Vigor Lamezia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Vigor Lamezia Calcio)
Vigor Lamezia Calcio
Calcio Football pictogram.svg
Biancoverdi, Lametini
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Colori sociali 600px Bianco e Verde (Strisce).png Bianco-Verde
Inno Vigor...Vigor
Dati societari
Città Lamezia Terme
Paese Italia Italia
Confederazione UEFA
Federazione Flag of Italy.svg FIGC
Campionato Lega Pro
Fondazione 1919
Rifondazione 1995
Presidente Italia Claudio Arpaia
Allenatore Italia Alessandro Erra
Stadio Guido D'Ippolito
(5.842 posti)
Sito web www.vigorlamezia.net
Palmarès
Soccerball current event.svg Stagione in corso
Si invita a seguire il modello di voce

La Vigor Lamezia Calcio è una società calcistica italiana con sede nella città di Lamezia Terme. Milita in Lega Pro Girone C, il terzo livello del campionato italiano di calcio e gioca le partite casalinghe allo Stadio Guido D'Ippolito.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Le origini[modifica | modifica wikitesto]

La storia del calcio a Lamezia Terme nell'allora comune di Nicastro, iniziò nel 1908 quando i fratelli Pietro, Antonio ed Alfredo Baccari portarono in città una grossa novità. Fu il gioco del calcio, accolto non molto bene dalla gente che pensava che era da pazzi rincorrere una palla per prenderla a calci. Nel 1919 Pietro Carlo Baccari fondò l'Unione Sportiva Vigor Nicastro che iniziò l'attività locale nel 1920, e vincendo sempre, fu soprannominata il tifone. Venne chiamata Vigor per voler simboleggiare l'incrollabile fede e speranza nel gioco del calcio dei giovani, che la componevano con forza, vigore e coraggio. Pietro Carlo Baccari, pur avendo ricevuto tante amarezze, ha vissuto intensamente la sua vita per la Vigor facendo spesso fronte con propri fondi ad impegni e responsabilità di altri, e contribuendo anche da calciatore. Per lui ogni partita costituiva un impegno supremo che non poteva essere tradito e diceva ai suoi ragazzi: "Bisogna cercare di vincere, perché la sconfitta è un disonore e la Vigor non può percorrere questa strada".

Gli anni venti e trenta[modifica | modifica wikitesto]

Nella stagione 1920-1921 superò la Fortitudo Cosenza con i punteggi di 3-0 e 0-0 e vinse il campionato di Terza Categoria ma non partecipò alle finali per la promozione. Il 20 luglio 1922 batté 3-1 l'Ischia Monteleone. Nel 1923-1924 la Vigor disputò la Terza Divisione, campionato poi vinto dalla Palmese. Nel campionato di Terza Divisione della stagione 1927-1928, esordì il 22 luglio battendo la Paolana 3-0, con autorete di Pisani, gol di Mercuri al 40° e un rigore al 20° del secondo tempo. Successivamente il 29 luglio, la Vigor perse fuori casa con il Dopolavoro Sportivo Cosenza, quindi il 5 agosto vinse in casa con la Catanzarese Scalfaro-Braccini. Alla fine del torneo giunse quinta. Nella stagione 1928-1929 la Vigor vinse il campionato di Terza Divisione ma non partecipò alle finali per la promozione, nel 1929-1930 giunse quarta a due punti dalla vincente Garibaldi Reggio Calabria. Nel 1930-1931 vinse il torneo di Terza Divisione, precedendo Reggina B e Gioiese, ma la stagione successiva non essendo organizzati né un campionato di Seconda Divisione né di Terza, la Vigor dovette rimanere inattiva.

Gli anni quaranta e cinquanta[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1946-1947 la Vigor vinse il campionato di Prima Divisione e toccò l'apice della propria storia conquistando la terza serie. La Serie C 1947-1948 fu diluita in diciotto gironi, che comunque allineò nel girone della Vigor squadre importanti come il Foggia e il Catanzaro, provenienti dalla Serie B, il Foggia Incedit, il Crotone e il Potenza. Nella stagione da sottolineare le vittorie per 1-0 sul Foggia, che poi vinse il campionato, 1-0 al Potenza, 2-0 sull'Incedit e il 3-1 all'Audace con salvezza matematica a una giornata dal termine. La Vigor, non finendo nelle primissime posizioni, dovette abbandonare ugualmente la Serie C per la riforma dei campionati e venne assegnata alla nuova Promozione Interregionale, alla quale partecipò per quattro stagioni consecutive. Successivamente disputò tre campionati di Promozione regionale fino alla promozione in IV Serie.

Gli anni sessanta, settanta e ottanta[modifica | modifica wikitesto]

A cavallo tra gli anni sessanta e settanta i biancoverdi parteciparono a ben dieci campionati di Serie D. Nel 1977-1978 cambiò denominazione in Vigor Lamezia Calcio affinché rappresentasse la nuova città di Lamezia Terme, classificandosi al terzo posto, la Vigor venne promossa nel nuovo campionato di Serie C2, ritornando così dopo trent'anni nei professionisti. Nella stagione 1978-1979, ottenne un quarto posto e sfiorò la promozione in Serie C1, mentre nel campionato 1979-1980 arrivò al penultimo posto e retrocedette in Serie D. Nel 1986-1987 vinse il Campionato Interregionale e si stabilizzò per sette stagioni consecutive in Serie C2. Nella stagione 1987-1988 lottò per la promozione in Serie C1 fallendola per un soffio finendo al terzo posto, da ricordare i confronti con il Palermo, che videro la Vigor vincere in casa 1-0 e pareggiare fuori casa 1-1. Nel 1988-1989 si classificò al nono posto mentre nel 1989-1990, la stagione in cui i dirigenti di un'altra squadra cittadina, l'Adelaide Nicastro, decisero di passare nei ranghi della Vigor Lamezia, si piazzò al sesto posto.

Gli anni novanta[modifica | modifica wikitesto]

Nelle stagioni 1990-1991 e 1991-1992 ottenne due quinti posti, mentre nel 1992-1993 si classificò al decimo posto. Una difficile situazione economica la portò nella stagione 1993-1994, dopo la retrocessione nel Campionato Nazionale Dilettanti con un deludente e inaspettato penultimo posto, al fallimento. Venne rifondata nell'estate del 1995 con la denominazione di Comprensorio Vigor Lamezia, dopo aver acquistato il titolo del Real Catanzaro, in realtà un titolo sportivo proveniente sempre da Lamezia, ovvero dall'Adelaide Nicastro. Quindi nella stagione 1995-1996 la Vigor ripartì dal Campionato Nazionale Dilettanti. Successivamente la nuova società riacquistò il titolo del 1919 per tornare a chiamarsi Vigor Lamezia Calcio.

Gli anni duemila[modifica | modifica wikitesto]

Vigor Lamezia allo stadio San Vito nel 2008-2009

La Vigor ha sfiorato diverse volte la vittoria del campionato, così come nel 2003-2004 quando è superata dal Rende, ma grazie alla vittoria nei play-off contro Milazzo e Modica, è stata ripescata in Serie C2. Da quel momento ha militato per cinque anni consecutivi nella stessa categoria, sfiorando la Serie C1 nella stagione 2007-2008, essendo eliminata in semifinale play-off dal Real Marcianise, fino alla stagione 2008-2009 in cui è retrocessa in Serie D. Nella stagione 2009-2010 si classifica al quarto posto in Serie D, vince i play-off e viene ripescata nel campionato di Lega Pro Seconda Divisione, tornando prontamente nel calcio professionistico.

Gli anni duemiladieci[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2010-2011 si piazza al decimo posto e mantiene la categoria, mentre nel 2011-2012 lotta per la promozione diretta piazzandosi al terzo posto, ma viene eliminata in semifinale play-off dalla Paganese. Nel campionato 2012-2013 la squadra lotta per non retrocedere fino all'ultima giornata, quando, grazie al pareggio interno per 0-0 contro L'Aquila, riesce ad evitare i play-out. In questo campionato, ha il peggior attacco con soli 26 gol fatti, tuttavia la squadra può fregiarsi di un primato positivo, con appena 24 reti incassate è stata la difesa meno battuta d'Italia, assieme a quella della Juventus scudettata.

Nella stagione 2013-2014 a seguito della riforma dei campionati organizzati dalla Lega Pro, e grazie all'ottavo posto conseguito in classifica, la società biancoverde acquisisce il diritto di partecipare al nuovo campionato di Lega Pro. Quindi per la seconda volta nella propria storia raggiunge il terzo livello del campionato italiano di calcio.

Cronistoria[modifica | modifica wikitesto]

Cronistoria della Vigor Lamezia Calcio
  • 1919 - Fondazione dell'Unione Sportiva Vigor Nicastro.

  • 1920-1921 - 1ª in Terza Categoria; non partecipa alle finali per la promozione.
  • 1921-1922 - ?
  • 1922-1923 - ?
  • 1923-1924 - ? in Terza Divisione.
  • 1924-1925 - ?
  • 1925-1926 - ?
  • 1926-1927 - ?
  • 1927-1928 - 5ª nel girone calabro-lucano di Terza Divisione.
  • 1928-1929 - 1ª nel girone catanzarese della Terza Divisione; non partecipa alle finali per la promozione.
  • 1929-1930 - 4ª nel girone calabro-lucano di Terza Divisione.

  • 1930-1931 - 1ª nel girone unico di Terza Divisione.
  • 1931-1932 - I campionati di Seconda Divisione e Terza non vengono organizzati.
  • 1932-1933 - ?
  • 1933-1934 - ?
  • 1934-1935 - ?
  • 1935-1936 - ?
  • 1936-1937 - ?
  • 1937-1938 - ?
  • 1938-1939 - ? nel girone unico di Prima Divisione.
  • 1939-1940 - ?

  • 1940-1941 - ?
  • 1941-1942 - ?
  • 1942-1943 - ?
  • 1943-1945 - Campionati sospesi per cause belliche.
  • 1945-1946 - ? nel girone B di Prima Divisione.
  • 1946-1947 - 1ª nel girone unico di Prima Divisione. Ammessa in Serie C.
  • 1947-1948 - 9ª nel girone S della Serie C. Retrocessa in Promozione Interregionale.
  • 1948-1949 - 9ª nel girone M di Promozione.
  • 1949-1950 - 8ª nel girone O di Promozione.

  • 1950-1951 - 10ª nel girone O di Promozione.
  • 1951-1952 - 16ª nel girone M di Promozione. Retrocessa in Promozione Calabria.
  • 1952-1953 - ? nel girone unico di Promozione.
  • 1953-1954 - ? nel girone unico di Promozione.
  • 1954-1955 - 1ª nel girone unico di Promozione. Promossa in IV Serie.
  • 1955-1956 - 14ª nel girone H di IV Serie.
  • 1956-1957 - 15ª nel girone H di IV Serie.
  • 1957-1958 - 3ª nel girone H del Campionato Interregionale - Seconda Categoria.
  • 1958-1959 - 16ª nel girone H del Campionato Interregionale. Retrocessa in Prima Categoria Calabria.
  • 1959-1960 - 3ª nel girone unico di Prima Categoria.

  • 1960-1961 - 3ª nel girone unico di Prima Categoria.
  • 1961-1962 - 1ª nel girone A di Prima Categoria; vince lo spareggio contro la vincente del Girone B, Pro Pellaro. Promossa in Serie D.
  • 1962-1963 - 15ª nel girone F di Serie D.
  • 1963-1964 - 7ª nel girone F di Serie D.
  • 1964-1965 - 16ª nel girone F di Serie D. Retrocessa in Prima Categoria Calabria.
  • 1965-1966 - 1ª nel girone A di Prima Categoria; vince lo spareggio contro la vincente del girone B, Polistena. Promossa in Serie D.
  • 1966-1967 - 12ª nel girone F di Serie D.
  • 1967-1968 - 7ª nel girone I di Serie D.
  • 1968-1969 - 6ª nel girone G di Serie D.
  • 1969-1970 - 11ª nel girone I di Serie D.

  • 1970-1971 - 7ª nel girone G di Serie D.
  • 1971-1972 - 15ª nel girone G di Serie D.
  • 1972-1973 - 16ª nel girone I di Serie D. Retrocessa in Promozione Calabria.
  • 1973-1974 - 10ª nel girone unico di Promozione.
  • 1974-1975 - 10ª nel girone unico di Promozione.
  • 1975-1976 - 5ª nel girone unico di Promozione.
  • 1976-1977 - 1ª nel girone unico di Promozione. Promossa in Serie D.
  • 1977 - Cambia denominazione in Vigor Lamezia Calcio.
  • 1977-1978 - 3ª nel girone I di Serie D. Promossa in Serie C2.
  • 1978-1979 - 4ª nel girone D di Serie C2.
Sedicesimi di finale di Coppa Italia Semiprofessionisti.
  • 1979-1980 - 17ª nel girone D di Serie C2. Retrocessa in Serie D.
Fase a gironi di Coppa Italia Semiprofessionisti.

  • 1980-1981 - 13ª nel girone F di Serie D.
  • 1981-1982 - 14ª nel girone I del Campionato Interregionale. Retrocessa in Promozione Calabria.
  • 1982-1983 - 2ª nel girone unico di Promozione; si classifica in seconda posizione dopo gli spareggi per il primo posto contro le pari merito Siderno e Morrone. Promossa nel Campionato Interregionale.
  • 1983-1984 - 6ª nel girone I del Campionato Interregionale.
  • 1984-1985 - 2ª nel girone L del Campionato Interregionale.
  • 1985-1986 - 2ª nel girone I del Campionato Interregionale.
  • 1986-1987 - 1ª nel girone I del Campionato Interregionale. Promossa in Serie C2.
  • 1987-1988 - 3ª nel girone D di Serie C2.
Fase a gironi di Coppa Italia Serie C.
Fase a gironi di Coppa Italia Serie C.
 ? di Coppa Italia Serie C.

Sedicesimi di finale di Coppa Italia Serie C.
Fase a gironi di Coppa Italia Serie C.
Primo turno di Coppa Italia Serie C.
  • 1993-1994 - 17ª nel girone C di Serie C2. Retrocessa nel Campionato Nazionale Dilettanti; riparte la stagione successiva dalla Promozione Calabria.
Fase a gironi di Coppa Italia Serie C.
Trentaduesimi di finale di Coppa Italia Dilettanti (Fase C.N.D.).
 ? di Coppa Italia Dilettanti (Fase C.N.D.).
Quarti di finale di Coppa Italia Dilettanti (Fase C.N.D.).
Fase a gironi di Coppa Italia Dilettanti (Fase C.N.D.).
Trentaduesimi di finale di Coppa Italia Serie D.

Sedicesimi di finale di Coppa Italia Serie D.
Trentaduesimi di finale di Coppa Italia Serie D.
  • 2002-2003 - 2ª nel girone I di Serie D; perde i play-off per peggior differenza reti nei confronti di Vittoria e Siracusa.
Trentaduesimi di finale di Coppa Italia Serie D.
Secondo turno di Coppa Italia Serie D.
Fase a gironi di Coppa Italia Serie C.
Sedicesimi di finale di Coppa Italia Serie C.
Fase a gironi di Coppa Italia Serie C.
Fase a gironi di Coppa Italia Serie C.
  • 2008-2009 - 18ª nel girone C di Lega Pro Seconda Divisione. Retrocessa in Serie D.
Fase a gironi di Coppa Italia Lega Pro.
Turno preliminare di Coppa Italia Serie D.

  • 2010-2011 - 10ª nel girone C di Lega Pro Seconda Divisione.
Fase a gironi di Coppa Italia Lega Pro.
  • 2011-2012 - 3ª nel girone B di Lega Pro Seconda Divisione; eliminata in semifinale play-off dalla Paganese.
Fase a gironi di Coppa Italia Lega Pro.
  • 2012-2013 - 13ª nel girone B di Lega Pro Seconda Divisione.
Primo turno di Coppa Italia Lega Pro.
Fase a gironi di Coppa Italia Lega Pro.
Fase a gironi di Coppa Italia Lega Pro.

Colori e simboli[modifica | modifica wikitesto]

Colori[modifica | modifica wikitesto]

La prima divisa della Vigor era composta da una maglia bianca con una larga striscia verde sul petto e pantaloncini bianchi. Il bianco voleva sottolineare la massima lealtà che animava i giocatori, il verde per significare la speranza di far sempre meglio e conquistare vette sempre più alte. L'emblema della Vigor era formato dallo scudo in campo verde con la scritta Vigor in oro in una fascia bianca in alto e fascia tricolore in basso.

L'attuale maglia della Vigor Lamezia è composta da classiche strisce verticali di colore bianco e verde.

Simboli ufficiali[modifica | modifica wikitesto]

Stemma[modifica | modifica wikitesto]

La torre stilizzata che campeggia nel logo della Vigor Lamezia è il bastione di Malta, il quale, essendo un vero e proprio simbolo monumentale cittadino, si trova anche nello stemma comunale di Lamezia Terme.

Inno[modifica | modifica wikitesto]

L'inno della Vigor Lamezia è nato negli anni ottanta e s'intitola Vigor...Vigor.

Strutture[modifica | modifica wikitesto]

Stadio[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Stadio Guido D'Ippolito.

La Vigor Lamezia gioca le partite casalinghe allo stadio Guido D'Ippolito, impianto capace di ospitare circa 6.000 spettatori.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Organigramma societario[modifica | modifica wikitesto]

Staff dell'area amministrativa
  • Italia Claudio Arpaia - Presidente
  • Italia Franco Perri - Vicepresidente
  • Italia Gianni Torcasio - Vicepresidente
  • Italia Giancarlo Butera - Vicepresidente
  • Italia Lucio Cirifalco - Amministratore delegato
  • Italia Enzo Augello - Consigliere
  • Italia Antonio Gaetano - Consigliere
  • Italia Nicola Vaccaro - Segretario generale
  • Italia Vanessa Paola - Addetto stampa

[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia degli sponsor tecnici
Cronologia degli sponsor ufficiali
  • 1980-1987 ...
  • 1988-1990 Centergros
  • 1992-1993 Ecosistem
  • 2002-2003 Vitalesud
  • 2006-2007 Punto Bet
  • 2007-2008 Centro Commerciale Due Mari
  • 2008-2010 EracleSofà
  • 2010-2012 Ecosistem
  • 2012-2014 Carrefour Market
  • 2014-oggi Ungaro[1]


Impegno nel sociale[modifica | modifica wikitesto]

La Vigor Lamezia, durante la stagione 2013-2014, ha preso parte al Progetto di Solidarietà "INSIEME POSSIAMO"[2] promosso dal Centro Commerciale Due Mari e dall'Associazione UNITALSI di Lamezia Terme, con il patrocinio della Regione Calabria, la Provincia e Comune di Catanzaro, Comune di Lamezia Terme, Comuni dell'Unione Monte Contessa (Comune di Curinga, Maida, San Pietro a Maida, Cortale e Jacurso), Comune di Feroleto Antico, Comune di Sersale e dell'Azienda Sanitaria Provinciale di Catanzaro.

L'iniziativa ha come obiettivo quello di raccogliere trentamila euro per dotare il reparto di pediatria dell'ospedale di Lamezia Terme, di una sala di terapia semi-intensiva.

Allenatori e presidenti[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Categoria:Allenatori della Vigor Lamezia Calcio.
Allenatori
Presidenti
  • 1920-? Italia Pietro Carlo Baccari
  •  ?-1962 ...
  • 1962-1971 Italia Marcello Anastasio Pugliese
  • 1971-1972 Italia Mario Pugliano Pro tempore, poi Italia Carlo Alberto Gatto Commissario straordinario
  • 1972-1973 Italia Carlo Alberto Gatto
  • 1973-1974 Italia Carlo Alberto Gatto, poi Italia Celano
  • 1974-1978 Italia Giuseppe Dattilo
  • 1978-1983 Italia Ermanno Guzzi
  • 1983-1985 Italia Diego Menniti
  • 1985-1986 Italia Diego Menniti[9], poi Italia Giovanbattista Ventura
  • 1986-1989 Italia Giovanbattista Ventura
  • 1989-1992 Italia Michele Amatruda
  • 1992-1993 Italia Giuseppe Mazzei
  • 1993-1995 Italia Enzo Saladino
  • 1995-2000 Italia Antonio Cantafio e Italia Antonio Gaetano
  • 2000-2001 Italia Antonio Cantafio[10], poi Italia Fabrizio Maglia Pro tempore
  • 2001-2005 Italia Alfredo Mercuri
  • 2005-2006 Italia Antonio Cantafio ed Italia Ermanno Guzzi
  • 2006-2009 Italia Antonello Bevilacqua
  • 2009-2013 Italia Paolo Mascaro
  • 2013-oggi Italia Claudio Arpaia


Giocatori[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Categoria:Calciatori della Vigor Lamezia Calcio.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

1986-1987 (Gir. I)

Altri piazzamenti[modifica | modifica wikitesto]

terzo posto: 1987-1988 (Gir. D)
terzo posto: 2011-2012 (Gir. B)[11]
secondo posto: 1984-1985 (Gir. L), 1985-1986 (Gir. I)
terzo posto: 1999-2000 (Gir. I)
secondo posto: 2001-2002 (Gir. I), 2002-2003 (Gir. I)[12], 2003-2004 (Gir. I)[13]
terzo posto: 1977-1978 (Gir. I)

Statistiche e record[modifica | modifica wikitesto]

Partecipazione ai campionati[modifica | modifica wikitesto]

Livello Categoria Partecipazioni Debutto Ultima stagione Totale
Serie C 1 1947-1948 2
Lega Pro 1 2014-2015
Promozione 4 1948-1949 1951-1952 37
IV Serie 2 1955-1956 1956-1957
Campionato Interregionale 2 1957-1958 1958-1959
Serie D 11 1962-1963 1977-1978
Serie C2 13 1978-1979 2007-2008
Lega Pro Seconda Divisione 5 2008-2009 2013-2014
Campionato Interregionale 5 1981-1982 1986-1987 16
Campionato Nazionale Dilettanti 5 1995-1996 1999-2000
Serie D 6 1980-1981 2009-2010

Partecipazione ai campionati regionali[modifica | modifica wikitesto]

Livello Categoria Partecipazioni Debutto Ultima stagione Totale
Prima Divisione 3 1938-1939 1946-1947 15
Promozione 8 1952-1953 1982-1983
Prima Categoria 4 1959-1960 1965-1966
Terza Categoria 1 1920-1921 7
Terza Divisione 5 1923-1924 1930-1931
Promozione 1 1994-1995

Statistiche di squadra[modifica | modifica wikitesto]

  • Miglior tradizione: 16 vittorie e 4 sconfitte con il Castrovillari;
  • Vittoria record: 1961-1962 - Prima Categoria 13-1 al Pro Cosenza;
  • Vittoria record esterna: 1957-1958 - IV Serie 7-0 alla Taurianovese;
  • Miglior differenza partite vinte/perse in una stagione: +20 nelle stagioni 1954-1955 - Promozione, 1965-1966 - Prima Categoria e 1986-1987 - Campionato Interregionale;
  • Maggior numero di punti in una stagione: 2011-2012 - Lega Pro Seconda Divisione 80 su 120;
  • Miglior media punti in una stagione: 2002-2003 - Serie D 2,20 a partita;
  • Maggior numero di vittorie in una stagione: 2011-2012 - Lega Pro Seconda Divisione 23 su 40;
  • Maggior numero di vittorie consecutive in una stagione: 1986-1987 - Campionato Interregionale 10 vittorie consecutive nelle ultime 10 partite, 1965-1966 - Prima Categoria 10 vittorie consecutive di cui una a tavolino;
  • Maggior numero di vittorie casalinghe in una stagione: 2011-2012 - Lega Pro Seconda Divisione 16 su 20;
  • Maggior numero di vittorie casalinghe consecutive in una stagione: 1976-1977 - Promozione 15 su 15;
  • Miglior calcio d'Europa: la squadra biancoverde risulta essere la prima davanti all'Olympique Lyonnais e all'Arsenal, nella top ten 2007 stilata dal computer per il quotidiano l'Unità, in base al programma "ML calcio". In pratica il computer ha messo insieme la qualità e la quantità di gioco espressa dalle squadre di Serie A, B, C1, C2, Bundesliga, Primera División, Ligue 1, Premier League e altri. Di ogni formazione sono state setacciate e convertite in numeri, attraverso i video di tutte le partite e le varie fasi di gioco. Appartenendo a campionati differenti, nel calcolatore sono stati inseriti dei parametri per annullare il divario, che ovviamente separa i vari tornei.

Tifoseria[modifica | modifica wikitesto]

Gemellaggi e rivalità[modifica | modifica wikitesto]

La tifoseria della Vigor Lamezia è gemellata con quelle della Paolana, del Milazzo e del Genoa. Inoltre intrattiene amicizie con il Catania, la Fidelis Andria, la Juve Stabia e il Napoli.

Le rivalità più accese sono quelle con il Catanzaro, il Crotone e la Vibonese. Altre rivalità sono con il Cosenza, la Reggina, la Battipagliese e l'Igea Virtus.

Organico[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Vigor Lamezia Calcio 2014-2015.

Rosa[14] e staff tecnico[15] dal sito ufficiale della Vigor Lamezia.

Rosa[modifica | modifica wikitesto]

N. Ruolo Giocatore
Italia P Francesco Forte
Italia P Alessandro Piacenti
Italia P Antonio Mercuri
Italia D Alessandro Pirelli
Italia D Cristiano Spirito
Italia D Emanuele Malerba
Italia D Fabrizio Di Bella
Italia D Filippo Gattari (capitano)
Italia D Francesco Di Marco
Italia D Francesco Rapisarda
Croazia D Petar Juzvisen Kostadinović
Italia C Antonio Maglia
N. Ruolo Giocatore
Italia C Salvatore Papa
Italia C Fabio Scarsella
Italia C Gabriele Puccio
Italia C Simone Battaglia
Italia C Stefano Rossini
Italia A Antonio Montella
Italia A Francesco Umbaca
Italia A Orlando Held
Italia A Riccardo Tropea
Italia A Stefano Del Sante
Italia A Umberto Improta
Italia A Giovanbattista Catalano

Staff tecnico[modifica | modifica wikitesto]

Staff dell'area tecnica
  • Italia Fabrizio Maglia - Direttore sportivo
  • Italia Antonio Mercuri - Team manager
  • Italia Francesco Maglia - Responsabile della gestione sportiva
  • Italia Alessandro Erra - Allenatore
  • Italia Giuseppe Saladino - Allenatore in seconda
  • Italia Salvatore D'Andrea - Preparatore atletico
  • Italia Gianluca Caravella - Preparatore dei portieri
  • Italia Ippolito Bonofiglio - Responsabile sanitario
  • Italia Luigi Novello - Responsabile protocollo recupero infortuni
  • Italia Aldo Mercuri - Riabilitatore
  • Italia Fabio Bianco - Massaggiatore

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Sponsor, http://www.vigorlamezia.net.
  2. ^ INSIEME POSSIAMO: CI SARÀ ANCHE LA VIGOR LAMEZIA., http://www.vigorlamezia.net.
  3. ^ Essendo sprovvisto del patentino di allenatore fu coadiuvato da Lillino Galeno
  4. ^ Almanacco illustrato del calcio 1980, edizioni Panini, pag. 335
  5. ^ Fino alla 13ª giornata
  6. ^ Fino alla 12ª giornata
  7. ^ Fino alla 9ª giornata
  8. ^ Ufficiale: Erra è il nuovo tecnico. URL consultato il 31 maggio 2014.
  9. ^ Morì l'8 ottobre 1985
  10. ^ Fino alla 10ª giornata
  11. ^ Viene eliminata in semifinale play-off
  12. ^ Perde i play off.
  13. ^ Vince i play-off
  14. ^ Rosa 2014-2015
  15. ^ Staff tecnico 2014-2015

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Storicittà - Rivista d'altri tempi mensile ed. Randolfo Calfa fino al 2006 ora Massimo Iannicelli editore, numeri: speciale luglio-agosto 1996, marzo 2002, luglio-agosto 2002, novembre 2004, gennaio-febbraio 2005.
  • Sul campo tra gli ulivi - Una storia biancoverde di Adriano Macchione, ed. Città del Sole, marzo 2003.
  • www.vlc1919.it, articolo di Giuseppe Zangari del 14/9/05.
  • La gloriosa US Palmese di Bruno Zappone, ed. Taurografiche Srl, gennaio 2006.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]