Villamaggiore

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Villamaggiore
frazione
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
Città metropolitanaProvincia di Milano-Stemma.svg Milano
ComuneLacchiarella-Stemma.png Lacchiarella
Territorio
Coordinate45°19′16.95″N 9°11′04.76″E / 45.321375°N 9.184656°E45.321375; 9.184656
Altitudine93 m s.l.m.
Abitanti
Altre informazioni
Cod. postale20084
Prefisso02
Fuso orarioUTC+1
TargaMI
Nome abitantimaggioresi[senza fonte]
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Villamaggiore
Villamaggiore

Villamaggiore è una frazione del comune di Lacchiarella posta ad est del centro abitato, verso Siziano. La località è servita dall'omonima stazione della linea ferroviaria Milano-Genova.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Villa Maggiore era un piccolo centro abitato del milanese di antica origine, e confinava con Basiglio e Pieve Emanuele a nord, Siziano e Campo Morto ad est, Casirate a sud, e Lacchiarella ad ovest. Al censimento del 1751 la località fece registrare 366 residenti, ed era di proprietà di un unico latifondista.

In età napoleonica, nel 1805, la popolazione era scesa a 280 unità, risalite a 320 nel 1809: ciononostante, nel 1811 il municipio fu soppresso ed incorporato a Gnignano, l'odierna Siziano[1], recuperando comunque l'autonomia nel 1816 in seguito all'istituzione del Regno Lombardo-Veneto, seppur venendo spostato in Provincia di Pavia.[2]

Furono in seguito gli stessi governanti a riconoscere la necessità di una razionalizzazione della rete amministrativa della zona, e quindi il municipio fu definitivamente soppresso dagli austriaci nel 1841, venendo annesso stavolta a Lacchiarella, in contrapposizione sia con il tradizionale legame religioso con Siziano, sia con l'evidente vicinanza geografica con quest'ultima località.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Decreto 8 novembre 1811
  2. ^ Notificazione 12 febbraio 1816
  3. ^ Comune di Villa Maggiore, 1816 - 1844 – Istituzioni storiche – Lombardia Beni Culturali, su www.lombardiabeniculturali.it. URL consultato il 22 agosto 2021.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Lombardia: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Lombardia