Villa Spada

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Villa Spada (disambigua).
Villa Spada
Villa Spada - Bologna - 17-9-17 (51).jpg
Villa e giardino con statue
Ubicazione
StatoItalia Italia
RegioneEmilia-Romagna
LocalitàBologna
IndirizzoVia Saragozza - angolo via Casaglia
Coordinate44°29′15.35″N 11°18′51.51″E / 44.487596°N 11.314307°E44.487596; 11.314307Coordinate: 44°29′15.35″N 11°18′51.51″E / 44.487596°N 11.314307°E44.487596; 11.314307
Informazioni
CondizioniIn uso
CostruzioneXVIII secolo
StileNeoclassico
Usomuseo, biblioteca, parco pubblico
Realizzazione
ArchitettoGiovanni Battista Martinettii
ProprietarioComune di Bologna
Proprietario storicoJacopo Zambeccari

Villa Spada è una villa settecentesca con annesso parco, costruita in stile neoclassico, che si trova a Bologna, in via Saragozza, all'angolo con via Casaglia. Sorge nella zona pedecollinare della città, e il suo parco è uno dei più frequentati di Bologna e del Quartiere Saragozza.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Fu costruita nel Settecento per volere di Jacopo Zambeccari che ne affidò il progetto, in stile neoclassico, all'architetto italo-svizzero Giovanni Battista Martinetti (Bironico, 24 dicembre 1764–Bologna, 10 ottobre 1830), che curò anche il giardino all'italiana.

La proprietà rimase alla famiglia Zambeccari fino al 1811 e nel 1820 fu acquistata dalla marchesa Beaufort, sposata con il principe romano Clemente Spada Veralli, che completò il complesso annettendo al parco anche l'area che attualmente costeggia via Saragozza. Nel 1849 divenne la sede del quartier generale austriaco.

Agli inizi degli anni venti del Novecento la proprietà è stata acquisita da un ramo della famiglia Pisa, attivo a Bologna in campo industriale; negli anni sessanta la villa e il parco furono acquistati dal Comune di Bologna e pochi anni dopo furono anche aperti al pubblico.

Luoghi di interesse[modifica | modifica wikitesto]

Veduta della città dal parco

La villa è circondata da un parco, dell'estensione di sei ettari, preesistente alla costruzione della villa.

Nei pressi sorge il giardino all'italiana, disegnato dallo stesso Martinetti, ornato di statue, che funge da collegamento tra la villa e il parco circostante. Nella parte meridionale del giardino all'italiana è presente il memoriale alle 128 vittime partigiane della provincia di Bologna, realizzato nel 1975.

Oltre all'ingresso principale, posto all'incrocio tra via Saragozza e via di Casaglia, il parco di Villa Spada ne possiede un altro al quale si arriva proseguendo su via di Casaglia in direzione del Santuario della Madonna di San Luca; una volta superata la biblioteca, la strada curva a destra e, dopo circa 200 m, proprio sulla seconda curva (questa volta a sinistra) si vede chiaramente l'ingresso del parco posto ai piedi di una collina alta circa 50 m, dalla cui cima si può godere di una bellissima e ampia vista (quasi a 360°) del centro storico bolognese.

Ai più la zona è nota col nome informale di "Curvone", divenuto con gli anni posto di ritrovo e aggregazione dei giovani, provenienti dal quartiere Costa-Saragozza o da fuori.

Museo e biblioteca[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Museo della tappezzeria.

Dal 1990 la villa ospita il Museo della tappezzeria (oggi Museo storico didattico della tappezzeria "Vittorio Zironi"), mentre nell'edificio antistante è presente la biblioteca del quartiere Saragozza, intitolata allo storico locale Oriano Tassinari (1936-1995).

Da segnalare, nella parte superiore la zona antistante la Biblioteca, un lucernario che ha preso il nome di "il Terrazzino", in quanto trasformato in solarium dagli utenti della Biblioteca, nelle pause dello studio durante il periodo periodo estivo.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Villa Spada, su comune.bologna.it. URL consultato il 16 ottobre 2017.
Controllo di autoritàVIAF: (EN240129686 · GND: (DE7606389-6