squadra del Centro Sportivo Esercito[1].

Olimpiadi[modifica | modifica wikitesto]

Londra 2012[modifica | modifica wikitesto]

Parrinello ha raggiunto la qualificazione al torneo olimpico di Londra 2012, dove ha combattuto nella categoria dei pesi gallo, grazie al risultato ottenuto ai mondiali di Baku 2011[2].

Nel corso della competizione è stato eliminato con una sconfitta di misura agli ottavi di finale dal britannico Luke Campbell, che si aggiudicherà poi il torneo.

Pechino 2008[modifica | modifica wikitesto]

Ha partecipato al torneo di pugilato alle olimpiadi di Pechino 2008 nella categoria dei pesi gallo; è stato eliminato agli ottavi dal thailandese Worapoj Petchkoom[3].

Mondiali dilettanti[modifica | modifica wikitesto]

Baku 2011[modifica | modifica wikitesto]

Nel corso dei campionati mondiali tenutisi a Baku nel 2011, è stato eliminati agli ottavi dal cubano Lázaro Álvarez (laureatosi poi campione), nella categoria dei pesi gallo. Nei sedicesimi aveva battuto il giapponese Satoshi Shimizu.

Il risultato gli è valso la qualificazione alle olimpiadi di Londra 2012, in quanto eliminato dal vincitore della categoria[1][2].

Milano 2009[modifica | modifica wikitesto]

Nel corso dei campionati mondiali tenutisi a Milano nel 2009, è stato eliminati ai trentaduesimi dal tedesco Denis Makarov, nella categoria dei pesi gallo[4].

Europei dilettanti[modifica | modifica wikitesto]

Ankara 2011[modifica | modifica wikitesto]

Nel corso dei campionati europei tenutisi ad Ankara nel 2011, è stato eliminati ai quarti di finale dal rumeno Razvan Andreiana, nella categoria dei pesi gallo[5].

Mosca 2010[modifica | modifica wikitesto]

Nel corso dei campionati europei tenutisi a Mosca nel 2010, è stato eliminati agli ottavi dall'inglese Gamal Yafai, nella categoria dei pesi gallo[6].

Wolrd Series of Boxing[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2011 è stato ingaggiato dalla squadra dei Dolce e Gabbana Milano Thunder, nella categoria dei pesi gallo, partecipante alla World Series of Boxing.

Professionismo[modifica | modifica wikitesto]

Parrinello passa professionista il 20/06/2014, vince al suo quinto match il Titolo di Campione Italiano super bantamweight e il 20 maggio 2017 perde per una contestata slit decision la Cintura della Unione Europea di categoria contro Luca Rigoldi.

Il record di Parrinello è disponibile su http://boxrec.com/boxer/691290

[[File:Parrinello vittorio.png|thumb|Parrinello sul ring]]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]