Visione monoculare

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

La visione monoculare (dal greco antico mono, uno e dal latino oculus, occhio) è la visione in cui i due occhi non collaborano per la visualizzazione della stessa immagine. Difatti l'immagine non viene proposta sullo stesso piano retinico da entrambi gli occhi come nella visione binoculare. Con la visione monoculare viene limitata la percezione della profondità, mentre si ha un aumento del campo visivo.

Condizioni mediche associate[modifica | modifica wikitesto]

Con il termine Compromissione della visione binoculare si intende quella condizione dove un individuo ha perso la vista da un occhio, pur mantenendo una vista adeguata per mezzo dell'altro.[1]

La Monopsia è una condizione fisica negli individui che non riescono a percepire le immagini in maniera tridimensionale sebbene i loro due occhi sono dal punto di vista medico normali, sani e distanziati in maniera corretta. La vista che percepisce la profondità tridimensionale necessita più di un parallasse. Inoltre, la risoluzione delle due immagini separate, anche se molto similari, deve essere simultanea, subconscia e completa (immagini persistenti e "immagini fantasma" sono sintomi di un'incompleta risoluzione della vista, sebbene gli occhi stessi mostrano una notevole acutezza.) Un articolo approfondito nel magazine The New Yorker pubblicato nei primi mesi del 2006 ha trattato l'esperienza di un individuo in particolare, il quale, imparando a fronteggiare la sua disabilità, alla fine ha appreso un modo per vedere in maniera tridimensionale nella vita quotidiana. Sono disponibili test medici per determinare condizioni di monopsia nelle persone.

Questa immagine mostra come nella visione monoculare gli occhi non collaborano tra di loro. L'occhio sinistro si focalizza sul cono, mentre quello destro sul cilindro.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ http://www.guidedogsqld.com.au/cgi-bin/index.cgi/monocular/mvi Copia archiviata, su guidedogsqld.com.au. URL consultato il dicembre 31, 2019 (archiviato dall'url originale l'8 dicembre 2006).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]