Villa Vicentina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Villa Vicentina
comune
Villa Vicentina – Stemma Villa Vicentina – Bandiera
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneFriuli-Venezia Giulia-Stemma.png Friuli-Venezia Giulia
ProvinciaProvincia di Udine-Stemma.svg Udine
Amministrazione
SindacoGianni Rizzati (lista civica) dal 6-6-2016
Territorio
Coordinate45°49′N 13°24′E / 45.816667°N 13.4°E45.816667; 13.4 (Villa Vicentina)Coordinate: 45°49′N 13°24′E / 45.816667°N 13.4°E45.816667; 13.4 (Villa Vicentina)
Altitudinem s.l.m.
Superficie5,55 km²
Abitanti1 376[2] (30-4-2017)
Densità247,93 ab./km²
FrazioniBorgo Candelettis, Borgo Malborghetto, Borgo Pacco, Borgo Sandrigo, Capo di Sopra[1]
Comuni confinantiAquileia, Cervignano del Friuli, Fiumicello, Ruda, Terzo di Aquileia
Altre informazioni
Cod. postale33059
Prefisso0431
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT030134
Cod. catastaleM034
TargaUD
Cl. sismicazona 4 (sismicità molto bassa)
Cl. climaticazona E, 2 252 GG[3]
Nome abitantivicentinesi
PatronoSantissimo Nome di Maria
Giorno festivo12 settembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Villa Vicentina
Villa Vicentina
Villa Vicentina – Mappa
Posizione del comune di Villa Vicentina nella provincia di Udine
Sito istituzionale

Villa Vicentina (Vile Visintine in friulano standard, La Vila in friulano goriziano[4]) è un comune italiano di 1 376 abitanti della provincia di Udine in Friuli-Venezia Giulia.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Anticamente chiamata Camarcio, deve il suo nome attuale all'arrivo nel 1466 della nobile famiglia dei Gorgo provenienti da Vicenza con alcuni coloni in funzione anti-turca. Lo stemma comunale deriva da quello dei Gorgo: d'azzurro al cervo d'oro rampante. Quello nobiliare è: partito d'argento e d'azzurro, al cervo d'oro rampante sul tutto (da:Raccolta degli stemmi presentati all'I.R. Commissione Araldica). Giulia Gorgo sposò il nob. Domenico Palazzi, residente a Schiavon.[5]

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Nel comune si conservano edifici interessanti, tra i quali la chiesa parrocchiale di Santa Maria, edificata tra il 1660 e il 1680 in un'area in cui sorgeva già un'altra struttura precedente; la facciata a capanna presenta un sontuoso portale barocco, opera del goriziano Giovanni Pacassi, con sette statue, di cui cinque situate nelle nicchie della facciata e due poste sul tetto, lavori dello scultore Pietro Baratta; all'interno possiamo vedere opere di epoche diverse: notevole l'ex tabernacolo, in parte databile attorno al XIII secolo, proveniente dalla chiesa medievale di Cammarcio (che era anche l'antico nome del paese); oltre a ciò sono interessanti gli altari laterali, risalenti sempre al Settecento, e gli affreschi ottocenteschi.

A breve distanza dal centro di Villa Vicentina troviamo la splendida Villa Ciardi, già residenza estiva della sorella di Napoleone Bonaparte Elisa Bonaparte Baciocchi; in questa villa fra gli altri fu ospite tra il 25 novembre e il 6 luglio 1870 il grande scienziato francese Pasteur, che cercava un rimedio per combattere il calcino del baco da seta, un problema che affliggeva sia il Friuli che molte altre parti d'Europa. A circa 300 metri dalla villa è visibile la piccola cappella, commissionata dalla figlia della principessa Baiocchi, la contessa Elisa Napoleona Baciocchi, nipote di Napoleone Bonaparte, per la sepoltura dell'unico figlio, Benedetto Napoleone, morto misteriosamente; la struttura è neogotica, sebbene all'interno convivano anche elementi neoclassici. Altra residenza di Marianna Bonaparte Baciocchi è Villa Asiola antica costruzione il cui impianto principale secondo delle documentazioni appare esistente già nel 1174, questa villa come quella Ciardi passaro in eredità a sua figlia Elisa Napoleona Baciocchi.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[6]

Lingue e dialetti[modifica | modifica wikitesto]

A Villa Vicentina, accanto alla lingua italiana, la popolazione utilizza il friulano goriziano, una variante della lingua friulana. Nel territorio comunale vige la Legge regionale 18 dicembre 2007, n. 29 "Norme per la tutela, valorizzazione e promozione della lingua friulana"[7].

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Comune di Villa Vicentina - Statuto.
  2. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 30 aprile 2017.
  3. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  4. ^ Toponomastica: denominazioni ufficiali in lingua friulana.
  5. ^ Notizie nello Schroeder (PDF), nel Blasone Vicentino di S. Rumor (1899) e in Biblioteca civica Bertoliana (Vicenza) in: Archivio Trissino Baston, Porto- Barbaran, busta 140, contenente pubblicazione a stampa. In quanto provincia di Gorizia,il borgo era ubicato in Austria Ungheria fino al novembre del 1918.
  6. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  7. ^ lista ufficiale Denominazioni ufficiali in Lingua Friulana, Arlef. URL consultato il 26 ottobre 2011.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN235703633