Vichai Srivaddhanaprabha

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Vichai Srivaddhanaprabha

Vichai Srivaddhanaprabha (วิชัย ศรีวัฒนประภา), nato Vichai Raksriaksorn (วิชัย รักศรีอักษร; Bangkok, 4 aprile 1958[1] oppure 5 giugno 1958[2]Leicester, 27 ottobre 2018[3]) è stato un imprenditore e dirigente sportivo thailandese.

Fondatore e proprietario dell'azienda King Power Group, fu presidente del Leicester City dal 2011 sino alla morte.[4][5] Era inoltre a capo, dal 2017, di un'altra società calcistica, il belga Oud-Heverlee Leuven.[6][4]

Nominato ambasciatore della Thailandia, era, secondo la rivista Forbes, il quinto uomo più ricco del paese nonché il 388º al mondo al momento della morte.[7] Il suo patrimonio stimato era di 5,2 miliardi di dollari (circa 4,3 miliardi di euro).[7][8]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nacque da una famiglia di origine cinese, con il cognome Raksriaksorn.[9] Fondò l'azienda King Power, società di duty-free il cui primo negozio fu aperto nel 1989 in Thailandia.[4][10] Sposato con Aimon, ebbe 4 figli: Voramas, Apichet, Arunroong e Aiyawatt.[4] Il cognome nativo fu poi mutato in Srivaddhanaprabha (traducibile in italiano come «luce di gloria progressiva»[4][10]) da un'onorificenza, concessa dal re locale Bhumibol Adulyadej.[11]

Nel 2010 acquistò il Leicester, con il figlio Aiyawatt che divenne vicepresidente[4]; Apichet assunse, invece, la carica di direttore esecutivo.[4][11] A livello sportivo, le Foxes raggiunsero la promozione in Premier League nel 2014 e l'anno seguente pervennero alla salvezza.[11] Nell'estate 2015, dopo l'esonero di Nigel Pearson, ingaggiò l'italiano Claudio Ranieri[12]; il 2 maggio 2016, la squadra vinse contro ogni pronostico il titolo nazionale.[4] L'anno successivo esordì invece in Champions League, arrivando fino ai quarti.[4] A maggio 2017 acquistò un'altra società, l'Oud-Heverlee Leuven, iscritta alla seconda divisione belga.[6]

La morte[modifica | modifica wikitesto]

Perde la vita il 27 ottobre 2018, quando l'elicottero su cui si trovava (decollato dal King Power Stadium dopo la partita del Leicester con il West Ham) si schianta fuori dall'impianto andando successivamente a fuoco.[13][14] L'ufficialità della morte viene comunicata dal club il giorno seguente.[3] Assieme a lui muoiono anche le altre 4 persone presenti sul mezzo: il pilota Eric Swaffer, la sua compagna Izabela Roza Lechowicz (anche lei pilota), i membri del suo staff: Kaveporn Punpare e Nusara Suknamai (ex reginetta di bellezza thailandese, seconda al concorso di Miss Universo nel 2005).[3][15]

In segno di lutto per la sua scomparsa, la partita di Coppa di Lega contro il Southampton (prevista per il 30 ottobre) viene rinviata.[16][15] Il primo funerale, celebrato con rito buddista, si svolge il 3 novembre in un tempio della capitale.[17]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Peter Mason, Vichai Srivaddhanaprabha obituary, in The Guardian, 29 ottobre 2018. URL consultato il 25 novembre 2018.
    «Vichai Srivaddhanaprabha, businessman and football executive, born 4 April 1958; died 27 October 2018».
  2. ^ (EN) Appointment of director - Leicester City Football Club Limited (PDF), su companieshouse.gov.uk, Companies House, 11 dicembre 2010, p. 1. URL consultato il 25 novembre 2018.
    «Date of birth: 05 06 1958».
  3. ^ a b c Il Leicester City: "Srivaddhanaprabha è morto". Le vittime sono cinque, in La Gazzetta dello Sport, 28 ottobre 2018. URL consultato il 25 novembre 2018.
  4. ^ a b c d e f g h i Chi era Vichai Srivaddhanaprabha, il proprietario del Leicester City, su goal.com, 29 ottobre 2018. URL consultato il 25 novembre 2018.
  5. ^ (EN) Vichai Raksriaksorn named Leicester City chairman, in BBC News, 10 febbraio 2011. URL consultato il 25 novembre 2018.
  6. ^ a b (EN) Sam Wallace, Leicester City owner buys Belgian club OH Leuven, in The Daily Telegraph, 16 maggio 2017. URL consultato il 25 novembre 2018.
  7. ^ a b (EN) #5 Vichai Srivaddhanaprabha, su forbes.com, Forbes. URL consultato il 25 novembre 2018 (archiviato il 31 ottobre 2018).
    «On forbes lists: #5 Thailand's 50 Richest 2018 - #388 Billionaires 2018».
  8. ^ (EN) Robert Olsen, Thai Billionaire Owner Of Leicester City Dies In Helicopter Crash After Premier League Match, su forbes.com, Forbes, 29 ottobre 2018. URL consultato il 25 novembre 2018.
  9. ^ (EN) Vichai Srivaddhanaprabha: The humble family man who made Leicester's dreams come true, in The Independent, 29 ottobre 2018. URL consultato il 25 novembre 2018.
  10. ^ a b Davide Bighiani, Chi era Vichai Srivaddhanaprabha: il re dei duty free innamorato del Leicester, in Eurosport, 28 ottobre 2018. URL consultato il 25 novembre 2018.
  11. ^ a b c Almanacco illustrato del calcio 2017, Modena, Panini Editore, 2016, p. 9, ISSN 1129-3381 (WC · ACNP).
  12. ^ Leicester, è Claudio Ranieri il nuovo allenatore. Prende il posto di Pearson, in La Gazzetta dello Sport, 13 luglio 2015. URL consultato il 25 novembre 2018.
  13. ^ Leicester, elicottero si schianta: muore il proprietario, in La Gazzetta dello Sport, 27 ottobre 2018. URL consultato il 25 novembre 2018.
  14. ^ Antonello Guerrera, Leicester, cade ed esplode l'elicottero del presidente: "Lui era a bordo", in la Repubblica, 27 ottobre 2018. URL consultato il 25 novembre 2018.
  15. ^ a b Leicester, col presidente morti due del suo staff, il pilota e la compagna, in La Gazzetta dello Sport, 29 ottobre 2018. URL consultato il 25 novembre 2018.
  16. ^ Coppa di Lega, Leicester-Southampton verso il rinvio, in Sport Mediaset, 28 ottobre 2018. URL consultato il 25 novembre 2018.
  17. ^ Cristiano Tassinari, Funerale buddista per il "salvatore" del Leicester, in Euronews, 3 novembre 2018. URL consultato il 25 novembre 2018.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN3972154137640115370007 · GND (DE1170062288 · WorldCat Identities (EN3972154137640115370007