Vignetta umoristica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

1leftarrow blue.svgVoce principale: Vignetta.

Cartoon, No. 1 di John Leech, Substance and Shadow (1843), sul Punch, di carattere satirico

La vignetta umoristica, chiamata anche semplicemente vignetta, è un riquadro che si trova in un libro (in particolare all'inizio o alla fine di un capitolo), in una rivista, in un almanacco; un'illustrazione che rappresenta una scenetta al cui interno si trovano uno o più personaggi con le loro battute in genere brevi e fulminanti.[1] Viene messa a punto dal vignettista.

A differenza delle vignette (o scene) destinate al fumetto, non sempre compaiono le nuvolette e le battute possono essere scritte anche come didascalia.

La vignetta umoristica può essere di carattere satirico o politico. Spesso si ha anche l'uso della caricatura.

La storia della vignetta politica in particolare è ormai ultrasecolare e ha annoverato anche autori assunti a notevole fama.

In questo ambito specifico, tra gli italiani più celebri si ricordano: Giorgio Forattini, Emilio Giannelli, Francesco Tullio Altan, Angese, Massimo Bucchi, Renato Calligaro, Vauro Senesi, Mauro Biani e altri.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Salvatore Battaglia (a cura di), Grande dizionario della lingua italiana (JPG), 21: TOI-Z, Torino, UTET, 2002, p. 865, ISBN 88-02-05983-7. URL consultato il 9 luglio 2022.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]