Village of the Giants

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Village of the Giants
Village of the Giants.JPG
Una scena del film
Titolo originaleVillage of the Giants
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneUSA
Anno1965
Durata81 min
Rapporto1.85 : 1
Generefantascienza
RegiaBert I. Gordon
SoggettoHerbert George Wells (romanzo), Bert I. Gordon
SceneggiaturaAlan Caillou
ProduttoreBert I. Gordon
Casa di produzioneBerkeley Productions, Embassy Pictures Corporation, Joseph E. Levine Productions
Distribuzione (Italia)MGM/UA Entertainment
FotografiaPaul Vogel
MontaggioJohn A. Bushelman
Effetti specialiBert I. Gordon, Flora M. Gordon, Herman E. Townsley
MusicheJack Nitzsche
ScenografiaFranz Bachelin
TruccoWally Westmore
Interpreti e personaggi

Village of the Giants è un film di fantascienza del 1965, diretto da Bert I. Gordon, liberamente tratto dal romanzo L'alimento divino (The Food of the Gods) di Herbert George Wells.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

« Qualunque cosa ci stia accadendo, penso tanto dovremo imparare a conviverci.. »

(Fred - dai dialoghi del film)

Genius è un inventore "geniale" appunto, che scopre casualmente un modo per aumentare in maniera sproporzionata le cose. Un gruppo di delinquenti decide di approfittarne, impadronendosi della formula. In un primo tempo, si limitano a venderla ad un mucchio di persone, mentre in un secondo momento, decidono di sperimentare la sostanza su loro stessi: i ragazzi divengono giganti. Anziché cercare di ritornare com'erano prima, i ragazzi ne approfittano e dunque si impongono sulla città: lo sceriffo cittadino rimane impotente, perché i ragazzi prendono in ostaggio sua figlia.

Colonna sonora[modifica | modifica wikitesto]

Il tema principale della colonna sonora, eseguito da Jack Nitzsche, è stato riutilizzato per i titoli di testa del film Grindhouse - A prova di morte di Quentin Tarantino.

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Nonostante si rifaccia a un'opera di H. G. Wells, il film è stato definito "un simpatico filmetto dedicato espressamente ai giovani" o "un passatempo senza pretese".[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ MYmovies: Village of the Giants (1965), su mymovies.it. URL consultato il 10 gennaio 2008.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]