Vito Mangiamele

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Vito Mangiamele (Sortino, 19 febbraio 1827Tolosa, 1897) è stato un matematico italiano. Figlio di un umile pastore di pecore, diede prova di abilità di calcolo sorprendenti tanto da essere convocato a Parigi, il 19 giugno 1837, presso l'Accademia delle scienze francese alla presenza del famoso François Arago. Qui stupì tutti i presenti calcolando a mente radici cubiche di numeri di sei cifre. Per l'interessamento dell'Accademia delle Scienze, ebbe l'opportunità di studiare a Parigi, dove giunse ad avere una cattedra di matematica alla Sorbona. Morì a Toulouse nel 1897. Alla sua memoria, il municipio di Sortino intitolò una via tra le principali del paese[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Angelo Luigi Fiorita, Matematica allegra, Milano, Ceschini Editore, 1958