Videmiro il Vecchio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Videmiro
Re degli Ostrogoti
In carica 451
Predecessore Valandario
Successore Videmiro il Giovane
Nascita Pannonia
Morte 473
Dinastia Amali
Padre Valandario
Figli Videmiro il Giovane
Religione Arianesimo

Videmiro, detto il Vecchio, per distinguerlo dal figlio (in latino: Vidimir o Vidimer; Pannonia, ... – 473), è stato re degli Ostrogoti dal 451 fino alla morte.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Appartenente alla dinastia degli Amali, regnò sugli Ostrogoti assieme ai fratelli Valamiro e Teodemiro a partire dal 451. Dopo la morte del fratello Valamiro, a Videmiro fu dato il comando degli Ostrogoti della Slavonia superiore, mentre a Teodomiro e al giovane figlio Teodorico fu affidata la parte orientale del regno.

Tra il 459 e il 461-462, Videmiro combatté contro i bizantini a causa del mancato pagamento della sovvenzione annuale per i Goti. Verso 469 combatté al fianco di Teodomiro nella battaglia di Bolia, che portò alla sconfitta dell'esercito bizantino, anche se per Hyun Jin Kim è possibile che gli Ostrogoti abbiano perso quella battaglia.

Il mantenimento delle posizioni raggiunte dagli Ostrogoti li costringeva a un continuo stato di belligeranza con i popoli vicini, che a sua volta era causa di un continuo impoverimento delle terre: come riporta Giordane

«I Goti non avevano né di che vestirsi, né di che mangiare»

Per questo motivo, mentre Teodomiro con la maggior parte del popolo e il giovane Teodorico, si diresse verso Oriente, dove riuscì a farsi assegnare lo stanziamento nella Mesia inferiore, Videmiro decise di marciare verso l'Italia, dove Glicerio era appena diventato imperatore. Come riporta Giordane, Glicerio gli inviò numerosi presenti e lo avvisò che i territori che voleva occupare erano già stati occupati dai Visigoti e lo invitava a marciare verso la Gallia.

Videmiro morì poco dopo, lasciando la spedizione sotto il comando del figlio. Molto probabilmente, arrivati in Gallia questi Ostrogoti si unirono ai Visigoti, che erano già stabiliti in quella provincia.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Hyun Jin Kim, The Huns, Rome and the Birth of Europe, Cambridge, Cambridge University Press, 2013, ISBN 1-107-06722-7.
  • J. R. Martindale, Arnold Hugh Martin Jones e John Morris, The prosopography of the later Roman Empire - Volume 2. A. D. 395 - 527, Cambridge e New York, Cambridge University Press, 1980.
  • Herwig Wolfram, History of the Goths, Berkeley, Los Angeles e Londra, University of California Press, 1990, ISBN 978-0-520-06983-1.