Villa Brandolini d'Adda

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Villa Brandolini d'Adda
Solighetto 2008-04-25 Villa.JPG
Il giardino e la barchessa
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneVeneto Veneto
LocalitàPieve di Soligo
IndirizzoSolighetto
Coordinate45°54′56.64″N 12°10′01.29″E / 45.915733°N 12.167025°E45.915733; 12.167025Coordinate: 45°54′56.64″N 12°10′01.29″E / 45.915733°N 12.167025°E45.915733; 12.167025
Informazioni generali
CondizioniIn uso
CostruzioneXVIII secolo

Villa Brandolini d'Adda è una villa veneta di Pieve di Soligo, ubicata nella frazione di Solighetto.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La villa fu edificata nel XVIII secolo in posizione panoramica, ai piedi dei colli di Pieve di Soligo, come dimora di un ramo dei Brandolini, nobile famiglia veneta di antiche origini forlivesi.

Attualmente villa Brandolini, completamente restaurata e restituitole l'antico splendore, è prestigioso luogo di eventi ed esposizioni, tra cui si ricordano la retrospettiva dedicata al pittore Angelo Lorenzon (1981) e il progetto Oltre il paesaggio (2009); la villa è inoltre sede di un museo dedicato al soprano Toti Dal Monte.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

La struttura di villa Brandolini d'Adda è sviluppata in lunghezza nella parte occidentale del piccolo centro di Solighetto, presso la piazza dove sorge la chiesa.

Le monofore rettangolari della facciata asimmetrica ne evidenziano i due livelli più ammezzato; la parte centrale del piano nobile presenta tre finestre con balaustra. Sulla destra l'edificio termina con un'elegante loggia di gusto rinascimentale, aperta da archi a tutto sesto, mentre in alto è percorso da un cornicione dentellato.

Gli annessi della villa sono costituiti da una cappella privata e dalla barchessa adiacente a sinistra del corpo centrale: quest'ultima segue il tradizionale disegno, con i suoi arconi a tutto sesto, sopra i quali c'è una peculiare fila di piccole aperture circolari.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • AA VV, Ville venete: la provincia di Treviso, a.c. di Zucchello, Pratali Maffei, Ulmer, Marsilio editore, 2001.
  • Monicelli, Montagner, Guida alle ville venete, 2000, Demetra editore.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]