Villa Malfitano Whitaker

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Villa Malfitano Whitaker
Villa malfitano7.jpg
Villa Malfitano
Ubicazione
Stato Italia Italia
Regione Sicilia Sicilia
Località Palermo
Indirizzo Via Dante, 167
Coordinate 38°07′23.88″N 13°20′29.04″E / 38.1233°N 13.3414°E38.1233; 13.3414Coordinate: 38°07′23.88″N 13°20′29.04″E / 38.1233°N 13.3414°E38.1233; 13.3414
Informazioni
Condizioni In uso
Costruzione dal 1885 al 1889
Uso sede della Fondazione Whitaker
Realizzazione
Architetto Ignazio Greco
Proprietario storico Giuseppe Whitaker

Villa Malfitano Whitaker si trova a Palermo, nell'odierna Via Dante, 167 ed è sede della Fondazione Whitaker.

Il progetto e la realizzazione risalgono al periodo che va tra il 1885 e il 1889 su progetto dell'architetto Ignazio Greco su commissione di Giuseppe Whitaker, imprenditore discendente di una famiglia inglese, stabilitosi a Palermo nella seconda metà del XIX secolo.

La villa e la collezione Whitaker[modifica | modifica wikitesto]

La villa, in stile neo-rinascimentale, si sviluppa su tre livelli; negli interni si trovano diverse sale splendidamente decorate dove è conservata una ricca collezione di oggetti d'arte raccolti dal proprietario durante i suoi numerosi viaggi come mobili, quadri, coralli, avori, porcellane e arazzi fiamminghi del XVI secolo che la fondazione Whitaker oggi custodisce zelantemente. Diversi anche i dipinti di Francesco Lojacono.Tra le sale va senz'altro segnalata "la sala d'estate" affrescata da Ettore De Maria Bergler.

Il giardino[modifica | modifica wikitesto]

Il giardino è stato progettato da Emilio Kunzmann e si estende per circa 7 ettari. L'entrata sulla Via Dante è caratterizzato da un'imponente cancellata in ferro battuto e la parte di giardino ad esso adiacente è stata coltivata all'inglese, con vialetti che permettono un percorso tra le asimmetrie degli spazi mentre la parte opposta è stata realizzata all'italiana, quindi caratterizzata da spazi disposti geometricamente e in maniera simmetrica intorno alla villa. L'esemplare di Jubaea chilensis è morto per un attacco di Rhynchophorus ferrugineus nel 2012 e ne rimane oggi solo il tronco.

All'interno si trovano piante rare provenienti da tutto il mondo come Tunisia, Sumatra, Australia, America Meridionale e un vivaio che conservava circa 150 esemplari diversi di orchidee.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Romualdo Giuffrida e Rosario Chiovaro, La Villa Whitaker a Malfitano, Palermo, Accademia nazionale di scienze lettere e arti, 1990. URL consultato il 7 marzo 2014.
  • Francesco Maria Raimondo, Il Giardino di Villa Malfitano, Palermo, Fondazione Giuseppe Whitaker, 1995.
  • Oreste Omar Petilli, Villa Malfitano, in Judith Wade (a cura di), Guida ai giardini storici, Milano, Mondadori Electa, 2008, ISBN 978-88-370-5805-0.
  • Barbera G., Speciale M., Meraviglie botaniche. Giardini e Parchi di Palermo, Palermo, Regione Sicilia - Assessorato Beni Culturali, 2015, ISBN 9788861643130.
  • Raleigh Trevelyan, La storia dei Whitaker, Sellerio, Palermo 1987; con saggi di Rosario Lentini, La presenza degli Inglesi nell'economia siciliana; Vincenzo Tusa, Joseph Whitaker e Mozia; Rosalia Camerata Scovazzo, Il Museo "Giuseppe Whitaker".
  • I Whitaker di villa Malfitano, Atti del seminario di studi a cura di Rosario Lentini e Pietro Silvestri, Palermo 16-18 marzo 1995, Fondazione Giuseppe Whitaker, Palermo 1995.
  • Tina Whitaker Scalia, Sicilia e Inghilterra. Ricordi politici. La vita degli esuli italiani in Inghilterra (1848-1870), a cura di Diletta D'Andrea, con un saggio di Rosario Lentini, Torri del Vento, Palermo 2012.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]