Vincenzo Manna

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Vincenzo Manna (Roma, 15 aprile 1977) è un drammaturgo, regista teatrale e sceneggiatore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la laurea in Stilistica, Metrica Italiana e Retorica all'Università degli Studi di Firenze, Vincenzo Manna studia presso l'Accademia Nazionale d'Arte Drammatica "Silvio D'Amico". Si diploma in regia nel 2009 con uno spettacolo dal titolo "Fari nella nebbia", di cui è autore e regista. Da allora comincia una carriera che lo vede impegnato sia nella regia teatrale che nella scrittura. Nel 2010 vince il Premio Scenario sezione Infanzia, con una rivisitazione cruda e provocatoria della fiaba di "Hansel e Gretel". Lo stesso anno, gli viene conferito durante il 53° Festival dei Due Mondi di Spoleto, il Premio SIAE come miglior nuovo autore italiano. Il suo lavoro comprende anche la traduzione: l'originale adattamento del "Giulio Cesare" di William Shakespeare di cui è autore insieme al regista Andrea Baracco, rappresenta l'Italia al Globe Theatre di Londra durante le manifestazioni culturali delle Olimpiadi del 2012.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Premio SIAE come miglior giovane autore italiano[1].

Premio Scenario Infanzia come autore e regista dello spettacolo "Hansel e Gretel".

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Cani in New Writing Italia. Dieci pezzi non facili di teatro (Editoria&Spettacolo, 2011)[2].
  • La famiglia in La mia poetica. Sulla drammaturgia italiana contemporanea (Editoria&Spettacolo, 2012)[3].
  • Made in China in Generazione E (Titivillus, 2012).

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]