Viale Pasubio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Viale Pasubio
Milano-VialePasubio-7lug2012.jpg
Il viale al 7 luglio 2012
Localizzazione
StatoItalia Italia
CittàMilano
CircoscrizioneMunicipio 9
Informazioni generali
Lunghezza350 metri
IntitolazioneAl Pasubio, in memoria della prima guerra mondiale
Collegamenti
Iniziopiazza XXV Aprile
Finepiazzale Baiamonti
Luoghi d'interesseArco di Porta Volta[Mai esistito!!], arco di Porta Garibaldi, cimitero monumentale
Mappa
Mappa di localizzazione: Milano
Viale Pasubio
Viale Pasubio

Coordinate: 45°28′54.57″N 9°11′03.85″E / 45.481826°N 9.184404°E45.481826; 9.184404

Viale Pasubio è una strada di Milano. Congiunge piazza XXV Aprile (e quindi Porta Garibaldi) con piazzale Baiamonti (e quindi Porta Volta).

È una strada commerciale, lunga circa 350 metri, pesantemente danneggiata dai bombardamenti della seconda guerra mondiale.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'Antica Trattoria della Pesa e la targa a Ho Chi Minh

Viale Pasubio è parte della circonvallazione interna, un anello di strade costruito immediatamente all'esterno delle mura spagnole[1]. Come tale, costituiva da sempre un importante asse viabilistico.

All'estremo orientale di viale Pasubio si trova l'arco di Porta Garibaldi, all'estremo occidentale Porta Volta, aperta nel 1880 come accesso al nuovo cimitero e alla nuova strada Comasina (l'attuale via Carlo Farini)[2].

Nel 1878 il viale risultava già percorso dalla tranvia di circonvallazione ed era già attorniato da una fitta edificazione[3].

Alla fine del XIX secolo, la strada portava il nome di Viale di Porta Garibaldi[4], successivamente mutato nell'attuale in ricordo del monte Pasubio, teatro di importanti vicende belliche durante la Prima guerra mondiale.

I resti dei bombardamenti in viale Pasubio

Durante la Seconda guerra mondiale la strada venne pesantemente danneggiata dai bombardamenti del 24 ottobre 1942 e delle notti dell'8 e 13 agosto 1943[5]. Gli edifici posti sul lato sud non vennero mai ricostruiti e restano ancora oggi allo stato di rovina. In questa zona si è insediato un grande vivaio e l'area dismessa è stata frequentemente occupata da accampamenti abusivi,[6] i più centrali di Milano, sgomberati il 15 marzo 2012.[7]

Il progetto del centro direzionale, inserito nel PRG del 1953, prevedeva la demolizione dei vecchi edifici sul lato nord, e la loro sostituzione con moderni edifici a destinazione residenziale e terziaria; l'area di piazzale Baiamonti sarebbe stata occupata da uno svincolo simil-autostradale[8][9]. Tali opere però non vennero mai realizzate.

Negli ultimi anni, la pedonalizzazione di piazza XXV Aprile ha privato il viale della sua funzione viabilistica, se non come accesso all'area e al futuro parcheggio sotterraneo.

Nel viale Pasubio si trova l'Antica Trattoria della Pesa, uno dei ristoranti storici di Milano. È così chiamata perché si colloca esattamente dove, nel secolo XIX, le merci che giungevano da fuori città, venivano pesate per il dazio che andava pagato nei vicini caselli di Porta Volta. Il ristorante è stato fondato nel 1880 e mantiene la stessa insegna[10] e la stessa posizione di allora.[11] Negli anni trenta vi lavorò, come cameriere, il futuro presidente del Vietnam del Nord, Ho Chi Minh. Una targa di marmo sull'edificio ricorda quel lontano evento.[12]

Grattacielo di Viale Pasubio (Torre Unilever)

Nelle immediate vicinanze (in via privata Nino Bonnet, 10) sorge il cosiddetto "Grattacielo di Viale Pasubio", o "Torre Unilever", costruito negli anni settanta, un tempo affittato dalla multinazionale Unilever. Il grattacielo è abbandonato da alcuni anni. Un progetto di riqualificazione è allo studio da parte di "GBPA" e "Asti Architetti".

Viale Pasubio nella cinematografia[modifica | modifica wikitesto]

Il Viale Pasubio appare in due sequenze del film Happy Family (Gabriele Salvatores, 2010): in una scena si vede l'Antica Trattoria della Pesa, mentre nell'altra si vede il celebre graffito di Bros sulle rovine dei bombardamenti.[13][13] Un'inquadratura del film Lui è peggio di me (Enrico Oldoini, 1984) riprende l'estremo est del viale, con piazzale Baiamonti sullo sfondo.[14]

Riqualificazione[modifica | modifica wikitesto]

Il 17 dicembre 2010 la Giunta comunale ha approvato un progetto di riqualificazione dell'area: la superficie interessata è di oltre 17 000 m² e comprende viale Pasubio e l'area con viale Crispi, Porta Volta, viale Montello. Il progetto, finanziato dalla società "Finaval", è dello studio Herzog & de Meuron e "SD Partners" e risale al 2008. La realizzazione principale consisterà nella costruzione di due edifici dell'altezza di 35 metri e di superficie di 12 000 m², destinati ad attività terziarie. Il terreno è da sempre proprietà della famiglia Feltrinelli, ancora nell'Ottocento vi si collocava la falegnameria di famiglia[15]. Ospiteranno la nuova Fondazione Feltrinelli, un auditorium, un cafè, un ristorante, uno store multimediale, una libreria e alcuni uffici comunali: una sorta di nuovo polo culturale.[16] Questa sede si occuperà anche della manutenzione delle mura spagnole e di Porta Volta.

Il progetto prevede anche un ampio parco lineare sviluppato parallelamente all'edificio, sul lato di viale Francesco Crispi. L'intervento prevede inoltre la ristrutturazione dei marciapiedi e la realizzazione di nuovi corsi pedonali e ciclabili fino a piazza Lega Lombarda e piazzale Biancamano.

Nel 2010 è stato realizzato un campione dell'edificio. L'avvio del lavoro di bonifica, previsto per il 15 marzo 2012,[17] ha avuto avvio effettivo il 9 maggio 2012 ad opera di Manfreda Scavi Snc. Nell'autunno 2012 si è proceduto con le operazioni preliminari: otto mesi di attività preparatorie, quindi due anni di costruzione[18].

Nel dicembre 2016[19] è stato inaugurato il complesso della Fondazione Feltrinelli, noto come Piramidi in vetro di Herzog, due edifici identici di forma piramidale con ampie vetrate; nel primo ha trovato posto una libreria, una sala lettura, il grande archivio della Fondazione ed alcune sale congressi; la sede della Fondazione, in totale, si sviluppa su 5 piani, per un totale di circa 2.700 metri quadrati[20]. Nel 2017, nell'edificio gemello, ha aperto una nuova sede di Microsoft[21][22].

Si attende ora la realizzazione di un'area verde pubblica, con grandi viali, un parco giochi, percorsi pedonali e piste ciclabili[20].

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Mappa di Milano nel 1860
  2. ^ Maurizio Grandi, Attilio Pracchi, Milano. Guida all'architettura moderna, Zanichelli, 1980. ISBN 8808052109, p. 62
  3. ^ Mappa di Milano nel 1878
  4. ^ Mappa di Milano nel 1910
  5. ^ "Milano 1943-1955 Bombardata e ricostruita", a cura di Maria Antonietta Crippa, Daniela Mericio, Ferdinando Zanzottera (edito da Istituto ortopedico Gaetano Pini, 2001)
  6. ^ Da corso Como a viale Alemagna Minacce e danni, il racket della movida
  7. ^ Sgomberata dai vigili una baraccopoli abusiva
  8. ^ Il Centro Direzionale, in "Urbanistica" n° 18/19, 1956, pp. 106-111
  9. ^ Guido Amorosi, Milano. Il nuovo Centro Direzionale, in Casabella n° 264, 1962, pp. 9-15
  10. ^ Agenda Milano Archiviato il 29 dicembre 2013 in Internet Archive.
  11. ^ Antica Trattoria della Pesa - Ristorante tipico milanese - Milano
  12. ^ Berlusconi al ristorante dove lavorò lo "zio Ho" Domani improbabile un "predellino 2" - Politica - Repubblica.it
  13. ^ a b Happy Family
  14. ^ Lui è peggio di me
  15. ^ Porta Volta, nasce il polo della cultura Vetro e parchi per la nuova Feltrinelli
  16. ^ Porta Volta cambia look, vetro e acciaio immersi nel verde
  17. ^ Via Pasubio, nel cuore della città spunta l'accampamento dei rom - Milano - Repubblica.it
  18. ^ A Milano la prima pietra della Fondazione Feltrinelli firmata Herzog & De Meuron - Il Sole 24 ORE
  19. ^ Il Giorno, Feltrinelli inaugura la nuova sede il 13 dicembre a Porta Nuova. Poi 5 giorni di eventi - Il Giorno, in Il Giorno, 9 dicembre 2016. URL consultato il 20 settembre 2017.
  20. ^ a b La nuova sede - Fondazione Giangiacomo Feltrinelli, in Fondazione Giangiacomo Feltrinelli. URL consultato il 20 settembre 2017.
  21. ^ La nuova sede Microsoft a Milano, scrivanie condivise e reception virtuale: "Un edificio 4.0, aperto alla città", in Repubblica.it, 15 febbraio 2017. URL consultato il 20 settembre 2017.
  22. ^ Aperta la sede di Microsoft nel nuovo palazzo Feltrinelli, in LaStampa.it. URL consultato il 20 settembre 2017.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Maria Antonietta Crippa, Daniela Mericio, Ferdinando Zanzottera, Milano 1943-1955: bombardata e ricostruita, Milano, Istituto [Ortopedico] Gaetano Pini, 2001.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]