Vittorio Ghielmi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Vittorio Ghielmi (Milano, 1968) è un musicista e direttore d'orchestra italiano.

È famoso soprattutto come suonatore di viola da gamba.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Milano, ha iniziato a quattro anni[1] lo studio del violino e, successivamente, della viola da gamba, distinguendosi già in giovane età per l'intensità e la versatilità della sua interpretazione musicale e per il suo innovativo approccio allo strumento.

I suoi studi nel campo, riguardanti antiche tradizioni musicali ancora vive in località isolate del mondo gli ha permesso di portare alla luce nuove prospettive nell'interpretazione della musica europea dei secoli passati. Vincitore del “Concorso Internazionale Romano Romanini per strumenti ad arco” (Brescia, 1995)[2] e del “ Erwin Bodky Award” (Cambridge, Massachusetts USA 1997)[3]. Come solista di viola da gamba o direttore (accompagnato da orchestre come la London Philharmonia, Wiener Philharmoniker, Il Giardino Armonico, Freiburger Baroque Orchestra etc.) si è esibito nelle più prestigiose sale del mondo (Musikverein Wien, Berliner Philharmonie Berlin, Casals Hall Tokio etc.), o in recitals in duo col fratello Lorenzo Ghielmi o col liutista Luca Pianca. Inoltre, è stato invitato ad eseguire diverse “prime” mondiali di alcune nuove composizioni (Kevin Volans, Teatro Regio di Torino; Nadir Vassena, Berliner Philharmoniker Hall). Ha suonato in duo o in trio con artisiti come Gustav Leonhart, Christophe Coin, Viktoria Mullova, Giuliano Carmignola, Cecilia Bartoli, Enrico Onofri etc.

L'ensemble da lui creata “Il suonatore Parlante”, in entrambe le forme sia di quartetto di viole da gamba (Rodney Prada, Fahmi Alqhai, Cristiano Contadin) sia di orchestra, si è dedicato ad una nuova investigazione del repertorio di musica classica e antica, ma ha suonato anche con importanti musicisti jazz come Kenny Wheeler, Uri Caine, Jim Black, Don Byron, Markus Stockhausen, Nguyen Lê, cantanti pop come Vinicio Capossela, stelle del flamenco come Carmen Linares etc. Diversi jazzisti e compositori hanno scritto musiche per la sua ensemble, che ha inoltre collaborato con musicisti di tradizione extraeuropea, come ad esempio i virtuosi afghani della "Ensemble Kaboul" (Khaled Arman).

Ha registrato diversi CD da solista vincendo diversi premi della critica[1] (Decca, Teldec, Naïve, Harmonia Mundi France, Accent, CPO etc.).[2] La sua ultima produzione è stata per il Winter&Winter (Monaco, Germania) e Passacaille (Belgio). Ghielmi è uno dei pochi suonatori di viola da gamba che è regolarmente richiesto per suonare come solista insieme ad orchestre. Nel 2007 ha concepito e condotto lo spettacolo "Membra Jesu Nostri" di Buxtehude, con il produttore cinematografico americano Marc Reshovsky e il coro svedese "Rilke ensemblen" (G. Eriksson). Lavora come assistente di Riccardo Muti nel festival Pfingstam di Salisburgo.[1] Nel 2008 Uri Caine ha composto e dedicato a lui un “concerto per viola da gamba e orchestra”.

È titolare della cattedra nel conservatorio Luca Marenzio di Brescia. Organizza cicli di studi e concerti riguardo alle tecniche di antichi strumenti e la loro sopravvivenza in tradizioni musicali “etniche” per il Politecnico della cultura, delle arti e delle lingue di Milano. Ha pubblicato studi musicali e l'edizione integrale dei Concerti per viola da gamba di Johan Gottlieb Graun, e diretto la ricerca scientifica-musicale del “Libroforte-Fine Music editions”.

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Bagpipes from Hell - (Vittorio Ghielmi, Luca Pianca, 1999) Nonostante il titolo, non contiene alcuna musica di cornamusa, è invece una raccolta di brani per viola da Gamba e liuto di autori barocchi;
  • Pièces de caractère - (Vittorio Ghielmi, Luca Pianca, 2002) Una raccolta di autori come Marais, Forqueray, Mouton, Dollé, Caix d'Hervelois, De Visée;
  • Short Tales for a Viol - (Vittorio Ghielmi) raccolta di musica inglese del diciassettesimo secolo;
  • Duo - Musica tedesca per liuto e viola;
  • Full of Colour (V. Ghielmi, E. Reijseger, Il Suonar Parlante);
  • Telemann, Georg Philipp - Musica da camera con la viola da gamba (Ensemble Baroque de Limoges);
  • Devil's Dream - (Ghielmi, Pianca, Ghibelli);
  • Johann Sebastian Bach - sonate, preludi e fughe;
  • Carl Philipp Emanuel Bach — Lieder zum singen bey dem Clavier
  • Johann Gottlieb Graun — Konzertante Musik mit Viola da Gamba
  • J. S. Bach - Sonatas for Viola da Gamba & Harpsichord (Vittorio Ghielmi, Lorenzo Ghielmi (fortepiano), 1999);
  • C. P. E. Bach: Lieder - Zum singen bey dem clavier — Ursula Fiedler (Sorpano) Lorenzo Ghielmi (Clavicembalo), Vittorio Ghielmi (viola da gamba), 1999
  • Johann Sebastian Bach - Die Kunst der Fuge (2009)
  • La Force et la douceur, music by Marin Marais, Vittorio Ghielmi - Luca Pianca, Passacaille 2010
  • Barbarian Beauty, Concertos for viola da gamba and orchestra (the gypsy side) , Vittorio Ghielmi, Dorothee Oberlinger, M. Hirasaki, Marcel Comendant (cymbalon), Passacaille 2011

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Vittorio Ghielmi e Luca Pianca
  2. ^ a b — Festival Cantar Lontano Archive
  3. ^ Vittorio Ghielmi | AllMusic

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • [4] www.vittorioghielmi.com
  • [5]
Controllo di autorità VIAF: 12515606 · BNF: cb141812219 (data)