Una memoria prodigiosa: viaggio tra i misteri del cervello umano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Una memoria prodigiosa: viaggio tra i misteri del cervello umano
Altri titoli Viaggio nella mente di un uomo che non dimenticava nulla
Autore Aleksandr Romanovič Lurija
1ª ed. originale 1968
1ª ed. italiana 1972
Genere saggio
Lingua originale russo

Una memoria prodigiosa: viaggio tra i misteri del cervello umano (Malen'kaja knizka o bol'soj pamjati) è un libro di Aleksandr Lurija del 1968. Il libro è stato tradotto anche con il titolo Viaggio nella mente di un uomo che non dimenticava nulla.

Il libro descrive e discute il caso di un giornalista russo, noto come Š, con una mnemotecnica che lo portava a una memoria apparentemente illimitata e a problemi di sinestesia. Per trent'anni Luraija continuò a studiare il soggetto pubblicando infine i risultati dei suoi studi nel 1968. Tra le prodezze mentali compiute da Š valgono la pena di essere ricordate: l'aver imparato poesie in italiano pur non conoscendo la lingua; l'aver appreso formule matematiche senza avere dimestichezza con la disciplina; essere stato in grado di ricordare perfettamente liste di migliaia di parole o cifre a caso.

Il procedimento inconscio da lui usato è una tecnica molto simile a quella dei loci sviluppata in epoca romana: lungo la via di Mosca nella quale abitava, via Gork'ij, disponeva ogni parola, cifra, suono o concetto mentale che dovesse ricordare. Il problema era che Š non era in grado di immaginare per astratto e avere concetti platonici, tanto che per lui persino i numeri e gli odori, o i concetti di infinito e niente, avevano un corrispondente empirico nella sua mente.

Il campione del mondo della memoria Joshua Foer parla di questo libro e di Š nel suo libro L'arte di ricordare tutto, edito in Italia da Longanesi nel 2011.

Edizione italiana[modifica | modifica wikitesto]

Psicologia Portale Psicologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di psicologia