Vini delle Marche

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

1leftarrow blue.svgVoce principale: Marche.

«La motivazione nobile invece è che il vino marchigiano ha quello che in Italia chiamamo genius loci. Ossia, i vini marchigiani sono scientificamente distinguibili, tipici e non sono riproducibili sul profilo sensoriale. Il vino marchigiano ha carattere, una Vernaccia di Serrapetrona, un Verdicchio di Matelica, una Lacrima di Morro d'Alba in mezzo a cento bianchi e cento rossi è assolutamente riconoscibile. Oggi il valore aggiunto di un vino è proprio questo: fare vini buoni e riconoscibili al tempo stesso.»

(Roberto Potentini[1])

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

Vitigni[modifica | modifica wikitesto]

Elenco dei vini delle Marche[modifica | modifica wikitesto]

Vini a Denominazione di Origine Controllata e Garantita[modifica | modifica wikitesto]

Vini a Denominazione di Origine Controllata[modifica | modifica wikitesto]

Vini ad Indicazione Geografica Tipica[modifica | modifica wikitesto]

  • Marche (Bianco nelle tipologie normale e Frizzante; Rosato nelle tipologie normale e Frizzante; Rosso nelle tipologie normale, Frizzante e Novello) prodotto nell'intero territorio della regione Marche.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Giorgia Giannetti, Intervista a Roberto Potentini, Enologo della cantina Belisario, su enogastronomia.it.