Villa Cerami

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Villa Cerami
VillaCeramiVillaCT.JPG
Villa Cerami
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneSicilia Sicilia
LocalitàCatania
Indirizzovia dei Crociferi
Coordinate37°30′24.2″N 15°05′04.8″E / 37.506722°N 15.084667°E37.506722; 15.084667Coordinate: 37°30′24.2″N 15°05′04.8″E / 37.506722°N 15.084667°E37.506722; 15.084667
Informazioni generali
CondizioniIn uso
Usosede della Facoltà di Giurisprudenza dell'Università di Catania

La villa Cerami di Catania era la residenza della famiglia Rosso di Cerami,[1] ramo della famiglia Rosso. Oggi è la sede del Dipartimento di Giurisprudenza dell'Università degli Studi di Catania.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Sorge alla fine della via dei Crociferi. Notevole è il portale di ingresso, adorno dello stemma litico della famiglia Rosso di Cerami, che dà sull'ampio cortile della villa, in cui si innesta lo scalone monumentale, arricchito da una fontana. La villa è composta da corpi settecenteschi rimaneggiati nell'Ottocento. Nella corte, che separa la villa dall'edificio nuovo della facoltà di giurisprudenza (opera dell'architetto Francesco Basile), si trova la Grande bagnante, opera bronzea di Emilio Greco.

Attiva è la vita che si svolge al suo interno. Migliaia di giuristi la percorrono e la vivono. Frequentate le aule per le lezioni, come pure le biblioteche e le aule studio dei piani superiori dove gli studenti tra una lezione e l'altra ricavano tempo per studiare. Usati anche il giardino e la piazzetta come punto di incontro e di studio.

Via dei Crociferi

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Vittorio Consoli (a cura di), Enciclopedia di Catania, Catania, Tringale Editore, 1987.
  • Cristoforo Cosentini, Villa Cerami - La Facoltà di Giurisprudenza, Tip. Università, 1993.
  • Maria Teresa Di Blasi e Concetta Greco Lanza, Il Cicerone. Storia, itinerari, leggende di Catania, 2ª ed., Catania, Edizioni Greco, 2007, p. 260, ISBN 978-88-7512-060-3.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]