Vittorio Bonicelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Vittorio Bonicelli (San Valentino in Abruzzo Citeriore, 28 aprile 1919Roma, 26 luglio 1994) è stato uno sceneggiatore e critico cinematografico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nasce in Abruzzo, ma trascorre l'infanzia e la giovinezza con i genitori a Cesena. Dopo essersi laureato in Giurisprudenza si trasferisce a Milano dove inizia a lavorare come critico teatrale e cinematografico dapprima all' Avanti!, e dal 1950 al quotidiano Il Tempo dove rimane fino al 1960.

Si trasferisce a Roma, chiamato da Dino De Laurentiis a collaborare come sceneggiatore ad alcuni kolossal da lui prodotti. Nel 1972, insieme a Ugo Pirro, ottiene una nomination all'Oscar alla migliore sceneggiatura non originale per Il giardino dei Finzi Contini di Vittorio De Sica, mentre nel 1987 ha una candidatura ai Nastri d'argento per L'inchiesta di Damiano Damiani.

Come sceneggiatore i sodalizi più importanti li stringe - in opere scritte per la televisione - con Franco Rossi, Roberto Rossellini, Salvatore Nocita e Vittorio De Sisti. In due occasioni svolge anche il ruolo di produttore esecutivo. Il suo ultimo lavoro, A rischio d'amore diretto da Vittorio Nevano, sarà presentato in tv due anni dopo la sua morte, avvenuta a Roma nel 1994 a 75 anni.

Nel 1957 ha fatto parte della giuria della Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Sceneggiatore cinema[modifica | modifica wikitesto]

Sceneggiatore televisivo[modifica | modifica wikitesto]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Principe in maschera nera, Il Ponte vecchio edizioni, Cesena (1997, romanzo postumo)

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN311268213 · ISNI (EN0000 0001 1950 8654 · LCCN (ENno98028078 · GND (DE139902392 · BNE (ESXX1608241 (data) · BNF (FRcb14080953f (data) · J9U (ENHE987007258942005171 · CONOR.SI (SL134317923 · WorldCat Identities (ENlccn-no98028078