Visoko

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'omonimo comune croato, vedi Visoko (Croazia).
Visoko
comune
Високо
Visoko – Stemma
Visoko – Veduta
Localizzazione
Stato Bosnia ed Erzegovina Bosnia ed Erzegovina
Entità Federazione di Bosnia ed Erzegovina
Cantone Zenica-Doboj
Amministrazione
Sindaco Munib Alibegovic
Territorio
Coordinate 43°59′N 18°19′E / 43.983333°N 18.316667°E43.983333; 18.316667 (Visoko)Coordinate: 43°59′N 18°19′E / 43.983333°N 18.316667°E43.983333; 18.316667 (Visoko)
Altitudine 508 m s.l.m.
Superficie 230,8[1] km²
Abitanti 41 352 (2013)
Densità 179,17 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale 71300
Prefisso 387 32
Fuso orario UTC+1
Codice FZS 11126
Targa xxx-x-xxx
Cartografia
Mappa di localizzazione: Bosnia ed Erzegovina
Visoko
Visoko
Visoko – Mappa
Sito istituzionale

Visoko è una città nella Bosnia ed Erzegovina centrale con 41.352 abitanti al censimento 2013[2].

Si trova sulla strada che unisce Zenica a Sarajevo, sulle sponde del fiume Bosna, alla confluenza con il Fojnicka. La regione circostante la città conta circa 46.000 abitanti; amministrativamente fa parte del Cantone di Zenica-Doboj della Federazione di Bosnia ed Erzegovina.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'area di Visoko era il centro dello stato bosniaco medievale. Nel periodo ottomano la città fu rifondata da Ajas-beg. Con l'annessione della Bosnia all'Impero austro-ungarico la città ebbe un certo sviluppo edilizio, furono costruiti nuovi edifici però con uno stile che ricalcava quello orientale di quelli preesistenti. Nel periodo del Regno di Jugoslavia Visoko non si espanse molto e durante la Seconda guerra mondiale non fu particolarmente danneggiata, fu con la Repubblica Socialista Federale di Jugoslavia che la città si allargò notevolmente. Durante tutta la guerra in Bosnia Visoko rimase sempre sotto il controllo dell'Esercito della Repubblica di Bosnia ed Erzegovina anche se nelle sue vicinanze si svolsero scontri con le truppe serbe e croate. Alla fine del conflitto la città registrò gravi danni economici, la sua industria fu fortemente ridimensionata.

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

A Visoko ha sede un museo che raccoglie principalmente reperti e opere del periodo medievale. Sulla base dell'accurato esame della geometria dei rilievi, nel 2005, Semir Osmanagić, un bosniaco residente negli Stati Uniti ha ipotizzato che la collina Visočica che sovrasta la città, assieme ad altri rilievi circostanti, siano delle piramidi artificiali risalenti a svariate migliaia di anni fa. Tesi tuttavia smentita dai dati scientifici che confermano trattarsi di lastre naturali di rocce sedimentarie compattissime, simili al cemento armato.[senza fonte]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ superficie dei comuni della Federazione di Bosnia ed Erzegovina, pag.12 (PDF), fzs.ba. URL consultato il 27 agosto 2012.
  2. ^ Popolazione al censimento 2013 dal sito ufficiale (PDF), bhas.ba. URL consultato il 9 novembre 2013.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN133860494 · GND: (DE4421583-6
Bosnia ed Erzegovina Portale Bosnia ed Erzegovina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Bosnia ed Erzegovina