Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Villa Hériot

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Villa Hériot
Venezia 2009 - Villa Herriot in Giudecca - Foto di Paolo Steffan.jpg
Particolare del complesso di Villa Herriot
Ubicazione
Stato Italia Italia
Regione Veneto Veneto
Località Venezia
Indirizzo isola della Giudecca
Coordinate 45°25′27.81″N 12°20′21.83″E / 45.424392°N 12.339398°E45.424392; 12.339398Coordinate: 45°25′27.81″N 12°20′21.83″E / 45.424392°N 12.339398°E45.424392; 12.339398
Informazioni
Condizioni In uso
Realizzazione
Architetto Raffaele Mainella

Villa Hériot nota anche come Villa Herriot è un edificio di Venezia, nell'isola della Giudecca.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

A partire dagli inizi del XX secolo, molti stranieri facoltosi scelgono di fare di Venezia la loro seconda dimora, sfruttando terreni spesso occupati da edifici dismessi nei secoli precedenti: è questo il caso del francese Hériot, che, dopo aver acquistato il terreno di una ex saponeria alla Giudecca, vi fa costruire, su progetto di Raffaele Mainella, due strutture di villa dall'architettura eclettica e con copiosi elementi decorativi come patere, formelle, colonnine e altri motivi bizantineggianti.

Nel 1947 la moglie di Hériot, dopo la morte del marito, cede il complesso di Villa Hériot al comune, lasciando allegata all'atto di vendita la volontà che esso sia adibito a scuola pubblica: l'edificio dunque diventa la scuola elementare Carlo Goldoni. La scuola in seguito è stata chiusa e Villa Hériot è sede della "Società Europea di Cultura", della "Università Internazionale dell'Arte, sede di Venezia", e della Casa della memoria del Novecento veneziano. È stata poi proprietà, come Ca' Dario, di Raul Gardini.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • AA. VV., Storia di Venezia. LʼOttocento e il Novecento. Giovanni Luigi Fontana: Lʼeconomia, Treccani, Roma 2002, pp. 1439–1484.
  • AA. VV., Venezia, città industriale. Gli insediamenti produttivi del XIX secolo, Marsilio, Venezia 1980.
  • Francesco Basaldella, Giudecca: storia e testimonianze, Marcon Uniongrafica, Venezia, 1986.
  • Cesco Chinello, Classe, movimento, organizzazione: le lotte operaie a Marghera/Venezia 1945-1955, Franco Angeli, Milano 1984.
  • Rafaella Giuseppetti, Un castello in laguna. Storia dei Molini Stucky, Il Cardo, Venezia 1995.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]