Vincenzo La Russa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Vincenzo La Russa
VincenzoLaRussa.jpg

Deputato della Repubblica Italiana
Legislature IX
Gruppo
parlamentare
DC
Circoscrizione Milano - Pavia
Collegio Milano
Sito istituzionale

Senatore della Repubblica Italiana
Legislature VIII-XII
Circoscrizione Lombardia, Sicilia
Collegio Rho-Milano (Lombardia), Paternò-Caltagirone (Sicilia)
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Democrazia Cristiana (VIII, IX), Centro Cristiano Democratico (XII)
Titolo di studio laureato in giurisprudenza
Professione avvocato, politico

Vincenzo La Russa (Paternò, 10 luglio 1938) è un politico e avvocato italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di Antonino La Russa, che fu senatore del Movimento Sociale Italiano, è fratello maggiore di Ignazio La Russa, Emilia La Russa e Romano La Russa.

Appena compiuti i 19 anni, dopo aver conseguito la maturità classica, si è trasferito con la famiglia a Milano. Presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore ha studiato giurisprudenza ottenendo la laurea con una tesi di diritto costituzionale. È avvocato civilista e amministrativista e iscritto all'albo dei giornalisti (in qualità di pubblicista) e a quello dei revisori contabili.

Carriera politica[modifica | modifica wikitesto]

È stato consigliere comunale e provinciale di Milano. Nel 1983 è eletto senatore nella VIII Legislatura, eletto con la Democrazia Cristiana nel collegio di Rho (Milano) e deputato nella IX Legislatura eletto nel collegio di Milano-Pavia sempre per la DC dal 1983 al 1987.

A seguito dello scioglimento della Democrazia Cristiana nel 1994 aderisce al Centro Cristiano Democratico con cui viene rieletto quell'anno in Senato nel collegio di Caltagirone-Paternò, e ricopre il ruolo di vice capogruppo CCD al Senato. Sempre nel 1994, il Senato lo designa membro dell'assemblea parlamentare del Consiglio d'Europa di Strasburgo (di cui diventa vicepresidente) e dell'assemblea parlamentare dell'UEO (Unione Europea Occidentale) di Parigi. Resta a Palazzo Madama fino al 1996.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Il ministro Scelba, 2002
  • Amintore Fanfani, 2006
  • Giorgio Almirante. Da Mussolini a Fini, 2009

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN59206999 · SBN IT\ICCU\SBLV\157363 · WorldCat Identities (EN59206999