Virslīga 2009

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Virslīga 2009
LMT Virslīga 2009
Competizione Virslīga
Sport Football pictogram.svg Calcio
Edizione 35ª
Organizzatore LFF
Date dal 14 marzo 2009
all'8 novembre 2009
Luogo Lettonia Lettonia
Partecipanti 9
Risultati
Vincitore Metalurgs Liepāja
(2º titolo)
Retrocessioni Daugava Riga
Dinaburg
Statistiche
Incontri disputati 144
Gol segnati 487 (3,38 per incontro)
Cronologia della competizione
Left arrow.svg 2008 2010 Right arrow.svg

L'edizione 2009 della Virslīga fu la 18ª del massimo campionato lettone di calcio dalla ritrovata indipendenza e la 35ª con questa denominazione; vide la vittoria finale dello Metalurgs Liepaja, giunto al suo secondo titolo.

Novità[modifica | modifica wikitesto]

L'Olimps Rīga è stato retrocesso dopo aver chiuso il precedente campionato all'ultimo posto. Il Daugava Rīga, primo nella seconda divisione, venne promosso.

Il Blāzma vinse lo spareggio promozione/retrocessione contro il Tranzit Ventspils con un 6-1 totale fra andata e ritorno. Ciononostante, a causa di ritiri o fusioni di altre squadre, il Tranzit fu ripescato.

L'FK Rīga si ritirò dalla manifestazione prima del suo inizio a causa dei debiti economici. La società decise quindi di fondersi con il JFK Olimps Rīga dando origine così al nuovo club del JFK Olimps/RFS. Ciò salvò l'Olimps dalla retrocessione, in quanto così facendo riacquistò il diritto a partecipare alla Virslīga.

Il 12 gennaio 2009 anche il Vindava annunciò il suo ritiro dalla manifestazione per problemi finanziari.

L'FK Jūrmala divenne Jūrmala-VV.

Anche l'FC Daugava Daugavpils e il Dinaburg FC si fusero mantenendo il nome del Dinaburg FC. Come risultato di questa fusione, il nuovo club ottenne il diritto al posto in UEFA Europa League 2009-2010 ottenuto sul campo dal Dinaburg; il Daugava Daugavpils militò, invece, come squadra riserve in 1. Līga.

Formula[modifica | modifica wikitesto]

A causa dei numerosi cambiamenti, non fu possibile garantire il solito numero di 10 squadre partecipanti, sceso a 9. Così anche la formula della competizione venne modificata, con l'abolizione delle poule scudetto e retrocessione, e l'aggiunta di due gironi in più (andata e ritorno + andata e ritorno) per un totale di 32 giornate.

La squadra campione di Lettonia ha il diritto a partecipare alla UEFA Champions League 2010-2011, partendo dal secondo turno preliminare.
Le squadre classificate al secondo e terzo posto sono ammesse alla UEFA Europa League 2010-2011, partendo rispettivamente dal secondo e dal primo turno preliminare.
Retrocede direttamente alla categoria inferiore l'ultima in classifica, mentre la penultima disputa uno spareggio contro la seconda classificata della seconda divisione.

Controversia[modifica | modifica wikitesto]

A 6 giornate dal termine della stagione la squadra del Dinaburg FC, fu condannata all'ultimo posto a tavolino e quindi retrocessa d'ufficio per uno scandalo relativo al calcioscommesse che aveva visto coinvolti il presidente Oļegs Gavrilovs e l'allenatore georgiano Tamaz Pertia. Le 6 partite che avrebbe dovuto disputare da quel momento fino alla fine del campionato furono considerate tutte concluse 0-3 a vantaggio della squadra avversaria.

Squadre partecipanti[modifica | modifica wikitesto]

Classifica finale[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
Lettonia Coppacampioni.png 1. Metalurgs Liepāja 79 32 25 4 3 96 23 +73
Coppauefa.png 2. Ventspils 74 32 23 5 4 89 21 +68
Coppauefa.png 3. Skonto 73 32 23 4 5 98 30 +68
4. Jūrmala-VV 40 32 12 4 16 42 60 -18
5. Olimps Rīga 38 32 11 5 16 53 60 -7
6. Blāzma 26 32 7 5 20 30 71 -41
7. Tranzit 16 32 2 10 20 22 65 -43
1downarrow red.svg 8. Daugava Riga 14 32 3 5 24 26 116 -90
1downarrow red.svg 9. Dinaburg 49 32 15 4 13 31 39 -8

Playout promozione/retrocessione[modifica | modifica wikitesto]

Riga
11 novembre 2009, ore ?:?
Andata
Daugava Riga1 – 1Jaunība Rīga

Riga
15 novembre 2009, ore ?:?
Ritorno
Jaunība Rīga0 – 0Daugava Riga

Verdetti[modifica | modifica wikitesto]

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifica marcatori[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]