Vicosoprano (Bregaglia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Vicosoprano
frazione
Vicosoprano – Stemma
Vicosoprano – Veduta
Localizzazione
StatoSvizzera Svizzera
CantoneWappen Graubünden matt.svg Grigioni
RegioneMaloja
ComuneBregaglia
Territorio
Coordinate46°21′10″N 9°37′20″E / 46.352778°N 9.622222°E46.352778; 9.622222 (Vicosoprano)Coordinate: 46°21′10″N 9°37′20″E / 46.352778°N 9.622222°E46.352778; 9.622222 (Vicosoprano)
Altitudine1 067 m s.l.m.
Superficie5 400 km²
Abitanti445 (2010)
Densità0,08 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale7603
Prefisso081
Fuso orarioUTC+1
TargaGR
Cartografia
Mappa di localizzazione: Svizzera
Vicosoprano
Vicosoprano

Vicosoprano è una frazione di 445 abitanti del comune svizzero di Bregaglia, nella regione Maloja (Canton Grigioni).

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Vicosoprano è situato in Val Bregaglia, sulla sponda sinistra della Maira; dista 19 km da Chiavenna, 30 km da Sankt Moritz e 96 km da Coira. Il punto più elevato del territorio è la Cima di Castello (3 388 m), che segna il confine con Stampa e Val Masino.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il territorio del comune di Vicosoprano prima degli accorpamenti comunali del 2010

Fino al 31 dicembre 2009 è stato un comune autonomo che si estendeva per 54,00 km²; nel 1971 aveva inglobato il comune soppresso di Casaccia. Il 1º gennaio 2010 Vicosoprano è stato accorpato agli altri comuni soppressi di Bondo, Castasegna, Soglio e Stampa per formare il nuovo comune di Bregaglia.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Lingue e dialetti[modifica | modifica wikitesto]

% Ripartizione linguistica (gruppi principali)
Fonte: [Ritratti comunali dell'Ufficio federale di statistica 2000[senza fonte]]
12,8% madrelingua tedesca
80,7% madrelingua italiana
4,2% madrelingua romancia

Religione[modifica | modifica wikitesto]

La comunità è a maggioranza protestante.

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Le stazioni ferroviarie più vicine sono quelle di Chiavenna, in Italia, e di Sankt Moritz.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Renato Stampa, Storia della Bregaglia, 1963, (19742), Tipografia Menghini, Poschiavo (19913)
  • AA. VV., Guida d'arte della Svizzera italiana, Edizioni Casagrande, Bellinzona 2007, 535-536
  • AA. VV., Storia dei Grigioni, 3 volumi, Collana «Storia dei Grigioni», Edizioni Casagrande, Bellinzona 2000

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN160185526 · GND (DE1068780878
Svizzera Portale Svizzera: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Svizzera