Videotoracoscopia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni qui riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. Questa voce ha solo scopo illustrativo e non sostituisce il parere di un medico: leggi le avvertenze.
Esculaap4.svg Videotoracoscopia Esculaap4.svg
Procedura chirurgica VATS 04.jpg VATS 10.jpg
Tipo toracica
Anestesia locale o generale
Indicazioni

La videotorascopia o VATS, dall'acronimo inglese Video-assisted thoracoscopic surgery, è un tipo di intervento chirurgico e tecnica diagnostica mini-invasiva avanzanta nata dalla tecnica diagnostica toracoscopia. Grazie ad essa è possibile anche l'esecuzione di biopsie.

Indicazioni[modifica | modifica sorgente]

Viene utilizzato in caso di:

Procedimento[modifica | modifica sorgente]

Dopo aver eseguito anestesia generale o locale (la seconda rende l'operazione più complicata), si deve posizionare il paziente in decubito laterale, dove l'arto superiore omolaterale e il gomito risultano flessi (il gomito a 90°). Si procede quindi ad un accesso transtoracico (al massimo 3, se si mostrano difficoltà di intervento) di dimensioni dai 12 ai 20 mm.[2]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Trattato di chirurgia oncologica, p. 20.10 Francesco Mazzeo, Pietro Forestieri. Piccin, 2003. ISBN 9788829916542
  2. ^ Chirurgia Toracica Videoassistita, p. 70. Corrado Lavini, Ciro Ruggiero, Uliano Morandi. Springer, 2006. ISBN 9788847005211

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Renzo Dionigi, Chirurgia basi teoriche e Chirurgia generale, Milano, Elsevier-Masson, 2006. ISBN 978-88-214-2912-5.
medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina