Questa pagina è semiprotetta. Può essere modificata solo da utenti registrati

Vittorio Brumotti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Vittorio Brumotti a Dubai nel 2017

Vittorio Brumotti (Finale Ligure, 14 giugno 1980) è un conduttore televisivo e ciclista italiano, campione di bike trial.

Biografia

Nato a Finale Ligure da padre ligure e madre calabrese, vive a Milano; a undici anni comincia a praticare bike trial[1].

È entrato dieci volte nel Guinness dei Primati grazie ad incredibili imprese sportive.[2][3][4] Il 6 dicembre 2008, al Motor Show di Bologna ha superato 28 sbarre con la ruota posteriore della sua bicicletta e il 17 maggio 2009 in Sardegna si è tuffato da 17 metri con la bici nelle acque antistanti le grotte del Bue Marino a Cala Gonone. Poco tempo dopo è tornato in Sardegna per un nuovo record: sulla sommità della guglia naturale di Punta Caroddi, un picco a circa 150 metri sul livello del mare, ha effettuato 71 saltelli sulla sola ruota posteriore[5].

Il suo primo record è stato presentato al programma Lo show dei record condotto da Barbara d'Urso[1].

Nel 2012 Vittorio Brumotti ha ottenuto il Guinness World Record per aver risalito la Burj Khalifa, a Dubai, in bicicletta, in esattamente 2 ore e 20 minuti.[6] Nello stesso anno gli viene conferito il Premio alla voce contro lo spreco alla nona edizione del Leggio d'oro[7].

Nel 2013, seguendo le orme del collega ed amico Martyn Ashton, cambia stile ed inventa il Road bike Freestyle, compiendo le sue evoluzioni in sella ad una normale bici da corsa.

Vita privata

Fino al 2011 è stato impegnato con la stilista Roberta Armani (nipote di Giorgio). Dal 2012 al 2017 è stato legato sentimentalmente alla showgirl sarda Giorgia Palmas, con la quale è tornato a condurre Paperissima Sprint dal 17 giugno 2013. Dal 2018 è legato all'ereditiera Annachiara Zoppas.

Impegno sociale

Come inviato di Striscia la notizia, è solito rivendicare i parcheggi destinati ai disabili ed occupati impropriamente da chi non ne ha diritto; ma ancor di più partecipa attivamente alla lotta contro la criminalità, denunciando apertamente (attraverso la televisione) diverse azioni criminali, soprattutto spaccio di droga. In alcune occasioni ha subito aggressioni da parte di organizzazioni criminali, come quando il 2 dicembre 2017 è stato minacciato con spari di pistola e il lancio di un mattone durante un servizio sullo spaccio di droga che avviene nel quartiere San Basilio di Roma[8], il 9 gennaio è stato aggredito insieme alla sua troupe televisiva da alcuni spacciatori nella piazza davanti alla stazione Centrale di Milano [9]. Il 20 gennaio 2018, per riuscire a uscire incolume dal quartiere Traiano di Napoli ha dovuto essere scortato dai carabinieri[10] e il 25 febbraio 2018, nel quartiere Zen di Palermo, dove alcuni abitanti gli hanno lanciato un pesante blocco di cemento da un balcone.[11]

Programmi televisivi

Videografia

Note

Altri progetti

Collegamenti esterni