Vincenzo Amendola

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Vincenzo Amendola
Vincenzo Amendola daticamera.jpg

Ministro per gli affari europei
In carica
Inizio mandato 5 settembre 2019
Presidente Giuseppe Conte
Predecessore Lorenzo Fontana

Sottosegretario di Stato del Ministero degli affari esteri e della cooperazione internazionale
Durata mandato 29 gennaio 2016 –
1º giugno 2018
Presidente Matteo Renzi
Paolo Gentiloni
Predecessore Mario Giro
Successore Ricardo Merlo, Guglielmo Picchi

Deputato della Repubblica Italiana
Durata mandato 15 marzo 2013 –
22 marzo 2018
Legislature XVII
Gruppo
parlamentare
Partito Democratico
Coalizione Italia. Bene Comune
Circoscrizione Campania 2
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Partito Democratico (dal 2007)
In precedenza:
DS (fino al 2007)
Titolo di studio Diploma di liceo scientifico
Professione dirigente di partito

Vincenzo Amendola, detto Enzo (Napoli, 22 dicembre 1973), è un politico italiano del Partito Democratico, dal 5 settembre 2019 Ministro per gli affari europei del Governo Conte II.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Responsabile nazionale del PD agli Esteri nella 2ª Segreteria Renzi e nella Segreteria Zingaretti ed ex Coordinatore nazionale dei segretari regionali del PD nella Segreteria Epifani. È stato capogruppo PD nella III Commissione (Affari esteri e comunitari) della Camera e membro della delegazione parlamentare dell'Assemblea OSCE.. È stato sottosegretario agli Affari Esteri e alla Cooperazione Internazionale del Governo Gentiloni. [1]

È eletto deputato in Campania alle Elezioni politiche italiane del 2013.

Nel 1998 diventa responsabile Esteri della Sinistra Giovanile e vicepresidente IUSY (International Union of Socialist Youth).

Nel 2006 entra nella segreteria nazionale dei Democratici di Sinistra, per poi trasferirsi a Napoli a novembre dello stesso anno dove ha guidato la segreteria regionale dei DS campani.

Nell'ottobre del 2009 vince le primarie e diventa segretario regionale del Partito Democratico della Campania fino al febbraio del 2014.

Sempre nel 2009 entra in segreteria nazionale PD come coordinatore della Conferenza dei segretari regionali del PD.

Il 5 giugno 2013 viene scelto come Coordinatore dei segretari regionali nella Segreteria nazionale del PD dal Segretario "reggente" Guglielmo Epifani, carica che ricopre fino a dicembre 2013. Il 16 settembre 2014 viene nominato Responsabile nazionale del PD con delega agli Esteri nella 2º Segreteria "unitaria" del Segretario Matteo Renzi.

Il 15 giugno 2019 viene scelto come responsabile nazionale agli Esteri del PD dal Segretario Nicola Zingaretti.

Incarichi governativi[modifica | modifica wikitesto]

Sottosegretario di Stato agli Affari Esteri[modifica | modifica wikitesto]

Il 29 gennaio 2016 è stato nominato sottosegretario agli Affari Esteri e alla Cooperazione Internazionale prima nel Governo Renzi e poi nel Governo Gentiloni. [2] In entrambi gli esecutivi gli è stabilita la delega agli italiani all'estero, alle adozioni internazionali e alle politiche ambientali ed energetiche. Nel corso del suo mandato ha spesso accompagnato il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella in visite di stato all'estero.

Ministro per gli Affari Europei[modifica | modifica wikitesto]

Dal 5 settembre 2019 è Ministro per gli Affari Europei del secondo Governo Conte succedendo così al leghista Lorenzo Fontana.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]