Vincenzo Occhetta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vincenzo Occhetta
Occhetta.jpg
Nazionalità Italia Italia
Altezza 178 cm
Peso 74 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Mediano
Ritirato 1966 - giocatore
1968 - allenatore
Carriera
Giovanili
1954-1957 Romentinese
Squadre di club1
1949-1951 Juventus 0 (0)
1951-1953 Siracusa 70 (10)
1953-1958 Marzotto Valdagno 151 (15)
1958-1960 Milan 52 (2)
1960-1964 Genoa 107 (1)
1964-1966 Rapallo 36 (2)
Carriera da allenatore
1965-1966Rapallo
1966-1968Savona
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Vincenzo Occhetta (Romentino, 16 febbraio 1931) è un allenatore di calcio ed ex calciatore italiano, di ruolo mediano.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Cresce calcisticamente nella squadra del suo paese - Romentino - per passare alla Juventus nel 1949 giocando con le riserve e senza mai esordire in prima squadra. La Juventus lo cede nel 1951-1952 al Siracusa allenato da Mario Perazzolo, e con i siciliani disputa due campionati nella Serie cadetta. Retrocesso il Siracusa in Serie C, Occhetta passa al Marzotto nel 1953-1954 e con i vicentini gioca cinque campionati di Serie B.

Occhetta con Nils Liedholm.

Nel 1958-1959, su suggerimento di Giuseppe Viani,[1] passa al Milan condotto da Viani stesso e Luigi Bonizzoni. L'esordio in Serie A di Occhetta avviene, in sostituzione di Nils Liedholm, il 21 settembre 1958 a San Siro contro la Triestina che viene battuta per 2-0. Alla quarta giornata Liedholm rientra e Occhetta resta al suo posto e ad uscire di squadra è Sandro Salvadore. Il Milan con Occhetta titolare, a fianco di Liedholm e Cesare Maldini, vince lo scudetto ed il novarese viene confermato anche l'anno successivo.

Nel 1960-1961 torna in Serie B con il neoretrocesso Genoa - assieme a Giancarlo Gallesi e Gastone Bean - come contropartita per l'acquisto di Paolo Barison. Lascia quindi Milano dopo aver disputato con i rossoneri 52 partite con 2 reti nella massima serie, 4 gare con 2 reti di Coppa Italia e altri 4 incontri in Coppa dei Campioni - e a Genova si ferma altre quattro stagioni contribuendo al ritorno dei genoani, allenati da Roberto Gei, in Serie A nel 1961-1962, stagione nella quale diviene capitano di rossoblu a seguito del ritiro di Fosco Becattini.

Tornato nella massima serie con i liguri, vi rimane sino al 1963-1964 per poi scendere la stagione successiva in Serie D con il Rapallo Ruentes e, una volta conquistata la promozione in Serie C, svolgere la funzione di allenatore-giocatore con i bianconeri.

Sostituisce inoltre Ercole Rabitti sulla panchina del Savona in Serie B[2] e rimane anche l'anno successivo in Serie C.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Genoa: 1961-1962
Milan: 1958-1959
Rapallo Ruentes: 1964-1965

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ "Milan settebello" rivista commemorativa dello scudetto, 1959
  2. ^ Esordio di Occhetta alla guida del Savona su La Stampa, 17 dicembre 1966

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Almanacco illustrato del calcio, Edizioni Rizzoli e Carcano, annate 1952, 1960, 1961,1962, 1963, 1964, 1965, 1966 e 1967.
  • Davide Rota, Dizionario illustrato dei giocatori genoani, De Ferrari, 2008.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]