Virus letale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Virus letale
Virus letale.png
Dustin Hoffman e Kevin Spacey in una scena del film
Titolo originaleOutbreak
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno1995
Durata127 min
RapportoWidescreen
Generethriller, drammatico, catastrofico
RegiaWolfgang Petersen
SoggettoLaurence Dworet, Robert Roy Pool
SceneggiaturaLaurence Dworet, Robert Roy Pool
ProduttoreWolfgang Petersen, Arnold Kopelson, Gail Katz
Produttore esecutivoDuncan Henderson, Anne Kopelson
Distribuzione in italianoWarner Bros. Pictures
FotografiaMichael Ballhaus
MontaggioWilliam Hoy, Lynzee Klingman, Stephen E. Rivkin, Neil Travis
MusicheJames Newton Howard
ScenografiaLaurence Dworet
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Virus letale (Outbreak) è un film di Wolfgang Petersen del 1995, con Dustin Hoffman, Rene Russo e Morgan Freeman.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Negli anni sessanta, in un accampamento americano in Zaire, scoppia una misteriosa epidemia e vi sono coinvolti anche militari americani. Il governo, invece di inviare soccorsi, ordina di sganciare una bomba ad alto potenziale sull'accampamento distruggendolo completamente. Trent'anni dopo, Sam Daniels, colonnello e ricercatore medico dell'esercito, viene inviato insieme ai suoi collaboratori Casey Schuler e il Maggiore Salt in un piccolo villaggio in Africa per indagare su un nuovo tipo di virus, simile all'ebola ma molto più potente. I tre scoprono che il virus attacca le cellule ad una velocità impressionante, uccidendo il contagiato in meno di 72 ore, ma non si trasmette per via aerea. Tornati in patria, Sam cerca di avvertire il suo diretto superiore, il generale Billy Ford, della pericolosità del virus, ma viene ignorato e l'esistenza stessa del virus non viene resa pubblica, sotto ordine perentorio del generale Donald McClintock. Neanche l'ex moglie di Sam, Robby Keough, da poco trasferitasi ad Atlanta, dà ascolto a Sam quando lui cerca di metterla in guardia sulla pericolosità del virus, considerando superfluo dare l'allarme poiché troppo poco probabile che un virus del genere possa diffondersi in America.

Il virus è lo stesso che negli anni sessanta aveva colpito l'accampamento americano. Era stata creata una cura sperimentale, ma l'intera faccenda era stata insabbiata poiché l'intenzione dell'esercito era di fare di quel virus un'arma batteriologica. Il contagio arriva in America a causa di una scimmietta che viene trasportata su una nave fino ad un deposito e poi rubata da uno dei guardiani che aveva cercato di rivenderla ad un negozio di animali. Non riuscendoci, l'aveva liberata in un bosco vicino. La malattia si diffonde a Cedar Creek tramite il guardiano e il proprietario del negozio di animali, e la cittadina viene messa in quarantena. Superando le ostilità dei suoi superiori e rischiando anche l'arresto, Sam Daniels comincia a studiare il virus direttamente a Cedar Creek, rendendosi conto che hanno a che fare con una forma di virus mutata rispetto a quella analizzata in principio, più resistente e con un potenziale di contagio più alto: infatti si diffonde anche per via aerea. Riesce a scoprire della scimmietta, portatrice sana di entrambi i ceppi del virus, e dell'insabbiamento avvenuto trent'anni prima, quando il generale Bill Ford, combattuto tra i sensi di colpa e gli ordini dei suoi superiori, gli consegna la cura sperimentale sviluppata tempo prima, che però non ha effetto sul virus mutato.

Sam non si dà per vinto nemmeno quando l'amico Casey e l'ex moglie Robby, per cui prova ancora forti sentimenti, vengono contagiati e quando il presidente dà l'ordine di distruggere Cedar con una potente bomba, similmente a quanto era avvenuto negli anni Sessanta in Africa. Resta determinato a trovare la scimmietta che racchiude il siero in grado di curare entrambi i virus, e sfuggendo alle forze armate che tentano di catturarlo, grazie anche all'aiuto del Maggiore Salt, riesce a recuperare l'animale e a scongiurare il lancio dell'ordigno esplosivo sulla cittadina. La cura viene sintetizzata, Robby Keough riesce a salvarsi e concede a Sam una seconda possibilità, mentre il generale McClintock viene arrestato con l'accusa di aver taciuto al presidente informazioni vitali riguardanti una possibile arma batteriologica.

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Il film coinvolge lo spettatore su ciò che, secondo alcuni, è una metafora dell'AIDS,[1] secondo altri è ispirato all'epidemia di Ebola scoppiata in quel periodo in Africa (Gabon e Zaire), anche se il film è penalizzato dall'eccessiva lentezza.[2] Si esaltano la fotografia e l'interpretazione efficace di Hoffman.[3]

Incassi[modifica | modifica wikitesto]

Il film ha incassato 67.659.560 di dollari negli USA[4] e 122.200.000 di dollari negli altri paesi[5]

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Robert Tine, Virus letale, Sperling & Kupfer, 1995.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Morando Morandini, , Laura Morandini, Mauro Tassi, Zanichelli, 2010, Il Morandini 2010, pag 1653, ISBN 978-88-08-30176-5.
  2. ^ Pino Farinotti, Rossella Farinotti, Newton Compton, 2009, Il Farinotti 2010, pag 2219, ISBN 978-88-541-1555-2.
  3. ^ La Stampa, Lietta Tornabuoni, 14 aprile 1995
  4. ^ (EN) Virus lelate, Mojo Box Office. URL consultato il 2 ottobre 2011.
  5. ^ (EN) Virus letale, incassi estero, Mojo Box Office. URL consultato il 2 ottobre 2011.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]