Via ferrata Marmol

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Avvertenza
Alcuni dei contenuti riportati potrebbero generare situazioni di pericolo o danni. Le informazioni hanno solo fine illustrativo, non esortativo né didattico. L'uso di Wikipedia è a proprio rischio: leggi le avvertenze.
Via ferrata Marmol
Schiara.jpg
Il monte Schiara
Tipo percorsovia ferrata
Localizzazione
StatoItalia Italia
Regione  Veneto
Provincia  Belluno
ComuneBelluno
Catena montuosaGruppo della Schiara
MontagnaSchiara
Percorso
InizioRifugio 7º Alpini
FineBivacco Marmol
Altitudine max.2280 m s.l.m.
Altitudine min.1498 m s.l.m.
Data apertura1967
Dettagli
Difficoltàdifficile

La via ferrata Piero Rossi (ex Marmol) fu completata nel 1967, anche se recentemente sono state ammodernate le attrezzature. Si spinge lungo i precipizi a sud-est della Schiara.

Percorrendo la via ferrata in salita, si faranno i primi 100 metri di dislivello in comune con la Via ferrata Zacchi. La via ferrata permette di raggiungere in circa 3:30 la forcella del Marmol, a circa 2262 m., passando per il bivacco fisso Bocco-Zago (dove c'è la possibilità di pernottamento). Solitamente, comunque, data la sua modesta difficoltà, la ferrata viene percorsa in discesa, come prosecuzione della Via ferrata Zacchi e della Via ferrata Berti. La ferrata può anche essere usata per arrivare alla cima del Monte Pelf (dalla forcella Marmol bisogna percorrere il sentiero attrezzato Marino Guardiano).

Accesso[modifica | modifica wikitesto]

Dalla città di Belluno passando per il paese di Bolzano Bellunese si arriva in località Case Bortot, dove è disponibile un parcheggio. Di lì si raggiunge a piedi il Rifugio 7º Alpini (sentiero numero 501), in circa 3 ore di cammino e 1000 m di dislivello. Dal rifugio si arriva in circa 40 minuti al cosiddetto "Portòn" (apertura nella roccia), punto di partenza delle vie ferrate Zacchi (segnavia 503) e Rossi (segnavia 514).

Altre ferrate nella zona[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Eugen Hüsler, Dolomiti. Oltre 80 vie ferrate, Bolzano, 1983.