Vincenzo Guerrazzi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Vincenzo Guerrazzi (Mammola, 8 novembre 1940Genova, 22 giugno 2012) è stato un operaio, pittore e scrittore italiano, conosciuto come lo scrittore-pittore-operaio.

Nasce in un piccolo paese dell'entroterra calabrese e, perduto il padre (vittima dei nazifascisti nell'eccidio della Benedicta) in tenerissima età, dopo l'infanzia e l'adolescenza vissute in una Calabria rurale e primitiva, si trasferisce a Genova, dove, ancora minorenne, viene assunto alla Fabbrica Ansaldo, Meccanica Varia, e vi resta per diciotto anni. Nel 1975 si licenzia per dedicarsi a tempo pieno alla scrittura e alla pittura, attraverso le quali compie un percorso di impegno civile, sociale, politico[1].

La sua arte, sia narrativa che pittorica, è legata alla realtà che tratta e che rappresenta. Nelle sue opere ogni estrosità figurativa o letteraria è funzionale alla comunicazione del messaggio che contiene; ossia, prima di come esprimere è importante cosa esprimere, per aprire gli occhi alle società del proprio tempo, scuotere le coscienze, fare luce su ciò che viene iniquamente tenuto nel buio.

Guerrazzi "fonda" così il primo quotidiano-murale: "L'urlo della notte" nei gabinetti della fabbrica, luogo dove gli operai scrivono sui muri frasi e pensieri, che saranno poi raccolti e pubblicati all'interno del primo romanzo completo di Guerrazzi, Nord e Sud uniti nella lotta, libro spregiudicato nel linguaggio, censurato, discusso, ma poi finalista al Premio Sila nel 1975. Scrive e pubblica settimanalmente sui quotidiani locali, Il Secolo XIX e Il Lavoro dei racconti inerenti alla condizione operaia negli anni '60 e '70, e anche questi saranno poi riuniti nel romanzo Le ferie di un operaio del 1974.

Dopo avere curato un'inchiesta all'interno (e dall'interno) del contesto operaio, intitolata L'altra cultura (1975), ne realizza altre due, I Dirigenti nel 1976, e Gli Intelligenti nel 1978; entrambi denuncia di superficialità, disimpegno, incompetenza, malcostume, goffaggine, tracotanza delle classi dirigente e "intellettuale". È il punto di vista che Guerrazzi esprime anche in pittura: quadri storico-politici, ambientati nella fabbrica.

Tiene svariate mostre in Italia (nel 1996 anche in Germania) a partire da quella svoltasi a Roma, a Palazzo dei Congressi nell'ottobre 1977. Nel 1978 la televisione svizzera e la Rai gli dedicano due programmi, quello della Rai condotto da Stefano Satta Flores.

È scomparso nel 2012 all'età di 71 anni[2].

Opere[modifica | modifica wikitesto]

"Nord e Sud uniti nella lotta" Recensioni: La Repubblica 19/06/2013

Le Reti di Dedalus;di Marco Panella

Lettera Graffiti operai di David Frati

Gazzetta di Parma L'operaio di Guerrazzi di Lorella Castelliti

Alto Adige Il gran ritorno di Guerrazzi di Mauro Di Giangiacomo

Liberazione Una nave di operai poco ortodossi di Tonino Bucci

Il Secolo XIX Guerrazzi, ristampato lo "scandaloso" Nord e Sud di Lucia Compagnino

Il Lavoro Quella lotta "scandalosa" unisce ancora di Massimo Calandri

Il Lavoro La Repubblica Guerrazzi, una voce fuori dal coro

  • L'altra cultura (inchiesta operaia), ed. Marsilio, 1974;
  • I dirigenti (inchiesta nella classe dirigente), ed. Mazzotta, 1976;
  • La fabbrica dei sogni, ed. Cooperariva Scrittori, 1977;
  • La fabbrica dei pazzi, ed. Newton Compton, 1978;
  • Gli Intelligenti (inchiesta nel mondo intellettuale), ed. Marotta, 1978; ed. Stampa Alternativa, 2003;

Gli Intelligenti Recensioni La Repubblica 03/03/2004 G.Turchetta;

  • La festa dell'unità: viaggio allucinante, ed. Rizzoli, 1982;
  • Come si diventa borghesi?, ed. Oceania, 1988;
  • Quel maledetto giorno, ed. Pellegrini, 2001;
  • L'aiutante di S. B. Presidente operaio, ed. Marsilio, 2004;
  • Il compagno sbagliato, ed. Mursia, 2007, romanzo scritto con il giornalista di La Repubblica, Stefano Bigazzi.

Recensioni e articoli[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Vincenzo Guerrazzi, Repubblica
  2. ^ Morto Vincenzo Guerrazzi Ilsecoloxix.it

La Repubblica 23/03/2003 "La sinistra di Guerrazzi una voce fuori dal coro";

La Repubblica 04/02/2004 "Genova, moderna femmina virtuale"

http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2004/02/04/genova-moderna-femmina-virtuale.ge_015genova.html?ref=search;

La Repubblica 06/04/2004 "Campana, la poesia ha le luci dei vicoli"

La Repubblica 17/06/2002 "Un messaggio di un poeta all'ex presidente della Provincia ora assessore a Tursi"

La Repubblica 12/12/2002 "il vento gelido che spazza giovani e operai"

La Repubblica 07/05/2002 "La proposta degli esclusi lezione sui dannati della terra"

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • G. Manacorda, Storia della letteratura contemporanea (1940-1975), Ed. Riuniti
  • Enciclopedia Fabbri Anno 1976;
  • A. Guglielmi, Il piacere della letteratura, Ed. Feltrinelli
  • E. Golino,letteratura e classi sociali, Ed Laterza;
  • Paul Ginsborg, Storia d'Italia dal dopoguerra a oggi, Ed. Einaudi;
  • Walter Pedullà, I narratori giovani degli anni 70, Ed. Lerici;
  • S. Pautasso, Anni di letteratura, Ed. Rizzoli
  • Gazzola Luperini, Letteratura italiana LIL, Ed Laterza;
  • C. Muscetta, La Letteratura Italiana-Storia e Testi: L'età presente, Ed. Laterza
  • Petronio Masiello, La produzione letteraria in Italia, Ed. Palombo;
  • L'Espresso – Grandi Opere: Storia Generale Della Letteratura Italiana.

http://espresso.repubblica.it/visioni/cultura/2007/08/31/news/da-dante-a-eco-come-in-un-film-1.5016

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN16050108 · ISNI (EN0000 0000 2428 7086 · SBN IT\ICCU\CFIV\089026 · LCCN (ENn79084306 · GND (DE119412276 · BNF (FRcb14613794s (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n79084306