Vib-Ribbon

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Vib-Ribbon
videogioco
Logo di Vib-Ribbon.jpg
Logo originale del videogioco
Titolo originaleビブリボン?
PiattaformaPlayStation, PlayStation Portable, PlayStation 3, PlayStation Vita
Data di pubblicazionePlayStation:
Giappone 12 dicembre 1999
Flag of Europe.svg 1º settembre 2000[1]

PlayStation Network:
Giappone 8 ottobre 2014
Flags of Canada and the United States.svg 7 ottobre 2014
Zona PAL 15 ottobre 2014[2]

GenereMusicale
TemaAstratto
OrigineGiappone
SviluppoNanaOn-Sha
PubblicazioneSony Computer Entertainment
ProduzioneMasaya Matsuura
DesignMasaya Matsuura, Takeru Nakabayashi, Tomihiko Murakami
ProgrammazioneJohn Belmonte, Anthony Carrico, Yuki Takahashi
Direzione artisticaMasatoshi Kikuchi, Nami Sawabe
MusicheMasaya Matsuura, Laugh and Peace
Modalità di giocoGiocatore singolo
Periferiche di inputDualShock
SupportoCD-ROM, download
Distribuzione digitalePlayStation Network
Fascia di etàCERO: A[3] · ESRB: E[4] · OFLC (AU): G[5] · PEGI: 3+[6]
Seguito daVib-Ripple

Vib-Ribbon (ビブリボン Bibu Ribon?), è un videogioco musicale sviluppato da NanaOn-Sha per la console PlayStation, il quale venne pubblicato da Sony Computer Entertainment il 12 dicembre 1999 in Giappone ed il 1º settembre 2000 in Europa. Viene dopo reso disponibile sulla piattaforma di servizio PlayStation Network nell'ottobre 2014, permettendo anche il modo che uscisse per la prima volta in Nord America,[7] dove questo titolo non è mai stato fisicamente commercializzato.

In esso il giocatore è chiamato a condurre un personaggio di nome Vibri, una coniglia stilizzata lungo un percorso a ostacoli rettilineo generato in base al ritmo di un brano. La sua peculiarità consiste nel permettere di scegliere la musica con cui iniziare a giocare, consentendo perfino di utilizzare il contenuto di un CD Audio: infatti si è in grado di introdurre nuovi livelli analizzando le tracce fornite dall'utente.[8][9]

Nel 2003 è uscito Mojib-Ribbon, il primo ed unico spin-off del brand, mentre invece l'anno seguente (2004) il diretto sequel, Vib-Ripple. Entrambi i giochi sono stati pubblicati per PlayStation 2 esclusivamente in Giappone ma, soprattutto quello spin-off, era stato pianificato per la pubblicazione (mai attuata) anche nelle regioni occidentali.[10][11]

Modalità di gioco[modifica | modifica wikitesto]

Uno screenshot del gioco: Vibri sta attraversando la corda, uno degli ostacoli di base.

Lo scopo del gioco è controllare una coniglia stilizzata, Vibri, che si muove in automatico lungo una linea continua bianca (su uno schermo nero) inframmezzata da quattro caratteristiche forme di ostacoli, ovvero ad onda, a buca, a blocco e a corda. Essi vengono generati sulla base ritmica della canzone e richiedono la pressione di tasti differenti per essere superati, ma, in più di un'occasione, due ostacoli possono presentarsi fusi insieme: in questo caso viene richiesto di premere due tasti contemporaneamente per aggirarlo. Mancandone dieci nel superamento Vibri regredisce gradualmente ad una rana,[N 1] quindi ad un verme[N 1] e, subire nove danni quando si è in tale stato porta al game over.[13] Al contrario, evitandone diciotto in successione non solo le si recupera lo stato di rana fino a tornare dopo normale, ma diventa anche Super Vibri (ha un paio di ali e indossa una corona), che garantisce un “bonus” maggiore ai punti guadagnati che perdura finché non si viene schiantati dall'ostacolo. Il punteggio base del gioco è indicato da una roteante fila di sette figure geometriche (in quindici forme diverse), visualizzate sulla parte centrale in alto dello schermo. Al termine della partita, in base alla prestazione data durante lo svolgimento, viene attribuito quello totale che viene poi incluso nella Top 3 dei punteggi massimi di una selezionabile difficoltà, costituita da due round ciascuna tra facile (Bronzo), normale (Argento) e difficile (Oro).

Il giocatore può, infine, usufruire tracce tratte da un CD Audio di qualsiasi genere musicale per introdurre livelli inediti dipendenti dal ritmo, intensità e velocità del brano.[8] Nell'apposito menù può scegliere se affrontarli singolarmente o uno dopo l'altro fino all'ultimo, oppure nella modalità ”Velocità”, dove gli ostacoli arrivano più velocemente ogni volta che le si evitano indenni. In quella “Auto” Vibri non viene controllata e serve solo come allenamento di tipo dimostrativo.

Sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

Il creatore del gioco, Masaya Matsuura.

L'ideatore di Vib-Ribbon è Masaya Matsuura, musicista professionista e autore di tanti altri videogiochi a tema musicale, come ad esempio i primi due lavori PaRappa the Rapper e UmJammer Lammy negli anni novanta.[14][15]

In un'intervista concessa alla rivista Retro Gamer, Matsuura ha rivelato che in origine il gioco era stato concepito come strumento promozionale per la Mercedes-Benz Classe A in Giappone. Sebbene l'idea di evitare ostacoli sincronizzati con il ritmo della musica fosse già presente, il prototipo inizialmente realizzato era ben distante da quello che sarebbe poi stato il prodotto finale: la grafica era pienamente poligonale e la protagonista era una macchinina.[16] Dopo che la casa tedesca abbandonò il progetto per dedicarsi alla risoluzione di alcuni problemi nella progettazione di tale modello di autovettura, Matsuura fu stimolato dal suo team a riprendere e ampliare la demo: determinante fu il contributo di un programmatore, il quale scoprì che i CD Audio potevano essere analizzati dalla RAM della PlayStation sfruttando una falla del sistema, abbattendo così il limitato budget dell'intera produzione.[16]

In un'altra intervista, stavolta per conto di PlayStation Europe (poi riportata ed inclusa in “Press Information August 2000” di una edizione speciale del gioco),[17] sempre Matsuura affermò che Vibri sarebbe nata dalla sua immaginazione di come il mondo digitale sia uguale a quello reale, e che qualsiasi tipo di dato viene decodificato tramite dei programmi. In più rivelò che il suo parlato è riprodotto con una sintesi vocale realizzata dall'azienda giapponese NTT Communications.[18]

Media[modifica | modifica wikitesto]

Colonna sonora[modifica | modifica wikitesto]

Vib-Ripple & Vib-Ribbon Original Soundtrack[19]
raccolta discografica
ArtistaAA.VV.
Pubblicazione7 luglio 2004
Durata39:05
Dischi1
Tracce32
GenereColonna sonora
EtichettaKing Records
FormatiCD

Sono disponibili in tutto sei canzoni per gli appositi round di gioco, composte ed eseguite dal collettivo J-pop Laugh and Peace (accreditato sul sito ufficiale come Laugh and Beats),[8] con la voce della cantante Yōko Fujita. Recentemente sono stati inclusi in un bianco vinile 12″ edito dalla Minimum Records in edizione limitata, dove contiene anche un brano inedito non presente nel titolo originale intitolato “Rainbow”.[N 2][20]

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Musiche di Masaya Matsuura & Laugh and Peace.

  1. Polaroid (テク²Walking / O-Sampo) – 2:37
  2. Sunny Day (Oops!) – 2:32
  3. Laugh & Peace (シッテルゥ? Shitteru~u??) – 2:31
  4. Universal Dance (HOT PLAY) – 2:33
  5. Overflowing Emotions (TRIP OUT!) – 2:44
  6. Roll Along (Going On) – 2:31
  7. Vib-Ribbon Blues (アソビカタ Asobikata?) – 1:41

Durata totale: 17:09

Altro[modifica | modifica wikitesto]

Esiste poi ビブリボン X'masディスク,[21] un raro disco audio a tema natalizio su licenza e marchio ufficiale Vib-Ribbon, il quale è stato distribuito solo in Giappone nel 1999 dalla Tsutaya; l'unica traccia presente è un arrangiamento strumentale locale di “もみの木”, estratto da Symphonic Orgel (シンフォニックオルゴール) - OPUS 4: Christmas Carol.[22]

Solo invece in Europa fu pubblicata la sopracitata edizione speciale in tre CD, nella quale oltre al gioco vero e proprio ve n'era uno audio con il nome di “DJ Cam Loa Project Meets Vib-Ribbon”, dove sono contenute cinque tracce le cui quattro di esse sono estratte da Loa Project, un album in due volumi del DJ francese Laurent Daumail (alias DJ Cam).[17]

Fumetto[modifica | modifica wikitesto]

Il 15 dicembre 2000[23] è stato commercializzato solo in Giappone ビブリホン ビブリと楽しいビブリ語辞典, un libretto narrativo nel formato art book a cura di Masaya Matsuura, edito da Sony Magazines (ソニーマガジンズ) con in allegato degli occhiali 3-D. In esso si racconta di cosa succede ogni giorno nella vita di Vibri. A detta di NanaOn-Sha dà al lettore uno sguardo all'interno della sua mente.[24]

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Valutazioni professionali
Testata Versione Giudizio
GameFan PlayStation 94/100[25]
GameSpot PlayStation 7/10[26]
Hardcore Gamer PS3, PSVITA 3,5/5[9]
Hyper PlayStation 83%[27]
OPM (UK) PlayStation 7/10[28]
TechnologyTell PS3, PSVITA B[13]

TechnologyTell ha apprezzato la grafica minimalista ed il concept del videogioco. La recensitrice ha tuttavia lamentato un certo ritardo nella ricezione degli input dei pulsanti nella versione per PlayStation 3, rispetto a quella per PlayStation Vita.[13]

Nonostante una valutazione complessivamente positiva, il sito Hardcore Gamer ha definito Vib-Ribbon "crudele" se giocato alla difficoltà più alta. Ha inoltre trovato "ridicoli" i livelli generati da CD, evidenziando alcune inconsistenze nella ritmica da alcuni brani rock, pop e rap.[9]

Nel novembre 2012 è stato acquisito dal Museum of Modern Art di New York come notevole esempio di design interattivo e inserito nella sua collezione, insieme ad altri tredici videogiochi tra cui Pac-Man, Tetris e Portal.[29][30]

Nel 2014 il The Guardian lo ha inserito invece nella lista dei 30 migliori videogiochi caduti nel dimenticatoio.[31] Successivamente, sia il sito web di Den of Geek che la rivista GamesTM, inserirono Vib-Ribbon nelle loro personali e apposite liste di videogiochi PlayStation più sottovalutati di tutti i tempi.[32][33]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Annotazioni
  1. ^ a b Questo stadio di rana si chiama Kero Vibri, mentre quella di verme Mushibri.[12]
  2. ^ Composta sempre dai Laugh and Peace, la voce femminile per questa canzone è quella di Kumiko Itō.
Fonti
  1. ^ (EN) VIB RIBBON – (PAL), su The Playstation Datacenter. URL consultato il 14 ottobre 2021.
  2. ^ (EN) Vib-Ribbon sul PlayStation Store, su store.playstation.com. URL consultato il 24 marzo 2016.
  3. ^ (JA) ビブリボン - ソフトウェアカタログ - プレイステーション® オフィシャルサイト, su PlayStation. URL consultato il 1º ottobre 2021.
  4. ^ (EN) Vib Ribbon, su Entertainment Software Rating Board. URL consultato il 1º ottobre 2021.
  5. ^ (EN) Vib Ribbon, su Office of Film and Literature Classification (Australia). URL consultato il 1º ottobre 2021.
  6. ^ (EN) Vib Ribbon, su Pan European Game Information. URL consultato il 1º ottobre 2021.
  7. ^ (EN) Chris Kohler, How Sony's Blunder Revived Vib-Ribbon, a Long-Lost Classic, in Wired, 18 novembre 2014. URL consultato il 16 giugno 2015 (archiviato il 17 giugno 2015).
  8. ^ a b c (EN) Who is Vibri?, su Vibribbon.com. URL consultato il 26 marzo 2016 (archiviato il 9 aprile 2016).
  9. ^ a b c (EN) Marcus Estrada, Review: Vib-Ribbon, su hardcoregamer.com, Hardcore Gamer, 9 ottobre 2014. URL consultato il 24 marzo 2016.
  10. ^ (EN) Douglas C. Perry, GDC 2004: MojibRibbon, su IGN, Ziff Davis, 24 marzo 2004. URL consultato il 10 ottobre 2021.
  11. ^ (EN) Nich Maragos, Mojib-Ribbon preview, su The Gaming Intelligence Agency. URL consultato il 10 ottobre 2021.
  12. ^ (JA) ビブリップル - ソフトウェアカタログ - プレイステーション® オフィシャルサイト, su jp.playstation.com. URL consultato il 23 settembre 2021.
  13. ^ a b c (EN) Jenni Lada, Vib Ribbon Review: Getting the one that got away, su technologytell.com, TechnologyTell, 8 ottobre 2014. URL consultato il 24 marzo 2016.
  14. ^ (JAEN) WORKS - NanaOn-Sha co., ltd., su nanaon-sha.co.jp, NanaOn-Sha co., ltd. (archiviato dall'url originale il 2 aprile 2016).
  15. ^ (EN) Zack Kotzer, You Can Finally Play the Legendary 90s Game That Turns Songs Into Levels, su Motherboard.vice.com, 3 novembre 2014. URL consultato il 24 marzo 2016.
  16. ^ a b (EN) Paul Drury, The Making of... Vib-Ribbon, in Retro Gamer, n. 76, Bournemouth, Imagine Publishing, aprile 2010, pp. 64-67, ISSN 1742-3155 (WC · ACNP).
  17. ^ a b (EN) Vib Ribbon Press Kit - full disc contents!, su Ribbon Black, 2 giugno 2019. URL consultato il 14 maggio 2021.
  18. ^ (EN) VIB RIBBON – Q&A. URL consultato il 1º ottobre 2021.
  19. ^ (EN) vib-ripple & vib-ribbon Original Soundtrack - KICA-1330, su VGMdb. URL consultato il 20 ottobre 2021.
  20. ^ (EN) Marcus Estrada, Vib-Ribbon Soundtrack Coming to Vinyl, su hardcoregamer.com, Hardcore Gamer, 13 maggio 2020. URL consultato il 16 maggio 2021.
  21. ^ (JA) ヤフオク! - 【特典CD付】ビブリボン(Vib-Ribbon PS and X'm..., su page.auctions.yahoo.co.jp. URL consultato il 14 ottobre 2021.
  22. ^ (JA) メルカリ - シンフォニックオルゴールCD3枚セット (¥1,000) 中古や未使用のフリマ, su mercari.com. URL consultato il 23 settembre 2021.
  23. ^ (JA) ビブリホンビブリと楽しいビブリ語辞典, su bookoffonline.co.jp. URL consultato il 20 ottobre 2021.
  24. ^ (JAEN) PRODUCTS - Vib-Rihon (2000), su nanaon-sha.com, NanaOn-Sha co., ltd. (archiviato dall'url originale il 21 dicembre 2001).
  25. ^ (EN) PlayStation Review: Vib-Ribbon, in GameFan, vol. 8, n. 3, marzo 2000, p. 80.
  26. ^ (EN) Vib-Ribbon (Import) Review, su GameSpot, CBS Interactive, Inc., 20 gennaio 2000. URL consultato il 24 marzo 2016.
  27. ^ (EN) R.I.P. PlayStation: The best of 1995-2001, in Hyper, 90 (aprile 2001), Future Australia, 28 febbraio 2001, p. 44-51.
  28. ^ (EN) Dan Meyers, Review:Vib Ribbon, in Official UK PlayStation Magazine, n. 62, Future Publishing, settembre 2000, p. 22. URL consultato il 27 febbraio 2020.
  29. ^ (EN) Vib-Ribbon nella collezione del Museum of Modern Art, su MoMA. URL consultato il 24 marzo 2016.
  30. ^ (EN) Paola Antonelli, Video Games: 14 in the Collection, for Starters, su MoMA, 29 novembre 2012. URL consultato il 24 marzo 2016.
  31. ^ (EN) Keith Stuart, The 30 greatest video games that time forgot, su theguardian.com, The Guardian, 22 gennaio 2014. URL consultato il 24 marzo 2016.
  32. ^ (EN) Aaron Birch e Ryan Lambie, 60 Underrated Playstation One Games - Here are our picks for the top 60 underrated PlayStation One games for the console that changed home gaming as we know it..., su Den of Geek, 20 settembre 2018. URL consultato il 25 aprile 2020.
  33. ^ (EN) Redazione di GamesTM (articolo non firmato), Essentials: 10 underrated PlayStation gems, in GamesTM, n. 155, Imagine Publishing, dicembre 2014, p. 156.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàBNF (FRcb17134222r (data)