Villa Doria d'Angri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Villa Doria d'Angri
Villa Doria d'Angri (vista dal mare).jpg
La villa, vista dal mare
Ubicazione
Stato Italia Italia
Regione Campania
Località Napoli
Coordinate 40°49′22.71″N 14°12′59.93″E / 40.822975°N 14.216647°E40.822975; 14.216647Coordinate: 40°49′22.71″N 14°12′59.93″E / 40.822975°N 14.216647°E40.822975; 14.216647
Informazioni
Condizioni In uso

Villa Doria d'Angri è una struttura storico-artistica di Napoli; è sita in via Petrarca 80, nel quartiere di Posillipo.

La villa oggi è sede dell'Università degli Studi di Napoli "Parthenope".[1]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Si tratta della più importante villa neoclassica della zona: fu voluta dal principe Marcantonio Doria d'Angri (1809-1837) esponente di spicco della famiglia di origini genovesi, i lavori furono completati nel 1833; la fece erigere dall'architetto Bartolomeo Grasso (1773-1835).

La struttura sembra che fuoriesca dalla roccia; essa, infatti, è stata appositamente concepita su un grande banco tufaceo, con il quale sembra formare un solo corpo architettonico. Il progetto primitivo, oggi, lievemente alterato dalle aggiunte e dai rimaneggiamenti successivi, prevedeva un'architettura a due piani su un alto basamento a tre ordini di arcate, decorati a bugne in stucco. L'ultimo elemento tecnico regge l'ampia terrazza che circonda l'intera struttura e su cui verte, su ciascun lato, un loggiato con quattro colonne ioniche. I terrazzi laterali erano dei giardini pensili con giochi d'acqua e fontane, gli esterni proseguivano lungo le rampe che salivano sulla collina formando dei giardini di Delizie tanto erano belli e ricchi di fiori e piante di elevato pregio.

Gli spazi interni sono stati lavorati da Guglielmo Bechi, ai quali donò delle originali decorazioni a motivi pompeiani, ma anche degli specchi, maioliche, stucchi, ecc...

La struttura monumentale possiede anche una pregevole pagoda ottagonale, realizzata da Antonio Francesconi (1806-1882).

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Uniparthenope.it, economia.uniparthenope.it. URL consultato il 1º settembre 2011.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Yvonne Carbonaro, Le ville di Napoli, Tascabili Economici Newton, Roma, 1999, ISBN 88-8289-179-8.
  • Luciana Di Lernia, Villa Doria d'Angri e la committenza dei Doria a Napoli e a Genova, Foggia, Claudio Grenzi Editore, 2008, ISBN 978-88-8431-268-6.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]