Vincenzo Ranuzzi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Vincenzo Ranuzzi
cardinale di Santa Romana Chiesa
Vincenzo Ranuzzi.jpg
Ritratto del cardinale Ranuzzi
Stemma cardinale Ranuzzi.jpg
 
Incarichi ricoperti
 
Nato1º ottobre 1726 a Bologna
Ordinato presbitero5 aprile 1760
Nominato arcivescovo11 settembre 1775 da papa Pio VI
Consacrato arcivescovo17 settembre 1775 dal cardinale Carlo Vittorio Amedeo delle Lanze
Creato cardinale14 febbraio 1785 da papa Pio VI
Deceduto27 ottobre 1800 (74 anni) ad Ancona
 

Vincenzo Ranuzzi (Bologna, 1º ottobre 1726Ancona, 27 ottobre 1800) è stato un cardinale italiano della Chiesa cattolica.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Gaspare Vincenzo Ranuzzi nacque a Bologna nell'omonima famiglia senatoria dei conti di Porretta.

Ordinato sacerdote il 5 aprile 1760, iniziò la propria carriera presso la Curia romana durante il pontificato di Benedetto XIV, servendo nella Congregazione del Buon Governo e presso la Sacra Consulta. Divenuto canonico di San Giovanni in Laterano, il 20 luglio 1775 fu inviato da papa Pio VI nunzio apostolico a Venezia, ed il 17 settembre seguente fu consacrato arcivescovo titolare di Tiro dal cardinale Carlo Vittorio Amedeo delle Lanze.

Lasciata Venezia, il cardinal Ranuzzi fu inviato per una missione in Portogallo, al termine della quale Pio VI lo elevò al rango di cardinale nel concistoro del 14 febbraio 1785, e nominato arcivescovo, titolo personale, di Ancona e Numana. Tornato a Roma dal Portogallo solo nel 1787, gli fu imposto il pallio e ricevette il titolo di cardinale presbitero di Santa Maria sopra Minerva il 28 settembre.

Negli sconvolgimenti seguenti alla rivoluzione francese, accolse numerosi prelati in fuga dalla Francia, e nel pericolo di assedio di Ancona da parte dell'esercito austriaco, nelle more delle vicende napoleoniche, si rifiutò di abbandonare la città ed i suoi fedeli. Impossibilitato per ragioni di salute a partecipare al Conclave di Venezia, ricevette la visita del neo eletto papa Pio VII, in viaggio verso Roma, da cui ricevette pubblica riconoscenza ed attestazioni di stima.

Morì ad Ancona la sera del 27 ottobre 1800, all'età di 74 anni.

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Successione apostolica[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN89093231 · ISNI (EN0000 0000 6224 7165 · GND (DE1079846352 · BAV ADV10299872