Vittoria Adelaide di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Glücksburg

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Vittoria Adelaide di Schleswig-Holstein
Duchessa di Sassonia-Coburgo-Gotha
In carica11 ottobre 1905 –
14 novembre 1918
PredecessoreMaria Aleksandrovna di Russia
SuccessoreMonarchia abolita
Duchessa d'Albany
In carica11 ottobre 1905 –
28 marzo 1919
PredecessoreElena di Waldeck e Pyrmont
SuccessorePrivata del titolo
Nome completoViktoria Adelheid Helene Luise Marie Friederike
NascitaGrünholz, Schleswig-Holstein, Prussia, 31 dicembre 1885
MorteGreinburg, Austria, 3 ottobre 1970
Casa realeSchleswig-Holstein-Sonderburg-Glücksburg
Sassonia-Coburgo-Gotha
PadreFederico Ferdinando, Duca di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Glücksburg
MadreCarolina Matilde di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Augustenburg
ConsorteCarlo Edoardo, Duca di Sassonia-Coburgo e Gotha
FigliGiovanni Leopoldo, Principe Ereditario di Sassonia-Coburgo e Gotha
Sibilla, Duchessa di Västerbotten
Uberto di Sassonia-Coburgo-Gotha
Carolina Matilde di Sassonia-Coburgo-Gotha
Federico Giosia, Principe di Sassonia-Coburgo e Gotha

Principessa Vittoria Adelaide di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Glücksburg (in tedesco: Viktoria Adelheid Helene Luise Marie Friederike; 31 dicembre 1885Grein, 3 ottobre 1970) fu la consorte di Carlo Edoardo, Duca di Sassonia-Coburgo e Gotha.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Grünholz Manor, luogo di nascita della Principessa Vittoria Adelaide, fotografato nel 2010.

Vittoria Adelaide era la figlia maggiore di Federico Ferdinando, duca di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Glücksburg, e di sua moglie, la principessa Carolina Matilde di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Augustenburg.

Il padre di Vittoria Adelaide era il maggiore dei figli maschi di Federico, duca di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Glücksburg ed un nipote di Cristiano IX di Danimarca, mentre dalla parte materna era la nipote dell'imperatrice Augusta Vittoria. Un mese prima della sua nascita, suo padre era succeduto alla guida del Casato di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Glücksburg ed il titolo di duca dopo la morte del padre il 27 novembre 1885.

Matrimonio[modifica | modifica wikitesto]

Il Duca e la Duchessa di Sassonia-Coburgo e Gotha, 11 ottobre 1905.

Fu suo zio, l'imperatore Guglielmo II di Germania, a scegliere suo marito. La sua scelta cadde sul cugino, il duca Carlo Edoardo di Sassonia-Coburgo-Gotha, figlio del principe Leopoldo, duca di Albany e di Elena di Waldeck e Pyrmont.

Il matrimonio ebbe luogo l'11 ottobre 1905 al Castello di Glücksburg nella regione dello Schleswig. Cinque anni prima del matrimonio, Carlo Edoardo era succeduto al ducato di Sassonia-Coburgo-Gotha alla morte di suo zio Alfredo[1][2]. Il 5 novembre 1905 Vittoria Adelaide si trasferì a Coburgo, dove ricevette un'accoglienza molto calorosa. Come nuova madre del Paese, ha subito conquistato la simpatia della popolazione per il suo calore e la sua vicinanza alla gente. Ebbero cinque figli:

  • Giovanni Leopoldo (2 agosto 1906-4 maggio 1972), sposò in prime nozze Feodora, baronessa von der Horst, ebbero tre figli, e in seconde nozze Maria Theresia Reindl, non ebbero figli;
  • Sibilla (18 gennaio 1908-28 novembre 1972), sposò Gustavo Adolfo, duca di Västerbotten, ebbero cinque figli;
  • Uberto (24 agosto 1909-26 novembre 1943);
  • Carolina Matilde (22 giugno 1912-5 settembre 1983), sposò in prime nozze Friedrich Wolfgang Otto, conte di Castell-Rüdenhausen, ebbero tre figli, in seconde nozze Max Schnirring, ebbero tre figl, e in terze nozze Karl Andree, non ebbero figli;
  • Federico Giosia (29 novembre 1918-23 gennaio 1998), sposò in prime nozze Vittoria Luisa di Solms-Baruth, ebbero un figlio, in seconde nozze Denyse Henrietta de Muralt, ebbero tre figli, e in terze nozze Katrin Bremme, non ebbero figli.

Vittoria Adelaide è descritta come la persona più forte della coppia e inizialmente il duca le chiese spesso consiglio[3].

Anni successivi e morte[modifica | modifica wikitesto]

La famiglia di Sassonia-Coburgo e Gotha.

Nel 1918, il duca fu costretto ad abdicare, in seguito alla fine della prima guerra mondiale, obbligando la famiglia a diventare privati cittadini. Carlo Edoardo fu uno dei primi e fervente sostenitore di Adolf Hitler. Vittoria Adelaide inizialmente condivideva l'entusiasmo e il patriottismo di suo marito, ma finì per detestare il partito nazista in seguito alla presa del potere da parte dei nazisti. Ha sfidato suo marito sostenendo la Confederazione della Chiesa evangelica tedesca contro i cristiani tedeschi antisemiti[4].

Dopo la seconda guerra mondiale, la coppia fuggì in Austria (dove lo Schloss Greinburg an der Donau era una proprietà dei Sassonia-Coburgo dal 1822, e rimase tale) dopo il sequestro delle loro proprietà nella Germania dell'Est ad opera dei sovietici.

Morì a Schloss Greinburg il 3 ottobre 1970 e fu sepolta accanto al marito a Schloss Callenberg.

Titoli e trattamento[modifica | modifica wikitesto]

  • 31 dicembre 1885 – 11 ottobre 1905: Sua Altezza Principessa Vittoria Adelaide di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Glücksburg
  • 11 ottobre 1905 – 28 marzo 1919: Sua Altezza Reale La Duchessa di Sassonia-Coburgo e Gotha
  • 28 marzo 1919 – 3 ottobre 1970: Sua Altezza La Duchessa di Sassonia-Coburgo e Gotha

Ascendenza[modifica | modifica wikitesto]

Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
Federico Guglielmo di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Glücksburg Federico Carlo di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Beck  
 
Federica di Schlieben  
Federico di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Glücksburg  
Luisa Carolina d'Assia-Kassel Carlo d'Assia-Kassel  
 
Luisa di Danimarca  
Federico Ferdinando di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Glücksburg  
Giorgio Guglielmo di Schaumburg-Lippe Filippo II di Schaumburg-Lippe  
 
Giuliana d'Assia-Philippsthal  
Adelaide di Schaumburg-Lippe  
Ida di Waldeck e Pyrmont Giorgio I di Waldeck e Pyrmont  
 
Augusta di Schwarzburg-Sondershausen  
Principessa Vittoria Adelaide di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Glücksburg  
Cristiano di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Augustenburg Federico Cristiano II di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Augustenburg  
 
Luisa Augusta di Danimarca  
Federico VIII di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Augustenburg  
Lovisa-Sofia Danneskjold-Samsøe Christian Conrad Sophus Danneskiold-Samsøe  
 
Johanne Henriette Valentine Kaas  
Carolina Matilde di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Augustenburg  
Ernesto I di Hohenlohe-Langenburg Carlo Ludovico I di Hohenlohe-Langenburg  
 
Amalia Enrichetta di Solms-Baruth  
Adelaide di Hohenlohe-Langenburg  
Feodora di Leiningen Emilio Carlo di Leiningen  
 
Vittoria di Sassonia-Coburgo-Saalfeld  
 

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Alison Weir, Britain's Royal Families, The Complete Genealogy, London, UK, Vintage Books, 2008, pp. 314–15, ISBN 978-0-09-953973-5.
  2. ^ Bernard Burke, A Genealogic and Heraldic History of the Peerage and Baronetage, The Privy Council, Knightage and Companionage, 76th, London, UK, Harrison and Sons, 1914, p. 20.
  3. ^ H.H. Prince Andreas of Saxe-Coburg and Gotha (2015). I did it my way. Memoirs of HH Prince Andreas of Saxe-Coburg and Gotha. Eurohistory.com, p. 51, 57.
  4. ^ (DE) Rudolf Priesner, Herzog Carl Eduard zwischen Deutschland und England: eine tragische Auseinandersetzung, Hohenloher Druck- und Verlagshaus, 1977, pp. 90, 94, ISBN 3873540630.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Harald Sandner: Coburg im 20. Jahrhundert. Die Chronik über die Stadt Coburg und das Haus Sachsen-Coburg und Gotha vom 1. Januar 1900 bis zum 31. Dezember 1999 - von der „guten alten Zeit“ bis zur Schwelle des 21. Jahrhunderts. Gegen das Vergessen. Verlagsanstalt Neue Presse, Coburg 2000, ISBN 3-00-006732-9
  • Thomas Nicklas: Das Haus Sachsen-Coburg - Europas späte Dynastie. Verlag W. Kohlhammer, Stuttgart 2003, ISBN 3-17-017243-3.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN316738115 · ISNI (EN0000 0004 5099 6731 · GND (DE128472324 · BNF (FRcb16727145j (data) · WorldCat Identities (ENviaf-316738115
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie